“Dall’Inferno si ritorna” di Christiana Ruggeri

“Dall’Inferno si ritorna” di Christiana Ruggeri

recensione di Emma Fenu

Inferno

Bibi cresceva nell’Eden dell’infanzia.

Non aveva assaggiato la mela dell’albero della conoscenza del bene e del male.

I suoi giorni erano scanditi dalle carezze e dai rimbrotti della sua Mamma, un Dio di carne, profumato di ananas.

Quanto aveva solo cinque anni hanno morso, con denti aguzzi, la polpa del suo paradiso, lasciandola immersa nel sangue della sua famiglia freddamente sterminata sotto i suoi occhi.

Dio ha voltato lo sguardo, ha lasciato il Ruanda ai “diavoli” hutu che, nel 1994, compirono un terribile genocidio ai danni della minoranza etnica dei tutsi e degli stessi hutu moderati.

Dall’ Inferno si ritorna” è un romanzo, narrato in prima persona dalla protagonista, che non risparmia: fa rivivere al lettore quanto alla piccola Bibi è realmente capitato.

Questo storia è, infatti, un calcio in piena nuca, una raffica di pallottole nell’addome, un braccio dilaniato, il gusto del sangue putrefatto sulle labbra martoriate dalla sete, la lacerazione di un ennesimo addio, la corsa sulla terra rossa per scampare alla morte.

Bambini crocefissi su colline di lava, perforati con una lancia conficcata nel costato, con la fronte grondante rivoli di sangue, nudi e laceri, ma con infinite donne-madri, di ogni colore, sotto la propria croce, pronte a risanarne ogni ferita.

Eppure dall’ Inferno si ritorna, con la fiducia ritrovata in Dio e nell’Uomo.

Eppure dall’ Inferno si ritorna, resuscitati, per piantare un nuovo germoglio in una terra intrisa di sangue e in un ventre violato e profanato.

Per un futuro che è promessa di Paradiso.

Ora penso che spesso a queste tre donne del Ruanda che avrebbero dovuto essere nemiche senza conoscersi. […]

Tra loro doveva esserci un astio privo di significato, congegnato a tavolino da altri, pianificato col tempo e con l’astuzia, da chi voleva annientarne l’unione.

E con quell’odio cieco, piegare il mio grande paese. Invece è la forza delle donne che ha risollevato il Ruanda, che mi ha aiutato, fatto sopravvivere e ispirato. […]

Hanno buttato alle ortiche quelle differenze etniche che volevano il Ruanda disintegrato sotto i suoi stessi machete”.

Titolo: “Dall’Inferno si ritorna”
Autore: Christiana Ruggeri
Edizione: Giunti, 2015
link d’acquisto:

https://www.amazon.it/Dallinferno-si-ritorna-Christiana-Ruggeri/dp/8809805798/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1476385498&sr=8-1&keywords=dall%27inferno+si+ritorna

 

Emma Fenu

Nata e cresciuta respirando il profumo del mare di Alghero, ora vivo, felicemente, a Copenhagen, dopo aver trascorso un periodo in Medio Oriente.

Sono Laureata in Lettere e Filosofia e ho, in seguito, conseguito un Dottorato in Storia delle Arti.
Scrivo per lavoro e per passione.
Mi occupo da anni di storia delle Donne, critica, letteratura al femminile e iconografia di genere; tengo un corso di scrittura creativa; recensisco libri, intervisto scrittori; organizzo e partecipo ad eventi culturali; gestisco siti e blog dedicati al mondo della cultura, fra cui “Cultura al Femminile”.

Ho pubblicato un saggio, “Mito e devozione nella figura di Maria Maddalena”, un romanzo – inchiesta, “Vite di Madri. Storie di ordinaria anormalità”, sul lato oscuro della maternità, racconti, fiabe e poesie e una saga familiare, “Le dee del miele”, che si snoda in una Sardegna intrisa di mito e memoria, dove sono le donne le custodi della vita e della morte. Scrivo fiabe, racconti e collaboro per varie antologie.

Un commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *