“Questione di biglie” di Erika Zerbini – (2012) Eidon edizioni

“Questione di biglie” di Erika Zerbini 

cop_biglie_mail-page-001

Dà voce alla sofferenza. Il dolore che non parla imprigiona il cuore agitato e lo fa schiantare

(William Shakespeare)

Possiamo essere madri, ma solo chi ha provato la perdita di un figlio non nato o già nato può realmente capire e condividere l’intensità estrema di un dolore che rischia di ingoiare l’esistenza.

Ascoltare una donna smarrita e sofferente, supportarla, non è da tutti, a volte è più utile il silenzio o una carezza, starle vicino per non farla sentire ancora di più isolata.

Ciò che è davvero necessario, quasi indispensabile, è che il nostro dolore sia riconosciuto e accettato perché è un dolore reale, come reale era il figlio che aspettavamo”, legittimato, compreso, rispettato dagli altri.

La tragica esperienza dell’aborto, soprattutto quando il bambino è già da alcuni mesi nel grembo, Erika l’ha provata due volte di seguito: dopo aver avuto due figli ormai grandi ha avuto un aborto a 20 settimane e un secondo a 15 settimane.

E’ un’esperienza che devasta una donna che si sente in colpa, difettosa, “guasta”, vuota, sminuita di fronte alle altre che sono riuscite a far nascere un bimbo vivo…e non importa se sia già madre di altri figli, perché ogni bambino è un’entità diversa dalle altre, è frutto di aspettative, sogni, emozioni, fantasie che sono di quel bambino, con un’identità e un nome, e non di un altro.

“I bambini nascono prima dai pensieri, poi diventano desideri, poi si cercano e quando arrivano diventano reali”.

Erika dà voce alla sua esperienza con un’intensità e una a profondità preziose.

Ad ogni parola si percepisce il grande lavoro di autoanalisi che ha percorso, ogni parola è intrisa delle lacrime cocenti che ha versato; una sofferenza che coinvolge con forza tutte le nostre emozioni, in una gamma infinita di sfumature che ci fanno sentire lì con lei, in quei momenti, con tutte le donne che hanno sofferto lo stesso aspro dolore, perché, se siamo donne, non possiamo che compenetrare quello che sente, scendendo con lei nell’abisso per poi risorgere a nuova vita, a progettare nuova vita.

Non tutte avranno il coraggio di fare con lei questo percorso: non tutte le donne sentono fortemente l’istinto materno e potranno pensare che non le riguarda, o che sono lontane da quel modo di sentire, o che sono impotenti ad aiutare o anche potranno rifiutare di continuare la lettura. In quel caso potranno chiedersi il perché, oppure no….dietro alla negazione c’è sempre un oceano da scoprire, non tutti riescono a immergersi nelle profondità oscure, preferiscono evitare, qualche volta questo è un bene, ma può anche intossicare la vita.

Erika ha sofferto molto nel sentirsi ignorata o compatita o quando si sentiva dire “ma tanto hai altri figli” o quando i medici parlavano dei suoi due figli non nati “scarti istologici”, con un gelo che non è scientifico, è solo inumano: imparare l’empatia, cioè, per dirla un po’ troppo semplicemente, mettersi nei panni degli altri, è qualcosa che ci rende più umani, che ci fa dare quanto ricevere amore e gratitudine, è qualcosa che ci rende più felici, in questo mondo dove la sofferenza è parte della vita stessa, senza distinzione, e raramente fa sconti a qualcuno.

Erika ha il coraggio di attraversare il dolore più straziante senza cadere in pezzi, trasformandolo in amore per una nuova vita, e per un’altra ancora, aprendo il suo cuore all’ascolto dei battiti suoi e dei suoi figli in armonia con la Natura e con gli altri. Va in profondità di se stessa e accetta, poi progetta di nuovo, perché in lei la forza della VITA è più forte di qualunque paura.

Devo solo lasciare che il tempo faccia il suo corso, lasciare che nel tempo alcune emozioni si sedimentino, altre maturino, altre scompaiano e che col tempo mi sia restituito un corpo capace di far vivere ancora”.

Accanto a lei c’è la figura di suo marito, un UOMO a lettere maiuscole, come tutte vorremmo averne uno vicino, capace di silenzio e di sostegno, di forza e delicatezza, di dolore e di serenità. Una figura di primo piano, densa d’amore.

Ho scoperto che ciò che mi serve per costruire il mio futuro non è fuori, ma è dentro di me. Quella dimensione sconosciuta dalla quale arrivo e verso la quale vado non è al di là, ma è al di qua…Il percorso che ho compiuto sta tutto dentro, è invisibile, ma mi ha portato davvero molto lontano, in un luogo in cui ho fiducia che saprò trovare, qualunque cosa accada, un modo per sentirmi felice”.

Consiglio

Una lettura che potrà dare a tutte le donne la possibilità di comprendere meglio se stesse e le altre.

Gli uomini che leggeranno il libro, spesso confusi di fronte alle forti emozioni delle donne, riusciranno a entrare nel difficile e complicato mondo femminile con una consapevolezza maggiore e con strumenti in più per essere vicino alle loro compagne.

Sicuramente fondamentale per tutte le donne che hanno avuto esperienze così dolorose, perché la condivisione le aiuterà a uscire dal tunnel della sofferenza: è un libro raccomandato da professioniste ginecologhe così come il blog di Erika http://professionemammablog.blogspot.it , e lo“Sportello a braccia vuote” presente nelle città di Roma, Como, Cagliari e Milano.

Erika Zerbini, genovese, oggi ha tre figli: la più grande tredicenne, un’altra di sei anni e il più piccolo di quasi tre anni, arrivato dopo la perdita durante l’attesa delle due bambine di cui parla nel suo libro. Da allora ha coltivato interesse per la psicologia, l’ascolto e il sostegno alle mamme. Dopo “Una questione di biglie” ha scritto e pubblicato (solo in versione e-book) “Nato vivo”, una raccolta di e-mail che percorrono il periodo della gravidanza dopo il lutto, quindi “Professione MAMMA”, da cui il suo blog http://professionemammablog.blogspot.it, che intende invece focalizzare l’attenzione sulla maternità vissuta.

Tiziana Viganò

http://tizianavigano.blogspot.it

 

Emma Fenu

Nata e cresciuta respirando il profumo del mare di Alghero, ora vivo, felicemente, a Copenhagen, dopo aver trascorso un periodo in Medio Oriente. Sono Laureata in Lettere e Filosofia e ho, in seguito, conseguito un Dottorato in Storia delle Arti. Scrivo per lavoro e per passione. Mi occupo da anni di storia delle Donne, critica, letteratura al femminile e iconografia di genere; tengo un corso di scrittura creativa; recensisco libri, intervisto scrittori; organizzo e partecipo ad eventi culturali; gestisco siti e blog dedicati al mondo della cultura, fra cui "Cultura al Femminile".Ho pubblicato un saggio, "Mito e devozione nella figura di Maria Maddalena", un romanzo - inchiesta, "Vite di Madri. Storie di ordinaria anormalità", sul lato oscuro della maternità, racconti, fiabe e poesie e una saga familiare, "Le dee del miele", che si snoda in una Sardegna intrisa di mito e memoria, dove sono le donne le custodi della vita e della morte. Scrivo fiabe, racconti e collaboro per varie antologie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *