Crostata di pere caramellate

unnamed

per 2-4 persone

50 g farina 00

50 g farina integrale

50 g zucchero (anche di canna)

50 g burro

1 tuorlo

buccia di 1 limone bio

un pizzico di sale

1 pera grande

4 cucchiai zucchero

20 g burro

La foto non è granché, ma la torta è fenomenale: semplicissima, ha il profumo delizioso delle pere autunnali. La difficoltà sta nel disporre le pere cotte con un gesto fluido ed elegante come fanno i pasticceri di professione, cosa che io non sono affatto, ma ce la farò la prossima volta.

Io adoro la pasta frolla con farina integrale quando c’è la frutta soprattutto, ma se non vi piace usate pure la sola 00. La ricetta della pasta frolla che faccio da tutta la vita è diversa da quella classica perché sciolgo il burro, e la preferisco così. Provatela e poi mi direte, la differenza c’è.

Fate sciogliere su fuoco bassissimo con due cucchiai d’acqua il burro a pezzetti e lasciatelo intiepidire. Mescolate gli altri ingredienti per la frolla in una terrina, da ultimo unite il burro, continuate con la forchetta, poi rapidissimamente impastate con le mani e fate una palla. Stendete un foglio di carta da forno, mettete la parta, un altro foglio e poi stendete con un mattarello un cerchio sufficiente per il fondo e i bordi di una teglia da 20 cm. Bucherellate il fondo della torta, mettete un altro foglio di carta da forno e copritelo con ceci o fagioli o sale grosso per cuocere la frolla a secco. Infornate a 180° per 10 minuti. Nel frattempo in una padellina fate caramellare a secco tre cucchiai di zucchero. quando è dorato unite 20 g di burro a pezzetti e mescolate. Attenzione al fuoco bassissimo, guai a friggere, dovreste buttare tutto. Tagliate a metà la pera nel verso della lunghezza, con la buccia, con uno scavino eliminate il torsolo poi mettetele con la parte tagliata nello zucchero al burro, cuocete un minuto mentre con un cucchiaio irrorate la parte superiore del frutto con il sugo. Toglietela,  affettatela. Togliete la torta dal forno, levate la carta e i fagioli, poi, con il gesto di cui dicevo prima prendetela con una palettina e fatele scivolare sulla pasta frolla, disponendole elegantemente (se ci riuscite! altrimenti è buona ugualmente). irrorate la torta con lo sciroppo di zucchero burro e pere e rimettetela in forno per altri 10 minuti, fino a che la vedrete ben dorata e sentirete un profumo paradisiaco.

Tiziana Viganò

Emma Fenu

Nata e cresciuta respirando il profumo del mare di Alghero, ora vivo, felicemente, a Copenhagen, dopo aver trascorso un periodo in Medio Oriente.

Sono Laureata in Lettere e Filosofia e ho, in seguito, conseguito un Dottorato in Storia delle Arti.
Scrivo per lavoro e per passione.
Mi occupo da anni di storia delle Donne, critica, letteratura al femminile e iconografia di genere; tengo un corso di scrittura creativa; recensisco libri, intervisto scrittori; organizzo e partecipo ad eventi culturali; gestisco siti e blog dedicati al mondo della cultura, fra cui “Cultura al Femminile”.

Ho pubblicato un saggio, “Mito e devozione nella figura di Maria Maddalena”, un romanzo – inchiesta, “Vite di Madri. Storie di ordinaria anormalità”, sul lato oscuro della maternità, racconti, fiabe e poesie e una saga familiare, “Le dee del miele”, che si snoda in una Sardegna intrisa di mito e memoria, dove sono le donne le custodi della vita e della morte. Scrivo fiabe, racconti e collaboro per varie antologie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *