La ginnastica… col passeggino!

Le mie amiche passeggine

Di Antonia Romagnoli

mamma figlio

Un’idea per le neo mamme: la ginnastica col passeggino.

La maternità porta con sé tanto doni, ma i primi tempi coi bimbi sono spesso duri.

Può sembrare una sciocchezza, ma per una donna comincia una nuova, difficile fase di adattamento al proprio corpo: le pubblicità e i film ci fanno credere che, una volta nato il bambino, magicamente la pancia torni piatta, il seno ritorni sodo, alto, bello, la pelle splenda e i capelli si presentino lucidi e docili.

Il post partum ci mette di fronte a ben altre realtà: non solo nelle prime settimane si appare ancora sformate, ma tutto il corpo, stressato da nove mesi di fatica, reagisce al nuovo stato rilassandosi.

Poi l’allattamento, o quanto meno gli ormoni impazziti, fanno il resto. Aiutati dalle notti insonni e dallo stress della nuova situazione famigliare.

Ci sentiamo stracci, ci vediamo stracci.
mamme mamma

Vedersi i piedi, finalmente!!!!!

Una delle prime sfide che perdiamo è quella con l’armadio. I premaman ci stanno larghi, i nostri vestiti di prima… no, non proviamoci nemmeno.

Allo specchio non ci riconosciamo quasi: è normale, perché al pancione ci siamo abituate lentamente, alla forma sfinita del dopo parto ci dobbiamo abituare in un attimo. Senza contare che di solito del pancione si va tutte più o meno fiere (anche quando ci fa sentire goffe), delle smagliature e della cellulite molto meno. A volte dobbiamo vincere la sensazione di essere svuotate, di aver perso il legame speciale col nostro piccino.

Il punto fondamentale è che ai tempi d’oggi non abbiamo molti confronti reali con altre mamme nella stessa situazione: spesso dopo i corsi preparto ci si perde di vista, al massimo si tengono contatti virtuali e le neomamme tendono a vivere in una certa solitudine questa fase delicata, perché nonne, zie e amiche ci offrono conforto ma non confronto.

A risolvere con un colpo di bacchetta tutti questi problemi è arrivata un’idea geniale, che permette alle mamme di rimettersi in forma e di socializzare senza dover lasciare i piccolini: la ginnastica col passeggino.

50 sfumature di mamma

In alcune città le (ci) avete anche viste: frotte di neomamme, armate di carrozzine e passeggini, lanciate in mezzo ai viali dei parchi. Saltellanti, sgambettanti, a suon di affondi (si chiamano squat, lo sapevate?), queste mamme sono determinate a combattere contro le difficoltà della vita.

Non si tratta solo di fare ginnastica, si tratta di riprendere in mano la propria vita e tornare a sentirsi donne, nella nuova dimensione della maternità.

La ginnastica col passeggino permette di unire i bisogni delle mamme come donne a quelli delle donne come mamme: stare col proprio piccino, allattarlo se capita, portarlo con sé nei primi mesi in cui il legame è ancora così stretto. Senza rinunciare a se stesse e alla propria salute (e, perché no, anche bellezza!)

La ginnastica è pensata e studiata per venire incontro alle esigenze del dopo parto: è graduale, mirata a rafforzare la muscolatura che ha subito maggior stress nei nove mesi e nel travaglio, con un’attenzione particolare al pavimento pelvico e agli addominali, che necessitano di maggiori cautele e cure. Soprattutto dopo un cesareo.

Gli esercizi sono tanti, diversificati a seconda del livello raggiunto: gambe, glutei, addominali, braccia… camminando e utilizzando il passeggino come appoggio, oppure con esercizi a terra o con un semplice elastico, la ginnastica per le neo mamme serve a tonificare, a riportare il fisico alla normalità dopo tanti mesi di superlavoro, a prevenire piccoli disturbi dovuti al parto o alle posture che si assumono tenendo in braccio a lungo il bambino.

Questa è la storia che potete trovare anche in rete. Ci sono video che vi mostrano meglio delle mie parole in che cosa consiste, come si fa. Ci sono i siti dove trovare tutte le informazioni sui corsi.

Questo è un esempio:

Quello che vi racconto ora, invece, in rete non lo trovate.

Non trovate Betta Gilioli, la mitica insegnante del corso di Piacenza, che con pazienza infinita ha portato in giro me e le altre mamme, le prime pioniere in città per questa iniziativa.

Un gruppetto abbastanza lavativo, sicuramente folle, decisamente strano. Un gruppetto più determinato ad allenare la lingua, a volte, che a rassodare i glutei… Persone fantastiche che, fra un affondo e l’altro, hanno costruito una solida amicizia.

Siamo approdate poco più di un anno fa a questa esperienza, io con la mia “nuvola grigia”, l’assoluto bisogno di trovare una via d’uscita da casa, e tanti chili in più. Le altre meno depresse, ma tutte alla ricerca di un modo di ritrovarsi.

Abbiamo trovato Betta che ci ha accolte e guidate, spronate e fatte sentire… quasi sportive. Ci siamo trovate noi.

La ginnastica col passeggino è stata per ognuna di noi un’ancora di salvezza, tanto che a tutte è dispiaciuto dover abbandonare quando i piccoli hanno cominciato a rendere difficoltose le sessioni di ginnastica, in particolare quelle al chiuso nella cattiva stagione.

foto d'archivio, inutile cercare di capire quale sono io :)

I corsi vanno avanti, nuove mamme e nuovi bimbi assediano i giardinetti, mentre a noi ormai tocca un nuovo sport: l’inseguimento pargoli, perché ormai sono cresciuti e sono loro adesso ad allenarci, facendoci correre per riacciuffarli.

Pur non essendo olimpionico,  il nostro nuovo sport richiede calma olimpica, specie quando nei supermercati è seguito da lancio del barattolo o da spinta del carrello, ma la vita è così: i bimbi crescono, le mamme anche.

Magari non avrò recuperato degli addominali da urlo (succede, alle lavative che contano due e fanno uno durante gli esercizi…) ma ho trovato delle amiche fantastiche.

Le mie amiche passeggine.

Visto che questa non è una fiaba ma vita vera, non c’è un finale. Ci sono i bellissimi ricordi dei giorni trascorsi inseme, ci sono gli alte e bassi della vita da mamme che ancora condividiamo. Ci sono le risate che ci siamo fatte e che ancora ci facciamo, più in chat che dal vivo, ora che è diventato più difficile incontrarsi fra lavoro e impegni vari.

C’è un po’ di invidia per le nuove leve di Betta, per la loro avventura appena agli inizi.

Qualcuna di noi, a dire il vero, a breve ripeterà il giro.

E sono certa che anche il nuovo piccino imparerà presto che cosa vuol dire squat.

Per saperne di più:

http://www.mammaf.it/

http://www.alfemminile.com/nivea/ginnastica-con-il-passeggino-con-mammafit-d38643.html

http://www.perlamamma.org

Antonia Romagnoli

 

3 commenti:

  1. Bello! Tu hai un bellissimo sorriso! <3 Buona giornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *