“Vite di madri” di Emma Fenu

 “Vite di madri” di Emma Fenu

Recensione di Ornella Nalon

Vite di Madri

Tredici microcosmi dell’universo femminile raccontati con estrema delicatezza anche dove, di delicato, c’è soltanto la penna che scrive e l’animo delle protagoniste, che riesce a rimanere tale, anche dopo avere sostenuto delle prove di sovrumana resistenza.

Donne umiliate, sofferenti, ferite, violentate nel corpo e nello spirito, che riescono, nonostante tutto, a risorgere dalle loro ceneri.

Tuttavia si sa che, se la carne possiede una eccezionale capacità di rimarginazione, certe lacerazioni interiori cicatrizzano con una estrema lentezza.

E sono proprio queste, le ferite che dolgono maggiormente, che incutono sofferenze estreme, al limite della sopportazione.

In Vite di madri, leggeremo testimonianze dirette di figlie abusate, non sufficientemente amate o sopravvissute a una malattia diagnosticata mortale, di donne infeconde, di madri che lo sono state solo per un attimo, di talune che si sono sentite indegne e di altre, ancora, che sono ricorse all’adozione per saziare la loro fame d’amore.

Storie di autentici drammi che toccano il cuore come sferzate assestate da una mano crudele, ma che poi, alla fine, finiscono con il fare del bene.

La loro asperità ci fornisce un mezzo per metabolizzare le nostre vicende, per attenuarne la loro valenza e collocarle nella giusta dimensione.

Anche Emma Fenu si racconta, non con una sua vicenda, ma di sé, giusto per conoscerla quel tanto che basta senza invadere la funzione di primarietà delle altre donne.

Lo fa con il suo stile personale, che riconoscerei tra mille e che a me piace definire “fiorito”.

Chi è Emma?”, si chiede, e vorrebbe rispondersi, vorrebbe farcelo sapere, ma non è semplice descriversi, non si può riassumere un carattere formatosi da una moltitudine di esperienze e anch’esso multisfaccettato.

Emma è una donna d’altri tempi, “fiocchi, merletti e confetti rosa”, è una “tazzina da tea, di fine porcellana”, preziosa ma anche tanto delicata.

Eppure è anche forte, decisa, tenace.

Emma è cultura: ama il sapere, si nutre di esso.

Lo usa per arricchire se stessa e lo elargisce a piene mani, anche agli altri, con generosità. Perché lei è abituata a darsi, a donarsi senza parsimonia.

Lei ascolta e consiglia e capisce sempre, lei rispetta i tempi, il modo stesso in cui scrivi”.

Il suo libro, Vite di madri, è uno specchio della sua personalità: curato in ogni minimo dettaglio, dolce e forte, vero e intenso, destinato a lasciare un segno.

Questo libro va assaggiato un po’ alla volta, a piccole dosi, così, come un piatto prelibato composto da ingredienti non facilmente digeribili, dev’essere lentamente assimilato.

Potrebbe dare problemi allo stomaco, ma se lo si sa dosare, il senso di sazietà e di appagamento che trasmette è ineguagliabile.

Titolo: “Vite di Madri. Storie di ordinaria anormalità”
Autore: Emma Fenu
Edizione: Milena, 2017
link d’acquisto:

https://www.amazon.it/Vite-madri-Storie-ordinaria-anormalit%C3%A0-ebook/dp/B06XH3TFBP/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1491322307&sr=8-1&keywords=vite+di+madri

Emma Fenu

Nata e cresciuta respirando il profumo del mare di Alghero, ora vivo, felicemente, a Copenhagen, dopo aver trascorso un periodo in Medio Oriente. Sono Laureata in Lettere e Filosofia e ho, in seguito, conseguito un Dottorato in Storia delle Arti. Scrivo per lavoro e per passione. Mi occupo da anni di storia delle Donne, critica, letteratura al femminile e iconografia di genere; tengo un corso di scrittura creativa; recensisco libri, intervisto scrittori; organizzo e partecipo ad eventi culturali; gestisco siti e blog dedicati al mondo della cultura, fra cui "Cultura al Femminile".Ho pubblicato un saggio, "Mito e devozione nella figura di Maria Maddalena", un romanzo - inchiesta, "Vite di Madri. Storie di ordinaria anormalità", sul lato oscuro della maternità, racconti, fiabe e poesie e una saga familiare, "Le dee del miele", che si snoda in una Sardegna intrisa di mito e memoria, dove sono le donne le custodi della vita e della morte. Scrivo fiabe, racconti e collaboro per varie antologie.

Un commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *