Una famiglia quasi perfetta (Daughter) di Jane Shemilt

Una-famiglia-quasi-perfetta-di-Jame-Shemilt-200x300

Una famiglia quasi perfetta (Daughter) di Jane Shemilt

 Newton Compton Editori –  Giugno 2015 –  Pagine: 330

La famiglia come una lastra di cristallo: basta un crepa per ridurre tutto in mille pezzi. Jenny è un medico, sposata con un famoso neurochirurgo e madre di tre adolescenti. Una vita che scorre tranquilla nel fiume del tran tran quotidiano. Ma un giorno accade qualcosa che ne sconvolge l’esistenza: Naomi, la figlia quindicenne, non fa ritorno a casa dopo la scuola. Naomi è scomparsa nel nulla, e le autorità brancolano nel buio. Eppure la risposta si cela proprio nei dettagli, fra le pieghe di quel guardarsi, senza vedersi.  In un doloroso e profondo percorso a ritroso, Jenny si ritrova a combattere contro la propria cecità, contro le convinzioni che l’hanno portata a considerare la propria condizione, quella dei figli e del marito, come solide. Nel baratro della disperazione in cui precipita, analizza ogni comportamento precedente alla scomparsa di Naomi, fissando nel proprio sguardo e in quello degli altri due figli: Ed e Theo, e il marito Ted, il vuoto celato all’apparente normalità.

Un diario lucido, disperato,  in cui ogni giorno è teso all’ascolto. Il racconto di una madre che cerca di non soccombere alla sofferenza per poter coltivare la speranza di ritrovare la figlia. Commovente e devastante, il tentativo di non cedere alle ipotesi più crude, quali lo stupro e l’omicidio, in merito a quanto può essere accaduto a Naomi.

“Le strade scorrevano fuori dal finestrino, piene di persone che non erano Naomi”.

Struggente,  la ricerca  delle espressioni del viso della figlia, nella memoria e nelle foto, per poterne cogliere le sfumature che non aveva saputo cogliere prima della sua scomparsa.

“Per sempre”: è fin lì che spazia il tuo sguardo prima che la vita ti ferisca… Ma niente dura. Non i luoghi, non le persone, non l’amore, nemmeno gli anni fugaci dell’infanzia. La perdita, invece, dura.

Raramente ho letto dei trhiller scritti con una maestria e con una componente emotiva e analitica così profonda. Jane Shemilt costruisce un intreccio che coinvolge e sconvolge il lettore,  con uno stile asciutto e intenso, in cui i dialoghi sono la diretta conseguenza di ciò che non è mai stato detto e affrontato.

Un libro che coniuga la suspence con la riflessione, e che spalanca lo sguardo su quello che diamo per certo e assodato, all’interno dei rapporti e delle dinamiche che ci appartengono.

Silvia Lorusso

http://www.passionelettura.it/recensioni-libri/una-famiglia-quasi-perfetta-daughter-jane-shemilt/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *