“Un firmamento di stelle” di Rosaria Andrisani

“Un firmamento di stelle” di Rosaria Andrisani

Recensione di Ilaria Biondi

rosaria andrisaniL’universo poetico di Rosaria Andrisani è un dipinto dai tenui e luminosi colori pastello.

Undelicato acquerello che traduce un paesaggio interiore ricco di sfumature, suggestioni, impressioni, emozioni, percezioni.

La sua parola prende per mano ogni istante, perché della forza intensa e prorompente di ogni fugace attimo essa si nutre, accoccolandosi sulle ginocchia del “momento” e vivendolo in tutta la sua luminosità.

Scava in esso, quasi lo trattiene, con mano ferma e coraggiosa, eppur sempre garbata.

L’io poetico soffre e trema.

Patisce, con i suoi simili, in un moto di raccolta condivisione e compassione, le tribolazioni e gli affanni dell’umana condizione.

Vive hic et nunc, con partecipata generosità.

La mente coglie, e accoglie.

È la Realtà cosciente che, con volontà e coraggio, le indica il sentiero da percorrere, nel ripido e tortuoso cammino quotidiano.

È filo tenace che la tiene solidamente ancorata a certezze ed esperienze.

Eppure, qualcosa in Rosaria Andrisani è ansioso di travalicare confini e varcare soglie, quasi impercettibilmente.

Perché la poetessa ha ali che volano verso l’infinito, laddove l’orizzonte sfuma e l’occhio non riesce più a catturarlo.

La sua anima si espande. In avanti e all’indietro.

La sua parola danza e volteggia, dipingendo un cielo punteggiato di stelle.

Il tempo dell’oggi e dell’ora si dilata a dismisura e si inchina, con pudore e rispetto, davanti all’altare dei ricordi e a quello delle speranze, dei sogni, del nuovo domani.

Il passato si fa vivo e palpitante, ma incede con muta malinconia.

Se c’è dolore, se c’è rimpianto, se c’è rimorso, se ci sono lacrime è sulle note di una mestizia appena accennata, mai esibita, che essi vengono declinati.

La poesia di Rosaria Andrisani non è gridata.

Non ha voce ruvida e aspra.

Il gruppo consonantico –nt, che si ripete con frequenza, sembra inserire ogni evento, ogni pensiero, ogni palpitante sensazione – sia essa dolente o lieta – entro una dimensione di pacata lentezza e di silente serenità e morbidezza.

Il silenzio avvolge tutto – disillusioni, pianti, sorrisi bugiardi e verità disattese – con pazienza e talvolta mite rassegnazione.

I tormenti per ciò che non è stato o per ciò che non avrebbe dovuto essere affiorano, fanno sentire il loro peso.

Ma l’anima ha la forza, la volontà e il coraggio di elevarsi, in uno stato di quiete interiore e di saggezza che appartengono a chi ha vissuto e vive sapendo cogliere l’incanto del momento.

Coltivare la letizia.

Rinascere nello stupore di un fiore che sboccia e di un bambino che sorride, nella taciturna e fragile bellezza di un tramonto.

C’è inquietudine, ma è dolce.

L’animo è leso ma le ferite non sanguinano.

O se lo fanno, il Verso di Rosaria Andrisani sa lenirle con bende di fine cotone, che ha il profumo antico di sapone fatto in casa e lavanda.

Il Verso pulito, limpido, essenziale di Rosaria guarda con gratitudine alle lontane memorie, racchiuse in uno scrigno, al sicuro…

E ritrova, in sé, la luce e l’emozione per ricominciare, per cambiare, per guardare alla nuova alba, per rinascere.

Il cielo può addensarsi e farsi cupo.

Il Tempo sa scorrere impietoso sul cuore e sulla pelle.

L’inverno dell’anima tenta talvolta di aprirsi varchi e squarci, di far capolino nelle giornate scolorate.

Ma l’attesa dell’arcobaleno restituisce luce ed ali a quella stessa anima, assetata di vita.

Rosaria cammina scalza sul sentiero dei suoi giorni, con il cuore nudo in mano…

Ed estasiata, meravigliata, rapita, volge lo sguardo al cielo e lì si abbandona al bagliore stupito del suo personale firmamento di stelle: creatura umana, bambina, donna, figlia e madre, che con anima fanciulla prende per mano il suo destino e ad esso si affida speranzosa.

 Autore: Rosaria Andrisani

Titolo: Un firmamento di stelle

Editore: Flower-ed

Anno edizione: 2015

https://www.amazon.it/firmamento-stelle-Pegaso-Vol-ebook/dp/B015BBIXGK

Sinossi:

I versi di Rosaria Andrisani nascono dall’ispirazione naturale del suo animo sensibile.

Sono il riflesso di sensazioni, ricordi, pensieri e realtà che abbracciano l’universo femminile, ricco di contorni dai diversi e contrastanti colori che mostrano le mutevoli tonalità della gioia e del dolore, delle lacrime e dei rimpianti, delle illusioni e dell’apparenza, dell’orgoglio e della forza d’animo.

 

Emma Fenu

Nata e cresciuta respirando il profumo del mare di Alghero, ora vivo, felicemente, a Copenhagen, dopo aver trascorso un periodo in Medio Oriente. Sono Laureata in Lettere e Filosofia e ho, in seguito, conseguito un Dottorato in Storia delle Arti. Scrivo per lavoro e per passione. Mi occupo da anni di storia delle Donne, critica, letteratura al femminile e iconografia di genere; tengo un corso di scrittura creativa; recensisco libri, intervisto scrittori; organizzo e partecipo ad eventi culturali; gestisco siti e blog dedicati al mondo della cultura, fra cui "Cultura al Femminile".Ho pubblicato un saggio, "Mito e devozione nella figura di Maria Maddalena", un romanzo - inchiesta, "Vite di Madri. Storie di ordinaria anormalità", sul lato oscuro della maternità, racconti, fiabe e poesie e una saga familiare, "Le dee del miele", che si snoda in una Sardegna intrisa di mito e memoria, dove sono le donne le custodi della vita e della morte. Scrivo fiabe, racconti e collaboro per varie antologie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *