“L’asino e la rana” racconto di Tiziana Viganò

il racconto è tratto dall’antologia <<La rondine sul filo e altri racconti>> (2013) Marco Del Bucchia Editore – disponibile su Amazon

Marco era uno che non sapeva mai che pesci pigliare.asino

Né bello né brutto, né alto né basso, né grasso né magro, né buono né cattivo, né sciocco né troppo intelligente…una persona così.

Era arrivato alla bella età di quarantacinque  anni schivando abilmente gli ostacoli, come un ginnasta alle olimpiadi,  cullandosi mollemente nel brodo di chi, non prendendo mai decisioni, stava a galla in attesa che gli altri, gli eventi esterni o anche il tempo che passa, gli risolvessero i problemi. Non prendendo posizione, era anche un vero diplomatico, perché sembrava andare d’accordo con tutti, non contrastava le opinioni altrui, seguiva l’onda; nonostante questa apparenza però, stranamente lasciava nelle persone che lo avvicinavano una scia di irritazione costante.

Capirete bene, di fronte a uno così tutti sapevano di non potergli mai chiedere un consiglio o un’opinione, né potevano considerarlo un punto di riferimento: sembrava che il  pensiero di Marco fosse sempre altrove, concentrato com’era a evitare i problemi. Svagato, un po’ sordo, ma non certo per patologia: scommetto che avete anche voi incontrato uno così.Come l’asino di Buridano,  non riuscendo a decidere tra due mucchi di fieno, uno a destra e uno a sinistra, bloccato dall’incapacità di scegliere, rimaneva fermo e moriva di fame.

Erano le emozioni e i sentimenti  la sua bestia nera, perché nel campo della vita pratica funzionava abbastanza bene, per esempio nel lavoro aveva preso un’unica decisione, era stata un successo, e aveva perseguito per anni quella strada, giusto per non dover troppo soffrire cambiando qualcosa. Era stato molto bravo in questo: aveva preso in mano il lavoro del padre, ma aveva cavalcato una moda e aveva puntato su quella, rendendo quell’attività già redditizia un vero successo, che gli aveva fornito molto denaro, o come diceva lui con orgoglio, “molto fieno da mettere in cascina” (a proposito di fieno…).

Si considerava un buon partito: del resto chi non vorrebbe un uomo così ?!  Le donne erano il problema fondamentale della sua vita, croce e delizia.

Era uno di quelli che per non decidere metteva gli altri nell’obbligo di farlo: quando si era stufato di una donna, la metteva nelle condizioni di lasciarlo per sfinimento, così risolveva brillantemente il problema. Se invece era lui a voler conquistare, si ritrovava a pensarci per mesi, frequentando contemporaneamente molte donne, per confrontarle, per pesarle sul bilancino, barcamenandosi, poi si lasciava scegliere dalla più combattiva, la vedeva per un po’, e, insoddisfatto, ricominciava la caccia all’irraggiungibile.

Per il momento lo stress non lo aveva ancora abbattuto, ma cominciava a roderlo come un topo rosicchia le croste dei formaggi: tra poco sarebbe arrivato alla pasta morbida. Rinunciava così ad essere felice, per non tollerare la sofferenza che gli portavano le frustrazioni, i suoi errori, le verità degli altri e le sue: così la sua vita si colorava sempre più di un grigio smorto. E compiuti i quarant’anni, nella vita di tutti comincia la resa dei conti.

Un personaggio certamente tormentato e tormentatore, come purtroppo ce ne sono tanti in giro per il mondo. Ora sentiva il bisogno di cambiare, finalmente, ma non sapeva prendersi responsabilità,  mettersi in gioco, decidendo i cambiamenti da fare; non aveva la capacità di prendere informazioni sufficienti a dargli  possibilità di valutare bene tra elementi positivi e negativi, prima di fare un grande passo: così era come paralizzato, con la tremenda paura di muoversi decidendo la direzione da prendere. La donna di turno, ovviamente, si sentiva destabilizzata.

Come in un’astrazione Marco si sbatteva qua e là, senza una regola, sognando un mondo dove tutto fosse facile e semplice: non metteva i piedi per terra a fare un ragionamento razionale sulle fattibilità…già, perché ora, anche nel campo del  lavoro, che gli era diventato stretto, aveva allargato la sua indecisione e cominciava a perdere colpi.

A differenza di quello che pensavano le sue donne, che avevano tutte il temperamento della crocerossina, della mamma-chioccia, ed erano tutte prese a volerlo cambiare, difficilmente sarebbe cambiato: solo la sua mamma vera sarebbe rimasta sempre lì, a cavargli le castagne dal fuoco, e a salvarlo per tutta la vita.

Un giorno, intorno ai quarant’ anni, la donna di turno gli aveva dato un’alternativa scioccante: o andiamo a vivere insieme o ti lascio. Difficilmente lui si era innamorato così, nella vita, ed era stato costretto a scegliere di seguirla nell’avventura: aveva comprato casa, aveva messo qualche mobile, aveva perfino traslocato…. Incredibile.

Dopo qualche mese di convivenza, aveva adottato una strategia di ostruzionismo tale che la donna era fuggita, non dopo aver trovato un altro, per fortuna: lui era rimasto nella sua nuova casa da single, sommerso dagli scatoloni che non si decideva a smontare, pronto a tornare da mammà che lo aspettava a braccia aperte. Per quanto tempo avrebbe tollerato le frustrazioni?

O sarebbe meglio preoccuparci di quanto e come le avrebbero tollerate le sue compagne?

……….

Come in un film degli anni ’80, un giorno le sue ex si riuniranno davanti a due pentoloni per ripetere quell’esperimento un po’ orripilante, lo conoscete? Proveranno a buttare in acqua bollente la rana-Marco che schizzerà subito fuori dalla pentola per salvarsi la vita, confuso e stupito per lo scherzo. Ma poi, quelle malvagie, lo butteranno in acqua fredda, e sulla fiamma lenta lenta: vedranno che lui sentirà pian piano la temperatura alzarsi, si abituerà e, senza rendersene conto, finirà lessato vivo quando l’acqua bollirà.

E le streghe balleranno intorno al pentolone, succhiando cosce di rana bollita.

Marco era uno proprio così…..un povero cucciolone smarrito, e come tale attraente.

Né bello né brutto, né alto né basso, né grasso né magro, né buono né cattivo, né sciocco né troppo intelligente…un vero tesoro, da trovare e mangiare!

http//tizianavigano.blogspot.it

 

tizianaviganò

Tiziana ViganòMilanese, laureata in Lettere Moderne, redattrice e iconografa per molti anni presso Garzanti Editore, ha poi approfondito altri interessi e lavorato nel campo della psicologia, della comunicazione e della medicina naturale, studiando a fondo i rapporti tra mente e corpo. Appassionata di cultura, arte e letteratura, scrive da sempre: è scrittrice e giornalista free lance. Ha pubblicato saggi e articoli: negli ultimi anni, con gialli e racconti ha trovato nuovi spazi nella narrativa. Il lavoro sul campo l’ha portata a prestare una particolare attenzione alla psicologia e le ha fornito ispirazione per raccontare soprattutto storie vere, centrando in particolare figure femminili che emergono con le loro luci e ombre, nelle difficoltà e nel successo, nel dramma e nella rinascita. Attiva nel volontariato sociale a favore delle donne, ha fatto esperienze e progetti per ONG in Africa e nella Repubblica Dominicana a favore dei migranti: assieme al lavoro come Counselor (terapia di sostegno) e ai viaggi nel mondo, queste attività sono fonti inesauribili per le sue storie. Nel 2012 ha pubblicato “Come le donne” raccolta di 12 racconti ispirati a questi temi, ora edito da PMedizioni; nel 2013 ha partecipato con due opere all’antologia “Una rondine sul filo”, Marco Del Bucchio Editore. Con il giallo "Una mente in nero" nel 2012 ha vinto il premio speciale nel XXV concorso "Borgo degli artisti" di Milano. Nel 2014 "Come le donne" ha vinto il Premio Internazionale Nuove Lettere, sezione Narrativa, dell'Istituto Italiano di Cultura di Napoli. Nel 2015 ha partecipato all’antologia “Milano in 100 parole”, Giulio Perrone editore. E’ autrice di due blog: http://tizianavigano.blogspot.it cultura libri e società e http://ilgustoeilgiusto.blogspot.it benessere e cucina, il suo hobby. Collabora a “Sognaparole Magazine” rivista di cultura e attualità della Società Umanitaria di Milano http://sognaparole.blogspot.it, a “Cultura al femminile” https://letteraturalfemminile.wordpress.com ; Gli scrittori della porta accanto http://www.gliscrittoridellaportaaccanto.com e valuta e seleziona testi per http://extraverginedautore.itCon il patrocinio del Comune di Rescaldina (Milano) conduce la giornata per scrittori “Il vizio di scrivere” https://www.facebook.com/Il-vizio-di-scrivere e presenta autori negli eventi "Happy Hour con l'autore"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *