“C’era una volta…” di Maria Pace

“C’era una volta…” di Maria Pace

recensione di Emma Fenu


C'era una volta

C’era una volta…

C’era una volta, così esordiscono le favole, per introdurre piccoli e grandi nel mondo del mito, dove gli orologi sono privi di lancette.

E tutti sanno, bambini in primis, che stanno varcando le soglie di un eden in cui alcune regole non vigono, ma ciò che c’era c’è ancora… basta iniziare a raccontare, e anche il tempo si ferma, accoccolandosi ad ascoltare.

Siamo abituati a conoscere Maria Mace in veste di scrittrice di romanzi storici destinati ad adulti o a ragazzi delle scuole medie primarie e secondarie che, attraverso il codice del fantasy, apprendono la storia antica in modo naturale, imparando ad amarla, prima che a studiarla.

Con questo libro, in cui le parole si intervallano ad illustrazioni dal sapore vintage, scopriremo l’autrice come una “zia”.

Una donna di passione che narra di babbucce dorate, non di scarpe di cristallo; che descrive luoghi esotici, non castelli dalle mura merlate; che coglie le fanciulle non in un giro di valzer, ma nell’atto di danzare sotto la luna; che provoca il sano brivido della paura con un coccodrillo, non con il fuoco di un drago; che pone a vessillo del principe una piuma non comune, ma dell’uccello di fuoco.

Eppure, in tale universo magico, il messaggio, sapientemente veicolato in ogni libro dell’autrice, è sempre il medesimo: civiltà scomparse riemergono nelle parole e nei simboli, e sono la nostra stessa storia che c’era, c’è e ci sarà, srotolandosi come un prezioso papiro.

Buona lettura “adulti bambini”, lasciatevi baciare dalle creature figlie del sole e della luna.

Emma Fenu

Nata e cresciuta respirando il profumo del mare di Alghero, ora vivo, felicemente, a Copenhagen, dopo aver trascorso un periodo in Medio Oriente. Sono Laureata in Lettere e Filosofia e ho, in seguito, conseguito un Dottorato in Storia delle Arti. Scrivo per lavoro e per passione. Mi occupo da anni di storia delle Donne, critica, letteratura al femminile e iconografia di genere; tengo un corso di scrittura creativa; recensisco libri, intervisto scrittori; organizzo e partecipo ad eventi culturali; gestisco siti e blog dedicati al mondo della cultura, fra cui "Cultura al Femminile".Ho pubblicato un saggio, "Mito e devozione nella figura di Maria Maddalena", un romanzo - inchiesta, "Vite di Madri. Storie di ordinaria anormalità", sul lato oscuro della maternità, racconti, fiabe e poesie e una saga familiare, "Le dee del miele", che si snoda in una Sardegna intrisa di mito e memoria, dove sono le donne le custodi della vita e della morte. Scrivo fiabe, racconti e collaboro per varie antologie.

2 commenti:

  1. Bellissima recensione! Vorrei proprio leggerle… 🙂

  2. Complimenti della recensione di un libro magico!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *