La dama in grigio – di Antonia Romagnoli

La dama in grigio – di Antonia Romagnoli

Recensione di Lisa Molaro

Antonia Romagnoli

Antonia Romagnoli ci catapulta agli inizi del 1800.

Silenziosa, riservata e istruita, una dama padroneggia i corridoi di un’ antica dimora.  Noi non possiamo che essere da Lei rapiti, come Lei a suo tempo lo fu dagli avvenimenti che il destino le aveva messo sul  percorso.

Un contesto di abiti eleganti e di caminetti accesi che crepitano nei sontuosi salotti di una tenuta realmente esistente: Trerice Manor. Siamo in un’ antica villa in stile Tudor che si trova nei pressi di Newquay, in Cornovaglia.

Trerice manor, Cornovaglia

Importante sapere che l’autrice, per scrivere questo libro permettendoci di calarci in realtà a noi forse lontanissime (se non altro cronologicamente) si è documentata a fondo facendo delle ricerche che ha condiviso qui:

http://www.antoniaromagnoli.it/write/trerice-manor-fantasmi-inglesi/

Perché ho interrotto, con questa postilla, la recensione?

Perchè a me piace un sacco prima o durante la lettura di un libro, implementare ciò che mi viene narrato, con immagini e notizie storiche che mi permettono ancor di più di immedesimarmi nel contesto romanzato.

Ritornando al libro:

Grazie alla fantasia dell’Autrice, ammiriamo piccole case che “tutte uguali, incorniciavano le strade come i denti di un perfetto sorriso”.

La nostra Dama in grigio, nel romanzo, si chiama Joanne.

Attraverso i suoi passi, entriamo ed usciamo dai salotti tanto quanto entriamo ed usciamo da intrighi e sotterfugi. Imbarazzi, corpetti stretti, cordiali da bere o da rigettare, riunioni conviviali in cui immergersi o da cui nascondersi. Legna da attizzare e coperte da scostare.

Profumi di rose, o di lillà, si diffondono nella stanza come intervalli musicali.

Biblioteche, libri, gentilezza, disgusto, paura, terrore, panico.

Cattiveria, bontà, servitù, addobbi di Natale e tappeti colorati.

Quadri appesi che sembrano guardare ciò che avviene davanti a loro.

Guardano? Chissà! Saranno solamente i quadri a sembrare animati di vita propria?

Oppure a Trerice c’è un’altra figura importantissima che si lascia scorgere solamente da pochi?

Credo abbiate capito: il romanzo mi è piaciuto.

Quando la scrittura è fluida e ricca di dettagli (e quella di Antonia Romagnoli lo è di certo) la lettura scivola via veloce senza intoppi, come trasportandoci lontano grazie a volteggi e fruscii di gonne.

L’autrice non è una vera esordiente, lo è solamente in questo genere letterario.

In precedenza ha scritto una saga fantasy in cui ha investito tempo, passione e cuore.

Questo libro mi ha lasciato una curiosità: ho voluto informarmi, anche, sulla reale leggenda della Dama in grigio e ne ho trovate diverse versioni.

A Trerice dunque, fra angoli bui, quadri inquietanti e stoffe che sussurrano rasenti al suolo, una Dama, dalle gote che si infiammano, scappa… o arriva?

Margaret Acland (Lady Arundell Of Trerice) by The Public Catalogue Foundation

Margaret Acland (Lady Arundell Of Trerice) by The Public Catalogue Foundation

Buona lettura.

 

https://www.amazon.it/dama-grigio-Antonia-Romagnoli-ebook/dp/B0192AVQ6U/ref=sr_1_1?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1472470596&sr=1-1&keywords=la+dama+in+grigio

Sinossi:

Inghilterra, 1807

Dopo aver rifiutato uno sgradito pretendente, Joanne viene spedita dal padre a casa di una zia, nella speranza che l’esilio la convinca ad accettare la proposta.

A Trerice, però, Joanne trova alleati imprevisti: per prima la zia, e in seguito il padrone della tenuta in cui la donna vive. obiettivo è quello di permettere a Joanne di trovare in fretta un miglior fidanzato e sfuggire alle trame del padre e del suo anziano socio.
Quello che inizia come un tranquillo soggiorno, però, diventa piuttosto movimentato: Trerice Manor, infatti, sembra aver scelto la giovane donna come fulcro delle proprie manifestazioni soprannaturali.
Joanne dovrà destreggiarsi, nella sua caccia al marito, tra i fenomeni misteriosi della casa, i propri scabrosi segreti e la crescente attrazione che prova per sir Russel, scostante e attraente gentiluomo, determinato a restare celibe per tutta la vita.

 

 

3 commenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *