“Il regno dell’acqua” di Cristina Cumbo

“I quattro principi di Sakomàr – Il regno dell’acqua” di Cristina Cumbo

Recensione di Altea Alaryssa Gardini

regno dell'acqua

 

Sono tranquille giornate per Christine ed i suoi fratelli, piene dei loro impegni quotidiani, sono circondati dall’affetto dei loro genitori e dei loro amici.

Tutto quello che li attornia è familiare ma qualcosa all’improvviso gli proibisce di vivere la loro vita normalmente, nelle loro esistenze si fanno strada dei poteri che non sapevano di avere, ognuno connesso ad un elemento naturale diverso.

Il comparire dei poteri si rifrange nelle loro abitudini quotidiane creando non pochi disagi: Christine legge nel pensiero degli altri cose che non vorrebbe o dovrebbe, Valenthine infonde il fuoco anche negli oggetti più comuni, Roby sfrutta e crea le correnti d’aria più improvvise e Fabio genera dei piccoli terremoti.

Nessuno di loro sa come rapportarsi a questa situazione finchè, in una serata del tutto non sospetta un bagliore li coglie mentre sono fuori con i loro genitori.

Sta per iniziare la loro avventura ma loro non lo sanno.

Dalla forte luce appaiono due creature, provenienti da un mondo magico e in pericolo che è sull’orlo della catastrofe.
Le due creature hanno una richiesta ben precisa da fare e non se ne andranno senza di loro. Vogliono che i fratelli li aiutino a riportare la pace nel regno di Sakomàr.

I giovani sono riluttanti ma alla fine accettano non senza riserve.

Ad ognuno di loro verrà affidato un regno e gli verrà insegnato a governare i poteri che stanno già crescendo dentro di loro.

La battaglia sta per iniziare, i quattro principi sono in piedi al fianco alle loro cavalcature, in cima alle torri dei loro castelli e pronti al balzo verso la riconquista del mondo e di un pezzo della loro vita mortale, ci riuscirano?

Il libro è pieno di citazioni e rimandi alla cultura mitica che, chi ha compiuto studi classici e umanistici, riconoscerà di certo.  Molti ragazzi riscopriranno il mondo che vive nei racconti classici e la magia di mostri misteriosi di cui tutti parlano ma nessuno crede davvero che esistano.

Ho letto questo romanzo di Cristina con molto piacere, è fresco e molto scorrevole.

Questo è il primo volume di una saga che ci porterà a scoprire Sakomàr le sue bellezze e i suoi segreti più bui.
Sono convinta che molti ragazzi, me compresa, si sono ritrovati a credere di voler avere un qualche potere speciale nelle loro vite e ancora di più vorrebbero perdersi nelle meraviglie di un mondo fantastico.

Io personalmente combatterei al fianco di della Principessa Christine, sovrana del regno dell’acqua e di tutte le sue creature.

Mi permetto di terminare con una citazione a cui la stessa Cristina ha attinto:

“La fantasia non potrà mai invecchiare,
per la semplice ragione che rappresenta un volo
verso una dimensione che giace al di là del tempo.”
Walter Elias Disney

Titolo:  I quattro principi di Sakomàr – Il regno dell’acqua
Autore: Cristina Cumbo
Genere: Fantasy
Editore: Youcanprint
Anno: 2015
Pagine: 341

Sinossi

Durante un’estiva serata scozzese, quattro fratelli, Christine, Fabio, Roby e Valenthine, si trovano catapultati in una dimensione parallela. Possono comandare i quattro Elementi e un vecchio Fauno, che tutti chiamano Oracolo, annuncia loro di essere i Principi di Sàkomar.

In una terra, sconvolta da una sanguinosa guerra guidata da un quinto Elemento e dal Cavaliere dal Cuore Nero, e dominata da esseri mitologici, i quattro sono incaricati di riportare la pace.

La Principessa Christine del Regno dell’Acqua dovrà affrontare le sue paure e diventare una guerriera, tenendo testa a un pericoloso amore nascente per il suo Portavoce, che si rivela più forte di quanto non vorrebbe.

Link all’acquisto:

https://www.amazon.it/Regno-dellAcqua-Quattro-Principi-S%C3%A0komar-ebook/dp/B00MOU0TKU/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1473185779&sr=1-1&keywords=cristina+cumbo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *