“Tutte le parole del mare” di Moka.

“Tutte le parole del mare” di Moka.

Recensione di Altea Alaryssa Gardini

tutte le parole del mare

Nella storia e nella letteratura conosciamo molti nòstos, ovvero viaggi di ricerca ed apprendimento, di vari personaggi che hanno deciso, per un motivo o per un altro, di partire e tornare solo dopo essersi spinti più in là di sé stessi. Spesso ai confini del mare.

Viaggiare per ritornare, sentire l’intenso richiamo di qualcosa insito nell’animo umano e per tentare di trovarlo si è pronti a spingersi sempre più in là, fino al limite di ciò che è vero.

Questa è l’avventura di Senza Nome, un marinaio che ha deciso di fare della ricerca della Verità la sua missione.

Una spinta perpetua verso l’incanto della linfa del mondo, il desiderio di sapere cosa muove l’evoluzione delle creature, dei loro sentimenti più profondi e la vita sul pianeta in cui lui vive.

Il nostro personaggio si troverà ad affrontare il dolore e la gioia derivati dagli affetti e la difficoltà di prove che gli verranno imposte per procedere nel suo peregrinare.

Per trovare sé stesso ha bisogno di salvare tutti coloro che incontrerà lungo il suo cammino, ma soprattutto ha urgenza di scrivere queste sue avventure.

Scrive ogni volta che ne sente la necessità, in ogni situazione, persino le più pericolose.

Tutte le sue lettere e pagine sono indirizzate alla sua amata, una donna che ci rifugge e non prende un aspetto definito.

A seconda delle circostanze, nelle sue epistole, il suo interlocutore vede la ragazza in maniere differenti come in preda ad un’illuminazione sul futuro che lo attenderà.

Nei suoi viaggi, Senza Nome stringe profondi rapporti con coloro che hanno incontrato la sua scia, ha assistito all’amore, all’amicizia profonda, al rispetto e alla rabbia sconfinata scaturita dalla paura e dalla vendetta.

Come un Ulisse ha veleggiato sempre più in là, lungo mari e mete di cui aveva solo sentito narrare dalle leggende, attirato dalla bellezza e dalla concretizzazione del suo sogno.

Chiama sé stesso pirata ma la sua non è una necessità di bottino o qualcosa di materiale ma di conoscenza.

Sente in cuor suo di dover assaporare la libertà e trovare cosa rende vera e meritevole la sua vita, un’ordalia che lo spinge sempre verso l’esterno del suo essere, ma sarà questo davvero di cui ha bisogno la sua anima?

Lui stesso arriva alla concretizzazione di cosa sia il suo motore interiore, la ricerca di qualcosa o qualcuno che lo faccia sentire a casa.

La sua donna: il suo mare

Veleggiare oltre i confini del mondo, trovare il sommo libro della verità. Cosa è vero, cosa è giusto, sono le domande che ogni essere umano si pone.

L’autrice Moka ci conduce in un nòstos di fantasia, all’interno di un mare abitato dalle creature che popolano le nostre immaginazioni e dando vita a leggende che abbiamo solo assaporato.

Colui che ha dimenticato il suo nome ha fatto di questa assenza la sua identità, di fronte al vero assoluto nessuno di noi ha l’esatta chiarezza di chi è in realtà. O forse sì?

Fuggiamo o ci cerchiamo, questo è l’eterno dilemma.

Veniamo accompagnati in un mare colmo di onde e sferzate di vento come le parole della scrittrice.

Ed esattamente come il vento e le onde ci si trova ad affrontare la calma o la tempesta, non è anche questa un’essenza dell’amore e della verità?

Titolo: Tutte le parole del mare
Autore: Moka
Genere: Fantasy
Editore: Arpeggio Libero – collana Delectatio
Anno:2015
Pagine: 144

Sinossi:

Un viaggio forse onirico, forse vero, fra isole, strapiombi e pericoli.

Un viaggio che come vele al vento si spiega fra le righe di un romanzo epistolare, da vivere attraverso l’empatia col protagonista; un pirata poeta, che percorre la vita in simbiosi con la natura, ricavando da essa nutrimento per lo spirito, al fine di ritornare da Lei.

Ogni isola, ogni anfratto un sentimento, perché i sentimenti, in fondo, sono tutte le parole del mare.

Link all’acquisto:

https://www.amazon.it/Tutte-parole-del-mare-Moka/dp/8899355126/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1473160428&sr=8-1&keywords=tutte+le+parole+del+mare

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *