“Gli angeli del bar di fronte” di Elena Genero Santoro. Recensione di Francesca Cuzzocrea

Recensione di Francesca Cuzzocrea

Elena Genero Santoro, “Gli angeli del bar di fronte”, 0111 Edizioni

12439091_936946373093620_3171179513214537803_n

Un libro che si legge tutto d’un fiato perché capace di trascinarti velocemente tra le pagine, accanto ai personaggi e ad una Torino tutta da scoprire.

Elena ha una scrittura fluida che ti permette di empatizzare velocemente con i personaggi, il ritmo è sostenuto, pieno di colpi di scena che mantengono vivo l’interesse per tutta la durata della lettura. La struttura narrativa è arricchita da elementi che completano la storia e la rendono ancora più reale: per esempio ci sono molte curiosità su Torino e sulle usanze rumene.

Ho trovato interessante anche il taglio psicologico dato ai personaggi nei quali emergono moltissime fragilità d’animo, tipiche dell’essere umano.

Le protagoniste sono due giovani donne: Chiara, italiana di famiglia benestante, è caduta in rovina dopo la morte del padre ed è costretta a lavorare in un bar, all’apparenza poco raccomandabile, per mantenersi gli studi. Dall’altra parte abbiamo Paula, un perito elettronico che sceglie di venire in Italia dalla Romania per riscattarsi ma che, per il momento, deve accontentarsi di fare da badante ad un anziano demente.

Il tema dell’intercultura e dell’integrazione è attuale e utile, leggere un libro come questo serve per ricordarsi che nella vita dobbiamo sempre essere pronti all’incontro con l’altro, seppur diverso da noi, perché è attraverso quello che abbiamo la possibilità di crescere e arricchirci.

Emma Fenu

Nata e cresciuta respirando il profumo del mare di Alghero, ora vivo, felicemente, a Copenhagen, dopo aver trascorso un periodo in Medio Oriente.

Sono Laureata in Lettere e Filosofia e ho, in seguito, conseguito un Dottorato in Storia delle Arti.
Scrivo per lavoro e per passione.
Mi occupo da anni di storia delle Donne, critica, letteratura al femminile e iconografia di genere; tengo un corso di scrittura creativa; recensisco libri, intervisto scrittori; organizzo e partecipo ad eventi culturali; gestisco siti e blog dedicati al mondo della cultura, fra cui “Cultura al Femminile”.

Ho pubblicato un saggio, “Mito e devozione nella figura di Maria Maddalena”, un romanzo – inchiesta, “Vite di Madri. Storie di ordinaria anormalità”, sul lato oscuro della maternità, racconti, fiabe e poesie e una saga familiare, “Le dee del miele”, che si snoda in una Sardegna intrisa di mito e memoria, dove sono le donne le custodi della vita e della morte. Scrivo fiabe, racconti e collaboro per varie antologie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *