“Le libere donne di Magliano” di Mario Tobino

“Le libere donne di Magliano” di Mario Tobino

Recensione di Lina Mazzotti

le libere donne di magliano

Nella verde e placida campagna Toscana, sul Colle di Santa Maria in provincia di Lucca c’è il manicomio di Magliano.

Una struttura in cui “abitano” 1040 malati divisi in due reparti maschile e femminile, duecento infermieri, diciannove suore e medici.

Siamo negli anni ’50 e il protagonista, voce narrante, è uno psichiatra che racconta di un microcosmo al femminile delirante e nel contatto quotidiano di una umanità fatta di emarginazione passando attravero le umiliazioni della terapia.

“Le celle sono piccole stanze dalle pareti nude”

Come sono i ritratti di queste donne spettinate, vestite con la divisa del manicomio, senza trucco, senza ornamenti, eppure ci sono squarci di bellezza, si intravedono le storie, i pensieri e si riesce a posare su di loro uno sguardo di fraternità che non lascia insensibili alla sofferenza.

“Fuori c’è la vita, la gioventù, la bellezza, la gioia che ride e qui mille matti rinchiusi, prigionieri dei loro deliri, sudati, sporchi, poveri. Il manicomio è pieno di fiori, ma non si riesce a vederli.”

Desiderio profondo del dottore è coltivare la piccola parte ancora normale dell’animo delle malate e farla fiorire.
Donne dimenticate, recluse e povere ma che lo psichiatra le chiama libere perché la pazzia sgomina tutte le ipocrisie, i freni inibitori e le sue “matte”, scatenate durante l’estate in abbracci gli paiono creature sommamente libere, anche se in una libertà dolorosa, ma vittoriose e vere.

Lì in quei cortili sono se stesse, finalmente ambasciatrici di quella dea strana e terribile che è la follia.

La vita dentro l’ospedale psichiatrico scorre a un’altra velocità rispetto al mondo di “fuori” dove la gente si considera sana e il medico vede sfilare tante storie di ordinario squilibrio che coinvolgono non solo le ricoverate ma anche le infermiere e le suore che in quell’inferno lavorano.

Ci sono rigide regole organizzative nel manicomio e nei corridoi, nelle antiche scale, nelle camerate e nelle celle si agitano i deliri che sembrano poi placarsi in questi racconti con l’umiltà dei resoconti del medico.

Perchè frequentando per tanti anni l’ospedale è diventato amico della delirante Berlucchi, dell’agitata signora Maresca, della malinconica Cora, timorosa della vita, che mostra l’aspetto più normale e allo stesso tempo più misterioso della follia.

Si sente vicino all’altruismo della Lella che con il suo folle amore per il mondo e la natura vuole sentirsi sempre più libera dalla sua pazzia e che riempie il reparto medico di fiori, gatti e gentilezza.

Osserva gli occhi di Sbisà, malata di tubercolosi, devastata nell’anima e ne scorge una luce di profonda letizia e si commuove della dolce bellezza della giovanissima Belaglia. Mentre la Campani “un diavolo in veste di donna” che con il suo delirio ferisce e umilia chi l’assiste.

Queste donne sono ritratti rapidi e intensi, attrici del loro delirio e narrate tramite il linguaggio diretto per dimostrare che anche se malate di mente sono creature degne di stima amore e rispetto.

Tutto questo è scandito dal ritmo della campagna circostante che con le sue stagioni e colori vivi sembrano alzare per alcuni attimi il velo dell’alienazione e dare un senso più naturale al susseguirsi della luce e del buio pieno di fantasmi e di urla.

Il contatto con queste situazioni trasforma questo diario e ogni episodio in metafora, dove la mente è “maledetta” e il serpente insinua la follia esiliando i sentimenti del cuore, ma se la ragione si placa gli affetti ritornano intatti anzi più lucenti e invincibili.

Senso profondo del libro è l’amore fraterno per creature viste come diverse, ma ugualmente meritevoli di aiuto per la loro vita fisica, spiritale e per la loro libertà.

Indagando continuamente per decifrare il linguaggio della pazzia e ricercando la salvezza, di una rinascita alla vita.

Molte le riflessioni sul lato oscuro dell’esistenza e l’approccio terapeutico prima della legge Basaglia che ha previsto la chiusura dei manicomi.

SINOSSI

<<La pazzia è veramente una malattia? Non è soltanto una delle tante misteriose e divine manifestazioni dell’uomo, un’altra realtà dove le emozioni sono più sincere e non meno vive? I pazzi hanno le loro leggi come ogni altro essere umano e se qualcuno non li capisce non deve sentirsi superiore>>.

Titolo: Le libere donne di Magliano
Autore: Mario Tobino
Genere: Romanzo
Editore: Oscar Mondadori
Data edizione: 2001
Pagine: 132

 

Link all’acquisto: Amazon

Blog: LiZ – Handmade LAB

Lina Mazzotti [LiZ]

Ho sempre lavorato con bambini e anziani nell’ambito socio sanitario e nell’insegnamento. Lettrice vorace, amo scrivere poesie, collezionare aforismi, praticare l’handmade. Vivo a contatto con la natura e i miei dolci gatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *