“La corte dei ricordi” di Maria Cristina Sferra

“La corte dei ricordi”

di Maria Cristina Sferra

(Contest Amarcord)

La corte dei ricordi

La casa dei nonni materni si affacciava sulla corte.

La corte era una minuscola piazza tra le case del paesino, un salotto comune all’aperto dove le donne, durante la bella stagione, si ritrovavano a ciarlare mentre lavoravano a maglia o all’uncinetto, cucivano orli, ricamavano corredi.

Lì, ogni pomeriggio estivo, le anziane signore del circondario arrivavano portando piccole seggiole di legno tarlato su cui accomodarsi, insieme a ceste ricolme di fili colorati, ferri, crochet, lavori iniziati, remote conoscenze e infinita saggezza.

L’aria fresca scendeva dalla collina e profumava di sottobosco umido e io, adolescente in vacanza, adoravo prendere posto tra le rughe antiche di quelle vecchiette, ascoltare le loro storie, imparare punti e segreti.

Sotto lo sguardo amorevole di mia nonna, in mezzo alle comari, trovavo il mio spazio nel cerchio delle donne.

Avevo sedici anni, giovani palpiti, molti sogni e sferruzzavo con orgoglio un maglione di lana turchese da regalare al mio primo fidanzato dagli occhi di cielo.

Maria Cristina Sferra

Maria Cristina Sferra, giornalista professionista e graphic designer. Insaziabile lettrice, scrive per lavoro e per passione. Autrice indipendente, ha pubblicato il romanzo “A mezzogiorno del mondo (una storia d'amore)”, la silloge poetica “Il soffio delle stagioni”, la raccolta di racconti rosa "L'amore è una sorpresa".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *