Social Mum: Diario semiserio di una madre di oggi di Giulia La Face

“Social Mum: Diario semiserio di una madre di oggi” di Giulia La Face

Recensione di Anna D’Auria

Social mum

Mamme di figli grandi. «Finalmente!» penserete. E invece no; invece, no. C’è un detto popolare che recita: «Figli piccoli, guai piccoli; figli grandi, guai grandi; figli sposati, guai raddoppiati» e si sa, i detti popolai non falliscono mai. È quanto ci ricorda Giulia La Face nel suo Social Mum. Diario semiserio di una madre di oggi.

Lasciate alle spalle le nottate in bianco dovute alle colichette, all’allattamento e ai pannolini da cambiare, si entra nella magica età delle scuole elementari ed è un’ascesa piena di soddisfazioni, quando il cucciolo diventa competente. Ma attenzione, perché è una calma apparente. Con la quinta elementare va via anche il nostro angioletto, rapito da un mostro chiamato adolescenza.

All’improvviso, il nostro quieto vivere viene travolto da un fenomeno tellurico di proporzioni bibliche e il tenero virgulto che tanto abbiamo amato e sorretto, sotto l’effetto degli ormoni si trasforma in un essere sconosciuto, scontroso e maleducato. La sua camera diventa un antro buio e inagibile, i mobili un ricordo sommerso dai contenuti dell’armadio e della libreria. Più qualche involucro vuoto di non meglio specificate derrate alimentari.

Ma non è niente, è solo l’adolescenza; l’importante è uscirne vivi.

La vera novità sta nel fatto che i nostri figli nativi digitali sono lontani, molto più lontani da noi genitori di quanto un normale divario generazionale prometterebbe. E allora si cercano idee e soluzioni che possano far arrivare l’affetto senza soffocare, permettere e sorreggere senza allentare la sorveglianza, rafforzare l’autostima e consolare cuori infranti senza essere invadenti.

«Mater sono io.  Non si diventa mai madri  per  caso,  neppure quando non lo si sceglie. E io l’ho scelto. Si diventa madri, io credo, preparandosi anni prima, esercitandosi anni dopo aver partorito e il processo sembra essere sempre incompiuto come se, ogni giorno, ogni fase di crescita di mia figlia, fosse una tappa di trasformazione che affronto.  Mi sento  un  quadro  di  Picasso,  con  tutti  connotati fuori posto e quindi forse al  posto giusto..»

Il racconto, in prima persona con interventi in soggettiva dell’adolescente è calzante, allegro, scanzonato, autoironico, ma non per questo privo di argomenti importanti.

«Fumo troppo, corro troppo, penso troppo. L’alternativa sarebbe una lunga vacanza senza l’Adolescente e il suo gemello astrale, il Pater.»

C’è nel libro questa idea di un tunnel nel quale le mamme entrano quando i figli varcano la soglia dell’adolescenza. La trovo un’immagine bella e pertinente. Buio pesto, permanenza per un periodo non meglio specificato. Con un po’ di fortuna, luce che attende all’uscita.

Ecco un libro che sprizza buonsenso, che fa ridere per le situazioni che racconta e, soprattutto, per come le racconta.
Giulia La Face ci presenta uno spaccato di vita quotidiana con un figlio adolescente in casa (valido anche se gli adolescenti sono più di uno), verissimo nella sua ironia.

Sinossi

“Apro la porta della sua camera. Gravissimo errore. Non ho bussato e vengo respinta senza tanti complimenti al di là dell’uscio. Le mie antenate ruggiscono dentro me facendomi sentire più inetta che mai. Respiro profondo, busso, riapro e il Caos, il Brodo Primordiale si propone ai miei occhi: tra mucchi di abiti, scarpe, libri, cartacce, album spiegazzati, tazze di improbabili colazioni sparse sul pavimento, calzini, unghie finte, monili, spartiti di pianoforte, emerge l’Adolescente”.
Il diario semiserio di una madre di oggi alle prese con una figlia adolescente. Tra infatuazioni improbabili, rave apocalittici, selfie spregiudicati e ribellioni viscerali emerge potente il confronto scontro tra due generazione, tra due donne uguali e diverse alle prese con le gioie e le difficoltà di vivere in cui mondo iperconnesso e virtualizzato.

Scheda libro

Titolo: Social Mum: Diario semiserio di una madre di oggi

Autore: Giulia La Face

Genere: diario, attualità

Editore: Graphofeel edizioni

Anno: 2016

Pagine: 160

 

Per acquistarlo, clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *