RICORDO DEL PRIMO SALONE DEL LIBRO di Samantha Terrasi

Ricordo ‪#‎amacord‬

Il primo salone del libro è stato sette anni fa. Giravano tra i banchi e c’erano milioni di libri. Come si poteva scegliere tra tante copertine in vista? Poi come un cieco in una stanza buia ti abitui a districarti tra offerte, pagine, autori. Cominci ad entrare in quel mondo. L’odore della carta, la stanchezza a fine giornata, le buste di carta che porti tra le dita. Non vorresti mai uscire eppure dopo un pò tutto ti stordisce. Vorresti essere uno di quelli che girano con il laccetto Salone del libro. Sognavo il mio libro in uno stand. Quel romanzo che mi avrebbe regalato l’emozione di portarlo in giro farlo conoscere come potrei lasciar trasparire una parte di me. Ti aspetto è arrivato. Non è andato al salone del libro. Non ho girato tra gli stand pronta per dirigermi al mio e presentare le pagine di Nina e Michele ma in qualche maniera anche ieri c’era come c’era sette anni fa nel mio pensiero. Ti aspetto è una testimonianza di un’emozione che vive nelle mani di chi l’ha scritto e che ha ancora tanta strada da fare. Sette anni fa mi sono fatta rapire e sono un ostaggio che si lascia ben nutrire dalle parole. Perchè tutto ciò è visione e stupore. Sogno.

SAMANTHA TERRASI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *