“Ti aspetto” di Samantha Terrasi

“Ti aspetto” di Samantha Terrasi

recensione di Emma Fenu

Ti aspetto

Tutto è scuro, ma chi aspetta presagisce la luce.

Notti di zanzare in spiaggia, a braccare sogni e scie di meteoriti.

Notti di passione fra le lenzuola, a inseguire bocche e corpi.

Notti di studio con la matita fra i denti, a rincorrere un “trenta”.

Notti di treni con la valigia troppo colma, ad acciuffare il futuro.

Notti di luna con la mano sul ventre, a pronunciare il nome di chi brillerà come una stella.

Notti di gelo senza nulla, con il vuoto come compagno, a dividere il tempo che trascorre e non torna, in un eterno funerale dei secondi scanditi.

Ti aspetto” di Samantha Terrasi è un romanzo che rifugge consuete rassicurazioni, raccontandoci le contraddizioni che si dibattono selvagge, anche nella purezza dei sentimenti, e il bisogno di riconoscersi nell’amore degli altri, perché amarsi da soli è troppo arduo.

Molti protagonisti, per età ed esperienze vissute, offrono uno spaccato della generazione dei trentenni, ricercatori non solo per contratto universitario, ma per missione e condanna. Le figure con un equilibrio emotivo più stabile sono le più giovani, ossia i ventenni, ai quali è dato il privilegio del possesso della semplice saggezza scevra dei capricci del kaos.

Lo stile è intenso, scandito da paratassi e incollato da anafore nell’intreccio folle di dialoghi con l’esterno e con l’interno, fra buio e luce, certezza e incertezza, parole dette, non dette o diversamente dette.

Perché dire “tiamo” non è come dire “Ti amo”.

Perché dire “Ti aspetto” può essere una scelta, una promessa, uno sforzo, un gioco del destino, una bugia.

Non importa. Nell’attesa, solleva lo sguardo e segui una stella, dai un nome al tuo sogno, cullalo, crescilo, difendilo… e impara a volare per poi prendertelo.

Sinossi

Nina e Michele sono alla ricerca della felicità e dell’amore perfetto, che arriveranno persino a sfiorare. Lei studentessa di Fisica, che ha sacrificato i suoi sogni per quelli del padre; lui ricercatore universitario, attraente ma leggero: le loro esistenze si incroceranno sotto il diapason di una stella, in un breve ma infinito frangente.

“Ti aspetto” stabilisce per folgorazioni narrative la sequenza di un destino paradossale: aver sfiorato la gioia senza accorgersene, averla avuta dimenticandosene, possederla abbandonandola.

Titolo: “Ti aspetto”
Autore: Samantha Terrasi
Edizione: Lupo, 2014
link d’acquisto:

https://www.amazon.it/Ti-aspetto-Samantha-Terrasi/dp/8866672084/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1466250659&sr=8-1&keywords=terrasi+ti+aspetto

 

Emma Fenu

Nata e cresciuta respirando il profumo del mare di Alghero, ora vivo, felicemente, a Copenhagen, dopo aver trascorso un periodo in Medio Oriente.

Sono Laureata in Lettere e Filosofia e ho, in seguito, conseguito un Dottorato in Storia delle Arti.
Scrivo per lavoro e per passione.
Mi occupo da anni di storia delle Donne, critica, letteratura al femminile e iconografia di genere; tengo un corso di scrittura creativa; recensisco libri, intervisto scrittori; organizzo e partecipo ad eventi culturali; gestisco siti e blog dedicati al mondo della cultura, fra cui “Cultura al Femminile”.

Ho pubblicato un saggio, “Mito e devozione nella figura di Maria Maddalena”, un romanzo – inchiesta, “Vite di Madri. Storie di ordinaria anormalità”, sul lato oscuro della maternità, racconti, fiabe e poesie e una saga familiare, “Le dee del miele”, che si snoda in una Sardegna intrisa di mito e memoria, dove sono le donne le custodi della vita e della morte. Scrivo fiabe, racconti e collaboro per varie antologie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *