Cibo e letteratura: fame non solo di parole

Cibo e letteratura: fame non solo di parole

 di Emma Fenu

cibo e letteratura

Il bacio, il gesto d’amore più intimo, ha origine nell’atto della madre di imboccare i propri piccoli con il cibo prima da lei masticato, per renderlo più tenero.

Ti bacio, quindi ti nutro.
Ti bacio, quindi ti mangio.

Ti bacio, quindi sei in me e io in te: seduti alla mensa di noi stessi, anime di carne e sangue.

Il legame fra il cibo e l’amore, non è quindi né nuovo né poco convincente, come non lo è se esso evoca magicamente ricordi del passato sciolti nel burro dell’infanzia, odorosi di marmellata e cannella, accompagnati da una carezza che lascia l’impronta della farina.

Protagoniste e protagonisti di romanzi, celebri o no, sono sovente colti con le mani in pasta, a plasmare destini di parole che formeranno storie.

In alcuni grembiuli si raccolgono macchie di sugo e sangue e aloni di acqua e lacrime: alcuni grembiuli sono sineddoche dei ventri che rivestono.

Senza sconfinare nel campo dei libri dedicati ai disturbi alimentari, spesso, quasi come ricorrendo ad un escamotage narrativo, dispense vuote e tavole disadorne indicano assenza di relazione e comunicazione e il consumo dei pasti, nella modalità, frequenza e quantità, è un dato caratterizzante di un personaggio letterario.

Quindi, il cibo è elemento dalla valenza etnografica, contribuendo alla definizione storico sociale delle vicende narrate, e elemento psicologico- emozionale, creando profili come mestoli curvilinei, da dolci di nonne, o spietati come lame di coltello, da efferati serial killer.

Non solo, il cibo permette di spostarsi nello spazio, oltre che nel tempo: spezie profumate, frutti polposi, chicchi di riso colorati, creme… gusti e aromi che si fondono con terre, mari e cieli e che sembra di poter gustare a ditate o a morsi, fra le pagine e le labbra.

Cibo e letteratura.

Dimmi come mangi, cosa mangi e con chi mangi e ti dirò chi sei, dove sei, che storia porti dentro e che vuoto vuoi saziare.

cibo e letteratura
fotografia di copertina: Simona Lasi

Emma Fenu

Nata e cresciuta respirando il profumo del mare di Alghero, ora vivo, felicemente, a Copenhagen, dopo aver trascorso un periodo in Medio Oriente. Sono Laureata in Lettere e Filosofia e ho, in seguito, conseguito un Dottorato in Storia delle Arti. Scrivo per lavoro e per passione. Mi occupo da anni di storia delle Donne, critica, letteratura al femminile e iconografia di genere; tengo un corso di scrittura creativa; recensisco libri, intervisto scrittori; organizzo e partecipo ad eventi culturali; gestisco siti e blog dedicati al mondo della cultura, fra cui "Cultura al Femminile".Ho pubblicato un saggio, "Mito e devozione nella figura di Maria Maddalena", un romanzo - inchiesta, "Vite di Madri. Storie di ordinaria anormalità", sul lato oscuro della maternità, racconti, fiabe e poesie e una saga familiare, "Le dee del miele", che si snoda in una Sardegna intrisa di mito e memoria, dove sono le donne le custodi della vita e della morte. Scrivo fiabe, racconti e collaboro per varie antologie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *