“L’abbraccio” di Erika Usseglio

Donne. Semplicemente.

“L’abbraccio” di Erika Usseglio

Contest Amarcord

 

È sabato, sono le due e ho quasi finito il servizio. Ho uno scazzo addosso che è incredibile, è un po’ di giorni che sono come spenta, con la sensazione di non-appartenenza con niente di quello che mi circonda, chissà se capita anche agli altri…
Lavoro col pilota automatico, chiedo i dolci a un tavolo quando sento aprirsi la porta del ristorante. E adesso chi è? Sono di spalle, ma sento Maria dire:” In quattro? Certo, accomodatevi pure qui.”
Mi parte uno sbuffo mentale di proporzioni gigantesche, mi giro con un sorriso di plastica che diventa vero quando vedo chi c’è. Caspita, è Marco! Sono passati anni dall’ultima volta che l’ho visto, è un vero piacere! Volo a salutarlo, è con la sua compagna e con un’altra coppia che ha un bimbetto mulatto meraviglioso, è bello come la mamma.
Ovviamente li servo io, non c’è molto tempo per chiacchierare e poi appena ho un secondo mi spupazzo il pupetto, è così tenero, adorabile!
Una volta finito, vengono al bancone per l’ultimo giro di amari e finalmente possiamo chiacchierare tranquillamente. Ci raccontiamo velocemente le cose che ci sono successe, io sono stata via un po’ di anni, lui convive, a me la convivenza non è andata proprio benissimo, quindi adesso sono qui. Hai figli? No, neanche io…
Mi avvicino per salutarlo e dargli un bacio, lui mi spiazza, mi abbraccia fortissimo e a lungo, e in questo abbraccio c’è tutto, il tempo che abbiamo condiviso, le belle serate, l’amicizia vera e il bene che ci vogliamo.
Ecco, abbracci così mi danno tutto il senso di appartenenza di cui ho bisogno.

 

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.