“RICORDO DI UN PERSONAGGIO STORICO”

“RICORDO DI UNA REGINA” di Altea Alaryssa Gardini

Contest Amarcord

ricordo

Ci sono rumori che riconosci anche se non li hai mai sentiti. Suoni che conosci per porte ancestrali dell’inconscio.

Un brivido mi ha percorso la schiena quando ho sentito lo stridìo della lama scorrere su di una parete di mattoni. La mia essenza ha assimilato il vociare concitato della gente che si muove come maree davanti alle mura di Troia, le persone si accalcano una sull’altra, sporgendosi, urtandosi, gridandosi, fino a che le loro mani non toccano il terreno cedendo alla pressione del corpo dietro di loro.

Nella calca vive la marea della disperazione, io vivo tra le lenti di una storia abbandonata.

Tra le onde del mare ho visto da lontano, in un sogno che forse non era mio, una nave e una spada.

Ricordo distintamente, come lo avessi vissuto dalla cima del mio mondo, una nave che nasceva dal fuoco e una lama forgiata dal pianto.

Le lacrime calde, la pena radiosa di scintille di fiamme.

Se mi affaccio alla finestra vedo ancora quella pira che arde dall’altra parte del mare, le urla straziate di un cuore abbandonato che invoca maledizioni su colui che non amava altri che se stesso.

Sono solo una modesta ragazza, come posso vedere un passato non mio e il futuro di un tempo che si veste da cavallo per trasformarsi in guerra?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *