“I tuoi occhi” di Ilaria Negrini

“I tuoi occhi” di Ilaria Negrini

recensione di Laura Cardano

 

occhi

Anna ha 16 anni e ha fame.

Mangia continuamente nei lunghi pomeriggi invernali fra una versione di greco e una telefonata ad un’amica, un esercizio di matematica e il ricordo dell’estate, unico respiro e momento di leggerezza nel grigiore di giorni tutti uguali.


Poi la laurea, nuove crisi e paura del dopo, un fidanzato che non è quello giusto e finalmente l’amore.

Studia anche lui Lettere, forse non piacerà ai genitori, come non piacerà la decisione di Anna di non lavorare con loro, ma tentare la strada dell’insegnamento.

Anna vuole scegliersi la propria vita, non le importa dei soldi, della carriera, non condivide la mentalità in cui è cresciuta, lei ragiona con la sua testa e ama i poeti.


Ha un vuoto da riempire, ha fame d’amore.


Ma quell’amore che le darà tanta forza e con cui costruirà una famiglia e vivrà molti anni felici, sarà una nuova perdita, un nuovo abisso in cui cadere.

Questa volta però non si appoggerà a nessuno, non si rifugerà nel cibo.

Anna ha capito che deve contare su se stessa. Sa che deve soltanto abituarsi.


“Non posso fare niente per stare meglio. Potrei cambiare città oppure cercare un uomo qualunque oppure… continuare come in questi ultimi mesi. Il mio lavoro a scuola la mattina, il pomeriggio con i miei figli cercando di essere allegra, fingere di stare bene. E poi? E poi… Meglio dormire. Sola, in questo letto troppo grande. Sola. Prima o poi riuscirò ad abituarmi.”


Mi piace la scelta di raccontare una vita attraverso momenti, come sguardi che raccontano da dentro la vita di Anna.

E mi piace l’idea di introdurli attraverso poesie o canzoni, sempre abbinati in modo perfetto.

versi di Ungaretti ad esempio introducono il capitolo che dà il titolo al libro “I tuoi occhi”:

“Hai chiuso gli occhi
Nasce una notte
piena di finte buche,
di suoni morti
come di sugheri
di reti calate nell’acqua”


Ilaria ha un modo di scrivere limpido, una scrittura che ti prende e ti coinvolge e nello stesso tempo ti fa pensare.

Affronta temi come la morte, la paura del nulla, la solitudine, ma resta come sottofondo sempre un senso di serenità e di fiducia.


“So che sei ancora, i tuoi occhi così vivi, la tua mente, il tuo pensiero non possono essere stati annullati insieme al tuo respiro. Eppure anche questo non mi consola. Un urlo senza fine è entrato dentro di me ed è rimasto intrappolato qui dentro, non può uscire. Sto aspettando che esploda liberandomi da tutto il dolore, l’angoscia, la rabbia… Posso solo aspettare. Prima o poi urlerò.”

Sinossi

Attraverso racconti che potrebbero essere letti indipendentemente uno dall’altro, si snoda la vita di Anna.

Sogni, attese, ricordi, senza mai senso di delusione anche quando le cose finiscono.

Gli occhi fanno vedere oltre.

Titolo: “I tuoi occhi”
Autore: Ilaria Negrini
Edizione: Youcanprint, 2015
link d’acquisto: 

http://amzn.to/29AwFtM

Emma Fenu

Nata e cresciuta respirando il profumo del mare di Alghero, ora vivo, felicemente, a Copenhagen, dopo aver trascorso un periodo in Medio Oriente. Sono Laureata in Lettere e Filosofia e ho, in seguito, conseguito un Dottorato in Storia delle Arti. Scrivo per lavoro e per passione. Mi occupo da anni di storia delle Donne, critica, letteratura al femminile e iconografia di genere; tengo un corso di scrittura creativa; recensisco libri, intervisto scrittori; organizzo e partecipo ad eventi culturali; gestisco siti e blog dedicati al mondo della cultura, fra cui "Cultura al Femminile".Ho pubblicato un saggio, "Mito e devozione nella figura di Maria Maddalena", un romanzo - inchiesta, "Vite di Madri. Storie di ordinaria anormalità", sul lato oscuro della maternità, racconti, fiabe e poesie e una saga familiare, "Le dee del miele", che si snoda in una Sardegna intrisa di mito e memoria, dove sono le donne le custodi della vita e della morte. Scrivo fiabe, racconti e collaboro per varie antologie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *