“Fornelli Metafisici” di Laura Bonelli

“Fornelli metafisici” di Laura Bonelli

recensione di Giulia La Face

Fornelli Metafisici

Fornelli Metafisici di Laura Bonelli

Cosa accade se si cerca un libro di ricette vegetariane e vegane e ci si trova a viaggiare in un Mondo Altro, dove le suggestioni culinarie danno vita ad altrettanti suggestivi racconti?

Racconti fantastici, surreali,  che fanno da specchio a ricette gustose, dove i sapori non sono solo “materici” ma danno vita in  un senso  filosofico al gusto e all’olfatto.

Laura Bonelli ci prende per mano, una mano delicata ma forte, trasportandoci in un Regno fantastico, dove ogni protagonista della tavola  diventa anche un’anima senziente, un essere pensante e vivente a pieno titolo.

Dove i sentimenti, le paure, le sfumature dell’animo umano, si lasciano raccontare in piccoli quadri di quotidianità, con una vena surreale, talvolta ironica, a tratti disperata.

Cui risponde, a consolare, a suggellare, a suggerire, una ricetta, sinfonia di sapori, essenze, fragranze.

Un pinolo si innamora di una bellissima, snella foglia di rucola. Da questa suggestione nasce un racconto surreale  e delicato, per una ricetta sfiziosa che, sono sincera, ho preparato con piacere!

Racconti brevi, dalla natura silenziosa e potente, si intrufolano dentro l’anima, ne scardinano senza farsi sentire certe chiavi sublimi. A volte attraverso una fragranza, talvolta con il sentore di un profumo o con parole di saggezza.

Azzurra, è una donna che cerca se stessa e una sua verità. “Dentro alle ossa”, è  il racconto in cui la donna vive. Tra sapori ancestrali,  quello delle ostie consacrate o del croccante di una fiera di paese, cerca entrando dentro sè le voci e i volti  che abitano la sua vita, per comprendere il significato del suo  presente, confuso e difficile.

Bluetta si trova, da bambina paurosa, a far coraggio a una zucca, la notte dei morti, sfidando le ombre e i fantasmi del cuore. Per  poi tornare alla luce del giorno dopo fiera di se stessa e liberata dai suoi timori.

Laura Bonelli, ci fa sorridere, nei dialoghi notturni di fornelli che hanno un’ anima. Ci trasporta in un percorso esistenziale, filosofico, alla ricerca e alla scoperta di sapori della natura, della cucina ma anche della vita stessa.

Zucche, lenticchie, pinoli. Grano saraceno, salse delicate. Sformati di verdura che richiamano la ricchezza delle sfumature della vita. Farina di castagne, cioccolato, mele. Pane fatto in casa.

Mi sono innamorata di un racconto in particolare, “Crosta”:

“Dentro a un caseificio una nuova forma di formaggio era stata messa a stagionare. Il formaggio non conosceva il suo nome, non sapeva ancora quale sarebbe stato il suo percorso di vita.”

Crosta è emblematico della ricerca del senso di una vita e di un percorso. L’individualità o la condivisione? Quando il nostro sapore diventa il sapore giusto, quello che davvero serve ad esaltare se stesso e tutti gli altri?

L’approccio filosofico- culinario di Laura Bonelli le concede di ottenere ottimi risultati, sia letterari che culinari. Come recita la quarta di copertina

“…alla ricerca di un sapore d’insieme che nasce dal concerto di tutte le materie prime.”

Ci sono libri di cucina, ci sono romanzi, si scrivono racconti. Laura Bonelli ha scritto un ricettario filosofico che attraverso i sapori esalta il “sottile” che vibra intorno a noi. Nelle trame dei suoi racconti metafisici, si incontra il sapore della vita e la speranza di una ricetta che ricomponga il Tutto in cui ci muoviamo.

Un libro che consiglio vivamente, per sognare cucinando e cucinare riscoprendo la trama dei propri sogni. Un filo invisibile che tiene unite tutte le cose e l’anima sottile che le pervade.

“In Fornelli metafisici possiamo trovare l’apoteosi della vita, il sentimento del sogno, la critica al mondo attraverso una primitiva esaltazione del cibo. Racconti e ricette sembrano, così, legati insieme da un vincolo antichissimo, un inesausto discorso sulle necessità della vita. Sono storie fantastiche quasi fossero cronache scaramantiche per assicurarsi la benedizione della fortuna attraverso il sogno metafisico che esorcizza la paura la paura di epoche lontane di fame e miseria; nascono così nuove ricette, nelle quali il cibo è la realtà del presente e non l’inquietudine del futuro, in un rinnovato impegno nella vita quotidiana… ( Claudio Ardigò)”

 

Nome libro: Fornelli Metafisici
Autrice: Laura Bonelli
Genere: narrativa
Editore : Graphofeel
Data edizione: 2014
Pagine: 167

 

 

http://www.graphofeel.it/index.php/bookshop/catalogo/product/67-fornelli-metafisici?search=Fornelli metafisici

giulilaface

Lettrice compulsiva e onnivora da sempre, mi piace ascoltare le storie altrui e scriverne. Viaggiatrice per bisogno, madre e moglie per scelta, canto per passione, lavoro come educatrice e counselor .Ma appena posso mi immergo nella musica e nella ricerca di poesia e di immagini. Adoro cucinare. Per questo invito spesso amici a condividere nuovi piatti e sapori. Ma è nella solitudine che mi ritempro e incontro tutti i miei pensieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *