Prendersi cura – diario di una mamma aliena

Prendersi cura

Prendersi cura di un piccolo alieno ci rende mamme un po’ aliene.

di Robiz

prendersi cura

Prendersi cura di un piccolo alieno ci rende mamme un po’ aliene.

Quante mamme sono entrate a piccoli passi nella mia vita,  insegnandomi ognuna qualcosa: la forza, la perseveranza, la fede, il coraggio. A volte mi chiedo se anche loro però, si sentano come me.

Un’infermiera, che prepara le medicine e i dosaggi delle 8, 15, 20 e 22; una oss, un medico, a volte un po’ ciarlatano, che individua e sente arrivare in anticipo i malesseri. Ma anche una segretaria, che a fatica gestisce una complicata agenda piena di appuntamenti, incastri che quasi ogni giorno sono da ricostruire, per una febbre o un ricovero rimandato.

Quell’imprevisto che doveva essere prevedibile.

Poi ci sono i pasti: sminuzzare in infiniti sacchetti 20 grammi di zucchine o 25 di pollo. Ed ancora, la fisioterapista e la logopedista personale, che cerca di essere sempre aggiornata sulle novità, pronta a costruire il materiale adatto alla terapia. Ma quando c’è lo spazio per essere semplicemente mamma?

Ed anche giocare non è più solo giocare, ma è puntare ad un obiettivo.

Spesso mi fermo e guardo la mia piccolina, ed anche se siamo state insieme tutto il giorno, mi sembra di vederla per la prima volta, perché il prendersi cura di lei mi ha impegnata più del vivere lei.

Ma poi arriva la sera e, dopo l’ultima medicina, ci mettiamo tutti a coccolarci nel lettone, con lei tra le mie braccia: finalmente sono anche la sua mamma.

PIANETA1P36, il blog

 

La dieta chetogenica: http://www.benessere360.com/La_dieta_chetogenica.html, http://www.ketogourmet.wordpress.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *