“Per Spiritum Veritas” di Eleonora Epis Perani

“Per Spiritum Veritas: Il singolare caso della Signora Algònquin” di Eleonora Epis Perani

Recensione di Anna D’Auria

Per Spiritum Veritas

È il 1999 in un tranquillo borgo medioevale tra le colline umbre. La vita scorre immobile e serena anche per Rita Algònquin tra le accoglienti pareti della sua cascina.

Eppure Rita è diversa dai suoi compaesani: oltre a essere albina, ha in sé delle capacità particolari che la coinvolgeranno nella soluzione di un giallo che spezza, improvviso, la tranquillità del borgo.

“Samuele sapeva bene chi era. In paese c’era chi la trovava una vecchia contadina, per alcuni era una specie di eremita dai poteri occulti, altri pensavano fosse solo un solitaria signora amante della sua privacy. […]

La donna pallidissima e schiva, con i suoi onnipresenti occhiali da sole a coprire i suoi inquietanti occhi rossi, era stata in grado di compiere atti straordinari, di cui si era persa la vera memoria, ma non l’eccezionalità.”

La storia si snoda tra indagini private, pettegolezzi, episodi straordinari, ordinaria cattiveria.

I personaggi si avvicendano nella narrazione, alternando momenti di assoluta normalità a attimi di suspense.

“L’odore che li accolse nella casetta era uno misto di muffa e legno stantio, ma era tutto in ordine, nonostante il vistoso strato di polvere. Nessun animale o essere umano era entrato là dentro da almeno una quindicina d’anni.

Rita fece accomodare il commissario sull’unica sedia del capanno. Lei decise di sedersi sulla panca del suo bisnonno.

Non c’era tempo di pulire o migliorare l’ambiente. Avevano un compito urgente e quindi decisero di agire. Accesero tutte le candele che avevano portato.”

Lentamente la verità viene a galla.

A fare da fulcro al dipanarsi della storia troviamo Rita, il suo coraggio e il suo dono straordinario.

“Rita tornò a Treverti affranta. A Grupiara trovò le risposte che cercava.

Quello che scoprì fu un fulmine a ciel sereno, eppure tutto il puzzle si era compattato alla perfezione e l’immagine che era comparsa era il disegno di una lucida follia.”

Nel romanzo di Eleonora Epis Perani vengono affrontati temi importanti quali l’identità di genere, le dipendenze, la malattia, la depressione, il valore dell’amicizia e dei sentimenti.

Lo stile dell’autrice è leggero, a tratti scanzonato.

La presenza di molti dialoghi porta a “vedere” la storia, come se l’azione si stesse svolgendo di fronte agli occhi del lettore in quel preciso momento.

I personaggi si svelano nel loro agire.

Alcuni di loro, piuttosto che risultare spaventosi, appaiono nella loro umana varietà, conferendo leggerezza all’intero romanzo.

Sinossi

In un paese dell’entroterra italiano non ci sono segreti, fino all’estate del 1999. Treverti, un gioiellino medievale arroccato su un’alta collina umbra, fa da scenario a questa insolita vicenda.
Non è un segreto per nessuno che Rita Algònquin sia una donna solitaria e che sia sempre stata diversa, fin da quando era bambina.

Nella sua cascina, questa donna vicina alla mezza età vorrebbe vivere tranquilla, lontano dai riflettori e dalle chiacchiere di paese.
Rita è nata albina e possiede un grande dono, sua condanna e suo segreto che si vedrà costretta a svelare al mondo e alla polizia per risolvere un intricato caso di sparizione e di successivi omicidi.
Il commissario Torre ed “alcune presenze” l’accompagneranno nel suo percorso di accettazione, rassicurandola che i tempi sono cambiati: le streghe non fanno più paura e non finiscono sul rogo.

È un thriller di paese, dove le soluzioni sono a portata di mano, come i colpevoli nascosti dietro la siepe del vicino. Un giallo, dove la parte esoterica è più luminosa di quella reale, dove la realtà ben esposta alla luce del sole è più oscura di quella spettrale.

Scheda libro
Titolo: Per Spiritum Veritas.
Autore: Eleonora Epis Perani
Genere: romanzo, giallo
Editore: self publishing – Amazon Media EU S.à r.l.
Anno: settembre 2016
Pagine: 198

Per acquistare clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *