“Voglio soltanto un sorriso” di Lisa Molaro

“Voglio soltanto un sorriso” di Lisa Molaro

Recensione di Altea Alaryssa Gardini

 sorriso

Le dinamiche di una coppia sono difficili da comprendere, ci sono binomi che funzionano con l’ironia e altri che vivono circondati da segreti e accordi taciuti, molto spesso unilaterali.

Cosa fanno le persone? Come vivono le loro relazioni?

Alcuni sono fortunati.

Ci si grida addosso, si litiga e ci si prende in giro. In due contro tutto, non importa se arriva l’uragano: si sfoghi pure quel brontolone che travolge tutti e tutto solo per capriccio, qui si hanno radici solide e coperte calde di amore e fiducia ma soprattutto comprensione e sorrisi.

“Lui parlava di lei, come se fosse una maschera

veneziana di ceramica bianca, incolore; narrava di

un volto semicoperto da un ventaglio in pizzo nero

di Chantilly, piume al lato del capo e due fessure

vuote, al posto degli occhi, da cui vedere un’isola

in mezzo al nulla.”

Altri sono più in difficoltà: dietro cortine di fumo si è convinti di conoscere qualcuno e ci si sposa trascinati da un sentimento che, dopo il matrimonio, si trasforma in qualcosa di sconosciuto. Ci si sente in trappola, come “burro spalmato su troppo pane”, per citare Tolkien. Scappare non è possibile e non c’è altra soluzione che rifugiarsi in un mondo parallelo, meglio se questo luogo rappresenta qualcosa di importante per se stessi.

La prima coppia è rappresentata da Francesco e Greta, due persone che attraversano gli anni con i loro problemi ma mai senza l’amore. Baluardi di un amore fatto da due caratteri bilanciati e anime che si tengono per mano.

La seconda coppia è rappresentata da Emma e suo marito, vicini di casa di Francesco e Greta.

Charles ha sposato una donna che non riesce a comprendere e ha deciso di rifugiarsi nel suo lavoro, lasciandola sola a riempire il vuoto che lui ha lasciato.

Emma è una donna che ha messo a tacere le sue domande e le sue incertezze ma non è riuscita mettere seduta in un angolo se stessa: la sua anima lotta, si ribella e cerca di lasciarle messaggi. Emma si rifugia in una teca di carta e parole di tanti anni fa, non si è mai conosciuta se non attraverso quel libro che le imbriglia la fantasia e gli oggetti che compra senza freno senza conoscerne il vero perché, spesso non ricorda neanche di averli comprati.

“…E allora le mie giornate scorrono tra compere

stupide, acquistando ninnoli e accessori di cui non

ho bisogno. Guarda quest’orrore. Guardalo! Ne

avevo bisogno, secondo te?”

Quanto può stare in silenzio un’anima? Forse per sempre ma il vento dell’est sta arrivando.

Francesco è rimasto fuori di casa e ha bisogno delle chiavi, trovandosi costretto a dover recuperare il mazzo di scorta dai suoi vicini, dove viene accolto da Emma.

“…Provò una consapevole impotenza, abbracciando

questa donna il cui cuore bruciava per non

diventare di ghiaccio.”

Le chiavi di casa del vicino sveleranno il loro magico potere di aprire anche la gabbia in cui Emma è richiusa e, finalmente, la sua anima potrà cantare.

Questo è il secondo romanzo di Lisa Molaro: “Voglio soltanto sorriso”, il titolo fa pensare ad una richiesta semplice ma cosa c’è di semplice nell’amore? Tutto e nulla, un sorriso può salvare una vita.

L’autrice si dimostra, ancora una volta, cantrice di anime e svelatrice di sospiri. Questo romanzo è intenso, forte e avvolgente, non si può resistere alla tela tessuta da Lisa Molaro:

“In un ricordo c’è lo specchio del passato per te

E dentro ai tuoi pensieri arriva come grandine a terra

E galoppando nell’immensità

col tuo presente si confonderà

In un passato che sparire non sa

In un ricordo c’è”

(Cristina D’avena – In un ricordo c’è)

Sinossi:

Francesco e Greta sono una coppia semplice, forse, come tante. Non giovani ma non ancora anziani, vivono un amore sereno che ha per base una solida complicità costruita col tempo. Con teneri bisticci e quotidiani battibecchi hanno sempre affrontato le difficoltà della vita tenendosi saldamente per mano. Francesco è una persona estremamente buona, che si perde in mondi paralleli fatti di immaginazione e fantasia.
Charles ed Emma sono una coppia tormentata, come tante altre. Lui ha una buona posizione sociale che permette ai due di vivere in modo agiato, senza restrizioni economiche. Emma è sempre a casa da sola, a mancarle non è il denaro ma l’affetto e la complicità matrimoniale. Si sente sola e trova conforto e compagnia all’interno dei romanzi d’amore che divora, da anni, in modo bulimico. La fuga nel mondo di carta diventa per lei una trappola che le fa confondere i tratti di una realtà pregna di solitudine.
Per un bisticcio del destino le vite delle due coppie si scontreranno in un modo inusuale.
Due lettere, scritte dalla stessa mano di Donna, conterranno parole diversissime tra loro.
Cos’è la vita? Una continua fuga o un continuo ritrovarsi?

Scheda libro:
Titolo: Voglio soltanto un sorriso
Autore: Lisa Molaro
Genere: Romanzo
Editore:Self publishing
Anno: 2016
Pagine: 145

Link all’acquisto:

https://www.amazon.it/Voglio-soltanto-sorriso-Lisa-Molaro-ebook/dp/B01N9G8399/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1482928935&sr=1-1&keywords=lisa+molaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *