“La Maledizione della Regina” di M. P. Black

“La Maledizione della Regina” di M. P. Black

Recensione di Altea Alaryssa Gardini

Regina

Uno dei miei più grandi sogni riguardanti il passato della storia del mondo è qualcosa che dimora nei desideri più reconditi di ognuno di noi, o almeno di tutti quelli che adorano la storia.

Spesso durante gli studi ho sognato di incontrare i personaggi storici, chiedergli il perché di alcune loro scelte e se questo gli sia mai pesato o gli sia stato indifferente. Ho chiesto spesso udienza a Nerone per sapere se le voci su di lui fossero fondate; ho incontrato Giulia sulle coste di Ventotene, di nascosto, per capire perché l’amore le è costato la vita e l’amore di suo padre.

Ho visto Augusto piangere tra i triclini ricoperti di una porpora ottenuta da bagni di sangue o sacrifici necessari, ho passato una notte con l’imperatore Tito cercando di capire insieme se, davanti alle porte di Gerusalemme, sarebbe stato possibile evitare che la città venisse distrutta.

Ci sono molte cose che non sappiamo sui nostri antenati, erano potenti tra i potenti ed erano uomini e donne.

Nella mia mente tutto questo è sempre stato vero ma capisco se a voi sembrerà strano.

La mia gioia è stata quando, leggendo “La maledizione della Regina”, ho scoperto che l’autrice M.P. Black ovvero Paola de Pizzol la pensa come me.

Lungo il tragitto della storia, non importa quanto si va lontano, amore e odio si ripresenteranno sempre. Alcuni sono talmente forti che una sola vita non può bastare per dargli il respiro che meritano.

Questo libro narra la storia e il destino di una celebra coppia di un passato che ne sussurra ancora la fine dopo tanti secoli.

I due amanti si ritrovano al giorno d’oggi, dapprima inconsapevoli e poi, dopo essersi ritrovati, a dover lottare per la loro vita. il loro amore e la loro unione sono ancora in pericolo per via dell’odio di un loro antico conoscente.

Mai più profetica fu la nascita dell’Oroboro: il serpente che testimonia la ciclicità della storia e di tutto quello che passa, il serpente morse la bella carne e un serpente l’ha riportata in vita.

Ci sono molti altri personaggi durante questo cammino e tra le pagine del libro, la situazione non è affatto semplice da spiegare, né può essere suonata da diverso musico che non siano i protagonisti.

Non ho nessuna intenzione di darvi altri indizi. L’amore parla da solo e anche la storia lo fa, molto più spesso di quanto credete: la regina e il re sono tornati e l’unica cosa che chiedono è di vivere insieme.

Il destino non è qualcosa a cui si può sfuggire, neanche quando si ha una corona.

Sinossi:

Jacob Ross è un barbone, ma la sua vita sta per cambiare. I Sette Re del mondo gli donano due Katane, che gli regalano l’immortalità e lo trasformano nel Primo Guardiano delle Anime. Brandon Davis, quasi diciottenne, frequenta la Fear High School, nel Maine.

Timido, impacciato e sofferente di asma, non sa che la sua vita sta per cambiare. Katia Chernikova, sedici anni, è la svitata della scuola. Ragazza punk, vive completamente isolata da tutto e da tutti, fuma quantità smisurate di sigarette e non lega con nessuno. E anche Katia non sa che la sua vita sta per cambiare, per sempre. In una girandola di emozioni, passioni e ricordi che si perdono nel tempo, Katia e Brandon dovranno affrontare i Guardiani delle Anime e la missione che verrà loro imposta.

Una missione che li condurrà in un’epoca lontana, ricca di misteri e di magia, e che li vedrà costretti a rivivere una vita già compiuta e dimenticata. E scopriranno che, spesso, la realtà non è quella che sembra e che il confine tra il bene e il male è davvero sottile.

Scheda libro:
Titolo: La maledizione della Regina
Autore: M. P. Black
Genere: Fantasy
Editore: Self- publishing
Anno: 2015
Pagine: 278

Link all’acquisto:

https://www.amazon.it/maledizione-della-Regina-Guardiani-delle-ebook/dp/B019CRTJYO/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1484941683&sr=1-1&keywords=la+maledizione+della+regina

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *