Mam trek – Episodio pilota

Mam trek

Episodio pilota

Spazio domestico, ultima frontiera.

Eccovi i viaggi dell’astronave USS Family, durante la sua missione pluriennale, diretta all’esplorazione di strani mondi, alla scoperta delle nuove forme di vita chiamate figli e delle loro civiltà, fino ad arrivare là, dove nessun genitore è mai giunto prima.

mam trek

Giornale di bordo del capitano. Data astrale 017.3.

Condizioni della nave: Stiamo viaggiando verso la nuova destinazione, la base interstellare Paskua, prima di intraprendere l’ultimo e più pericoloso tratto del nostro viaggio, quello verso la galassia Vak-Anzestiv.

Siamo, temporaneamente, a equipaggio ridotto. In questo momento il primo ufficiale Marito è in missione segreta con il giovane Due di Tre, l’adolescenziano che la Federazione ci ha mandato al posto dell’ufficiale Tenero Bimbo, sbarcato al confine fra lo spazio Infanzia e quello abitato dagli adultiani.

L’ufficiale Figlia M., responsabile delle comunicazioni, è invece in viaggio studio, per una settimana, sul pianeta Lindbergh (di classe M, secondo quanto dicono i nostri strumenti), per analizzare lingua e costumi. Siamo fiduciosi che segua alla lettera la Prima Direttiva e non interagisca in nessun modo con la popolazione maschile locale.

La situazione a bordo è tranquilla e lo resterà fino a che il piccolo Klingon, distruttore seriale di apparecchiature, strumentazioni e arredi rimarrà ibernato nel Sonno Pomeridiano.

Come capitano di questa nave esprimo tutta la mia preoccupazione per come l’equipaggio si sta comportando. L’impressione è quella che da un momento all’altro ci sia da aspettarsi un ammutinamento: soprattutto i miei timori riguardano l’adolescenziano, i cui costumi sono così diversi da quelli terrestri da rendere a volte impossibile il dialogo.

mam trek

Gli adolescenziani, a quanto pare, sono creature di poche parole, soprattutto se costretti a relazionarsi con terrestri e adultiani, mentre sembrano portati a utilizzare fra di loro codici segreti incomprensibili.

La cosa che mi preoccupa di più è che più di una volta il giovane ufficiale è stato sorpreso, anche durante i suoi turni, a utilizzare apparecchi di comunicazione per mansioni a cui non era autorizzato, fra cui videogiochi e visione di video.

L’ufficiale medico ci assicura che fa parte delle sue funzioni vitali e che una riduzione troppo drastica di tale utilizzo potrebbe provocare seri guai, al soggetto in primis (si pensa smetta di respirare in assenza di youtubers) e alla sicurezza della nave.

Perciò sopportiamo, scegliendo di monitorare la situazione con attenzione.

Devo riportare anche che abbiamo avuto un’epidemia a bordo, probabilmente dovuta allo scalo sul pianeta Skuo Lamatern I, ma l’infermeria ha efficacemente contrastato il virus.

Uno dei sensori ora mi sta segnalando la presenza di un’anomalia nel campo di ibernazione del piccolo Klingon…

Allarme rosso! Allarme rosso!

“Capitano, il piccolo klingon è fuori controllo! Capitano? … Capitano???!!!!”

Diario del capitano, supplemento.

Sono sotto attacco da parte del piccolo Klingon, in questo momento mi sta assalendo nella mia cabina dove mi sono rifugiata per sfuggire al suo Attacco Frontale Catturamamma.

Sono addestrata e non lo temo. Anche questa volta sono certa che il grandioso equipaggio della USS Family ce la farà!

mam trek

www.antoniaromagnoli.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *