“Caro Ludo” di Emma Fenu

“Caro Ludo” di Emma Fenu

Contest Lettere al Femminile

caro Ludo

Caro Ludo,

non mi scorderò di te.

Hai attraversato il nostro tempo dentro di me, solo per pochi giorni, scindendoti in cellule.
Sei stato in me, io sono stata tua, ma tu non mi sei mai appartenuto, perché la Vita non la si ferma, nemmeno con l’amore.
La Vita sceglie di essere tale, fiera nella totale libertà che le spetta.
La Vita non si concede come premio ai meritevoli, ma si offre come dono inatteso, meraviglioso perché ribelle e rivoluzionario.
Non so dove tu sia, Ludo.
Non nel mio ventre.
Forse nel gioco infinito che ti ho augurato con il nomignolo che ti ho imposto, l’unica mia rivendicazione di possesso su di te.
Eppure, ogni sera, ti chiamo e ti invito a dividere il cuscino con me, nel caso volessi e potessi percepire l’amore della mamma.
Io non so dove tu sia, Ludo, ma so che io sono qui, per te, sempre.

Maria Cristina Sferra

Maria Cristina Sferra, nata a Novara nel 1965, vive a Milano. Giornalista professionista e graphic designer, scrive per lavoro e per passione. Diversi suoi racconti e poesie sono inclusi in antologie. Autrice indipendente, nel 2014 pubblica il romanzo "A mezzogiorno del mondo (una storia d'amore)", nel 2016 la silloge poetica "Il soffio delle stagioni" e la raccolta di racconti "L'amore è una sorpresa", nel 2017 la silloge poetica "Ombra di luna".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *