“Da dove la vita è perfetta” di Silvia Avallone

“Da dove la vita è perfetta” di Silvia Avallone

Recensione di Emma Fenu

perfetta

“Da dove la vita è perfetta” è un romanzo di Silvia Avallone edito da Rizzoli nel 2017.

Da dove la vita è perfetta.

Manca un punto interrogativo, che renda domanda dall’eco universale un’affermazione che lascia increduli.

Perché non c’è luogo e tempo dove la perfezione si manifesti nella contingenza.

Quindi, da dove la vita è perfetta?

Silvia Avallone ci conduce in una periferia immaginaria, non troppo distante dal cuore di Bologna, nella quale, in ciascun appartamento, quasi cella di un alveare- prigione, si vive guardando una realtà altra, figlia di mamma mediatica, immaginata e idealizzata secondo stereotipi che fanno coincidere ricchezza e bellezza con la perfezione.

Gli stabili sono chiamati dagli abitanti “lombriconi”, ossia animali destinati a strisciare nella terra, fra budelli senza luce, senza poter aspirare alle ali.

E così, chiusi in un bozzolo eterno, sembrano essere i protagonisti di tale romanzo, le cui vite arrivano a sfiorarsi fino ad intrecciarsi.

Eccoli, a calcare la scena alla ricerca di un sipario che ne copra l’umanità nuda.

Adele, incinta a diciassette anni, ex fidanzata di un bullo spacciatore, figlia di una madre che raccatta i cocci di sogni giovanili e di un padre dal guscio di Brad Pitt e dall’interno vuoto.

Manuel, riccioli neri di diavolo su angelica bellezza, figlio e padre di vuoti infiniti.

Dora, trentenne con una gamba in titanio e una diagnosi di sterilità sine causa che la rende menomata come donna più di ogni altra assenza.

Fabio, marito di Dora, che ha fatto di sé l’esito di un progetto di perfezione ma sente il bisogno, urgente, di appartenenza a qualcuno o qualcosa.

E, infine, Zeno. Il nostro eroe. Troppo alto, troppo magro, troppo intelligente, troppo sensibile, troppo idealista, troppo cinico, troppo bambino, troppo adulto. Troppo eroe.

Deliziosamente imperfetto. Perfettamente imperfetto.

Una storia sulla genitorialità, in particolar modo sulla maternità, intesa come forma di amore assoluto e controverso verso l’altro da sé, a cui regalare sé in toto, per poter fare di due o più metà recise un frutto pieno e perfetto di vita.

Da dove la vita è perfetta?

Nelle parole che fermano il tempo.

Nelle parole che creano e partoriscono le cose.

Nelle storie che ci attraversano, ci bucano, ci tappano i vuoti del vivere quotidiano.

Nelle pagine bianche e nere, carta e inchiostro, pensieri e frasi, sogni e conclusioni.

Da dove la vita è perfetta.

Senza punto interrogativo.

Dove la vita è perfetta.

Punto e a capo.

Sinossi

C’è un quartiere vicino alla città ma lontano dal centro, con molte strade e nessuna via d’uscita.

C’è una ragazzina di nome Adele, che non si aspettava nulla dalla vita, e invece la vita le regala una decisione irreparabile.

C’è Manuel, che per un pezzetto di mondo placcato oro è disposto a tutto ma sembra nato per perdere.

Ci sono Dora e Fabio, che si amano quasi da sempre ma quel “quasi” è una frattura divaricata dal desiderio di un figlio.

E poi c’è Zeno, che dei desideri ha già imparato a fare a meno, e ha solo diciassette anni.

Questa è la loro storia, d’amore e di abbandono, di genitori visti dai figli, che poi è l’unico modo di guardarli.

Un intreccio di attese, scelte e rinunce che si sfiorano e illuminano il senso più profondo dell’essere madri, padri e figli.

Eternamente in lotta, eternamente in cerca di un luogo sicuro dove basta stare fermi per essere altrove.

Silvia Avallone ha parole come sentieri allungati oltre un orizzonte che davamo per scontato.

Fa deflagrare la potenza di fuoco dell’età in cui tutto accade, la forza del destino che insegue chi vorrebbe solo essere diverso.

Apre finestre, prende i dettagli della memoria e ne fa mosaici.

Sedetevi con lei su una panchina e guardate lontano, per scoprire che un posto da dove la vita è perfetta, forse, esiste.

Titolo:  Da dove la vita è perfetta

Autore: Silvia Avallone

Edizione: Rizzoli, 2017

Link d’acquisto:

https://www.amazon.it/Da-dove-vita-%C3%A8-perfetta-ebook/dp/B06XPYGFCS/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1495632411&sr=1-1&keywords=dove+la+vita+%C3%A8+perfetta

 

Emma Fenu

Nata e cresciuta respirando il profumo del mare di Alghero, ora vivo, felicemente, a Copenhagen, dopo aver trascorso un periodo in Medio Oriente. Sono Laureata in Lettere e Filosofia e ho, in seguito, conseguito un Dottorato in Storia delle Arti. Scrivo per lavoro e per passione. Mi occupo da anni di storia delle Donne, critica, letteratura al femminile e iconografia di genere; tengo un corso di scrittura creativa; recensisco libri, intervisto scrittori; organizzo e partecipo ad eventi culturali; gestisco siti e blog dedicati al mondo della cultura, fra cui "Cultura al Femminile".Ho pubblicato un saggio, "Mito e devozione nella figura di Maria Maddalena", un romanzo - inchiesta, "Vite di Madri. Storie di ordinaria anormalità", sul lato oscuro della maternità, racconti, fiabe e poesie e una saga familiare, "Le dee del miele", che si snoda in una Sardegna intrisa di mito e memoria, dove sono le donne le custodi della vita e della morte. Scrivo fiabe, racconti e collaboro per varie antologie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *