“Le Dee del miele” di Emma Fenu

“Le Dee del miele” di Emma Fenu

Recensione di Lina Mazzotti

Le dee del miele

“Le Dee del miele” un libro di Emma Fenu sulla terra antica di Sardegna e sulla vita al femminile

Aria magica che avvolge la storia delle donne in un girotondo incantato.

“Profumo di pomodori e salsedine, linguaggio di una terra talvolta generosa, dea dal grembo fecondo e gravido di sole, che sfama i suoi figli.”

Quattro sono le protagoniste con le loro storie di fatica, dolore e speranza cresciute in un reticolo stretto del noi prima di divenire un io in un mondo onirico dove tutto è già segnato.

Tradizioni che si perdono tra un alone fatato ma a volte misterioso e bizzarro, dalle mille credenze.

“Ci fu un’epoca senza memoria in cui le donne erano esseri prediletti: sibille, sacerdotesse, maghe.

Un tempo, che si dipana, come un gomitolo, in un passato senza date, e che si tramanda nella poesia del mito.”

Tra Caterina, Lisetta, Marianna ed Eva, dee con un filo di familiarità indissolubile tra il passato e il presente. Sono dee della vita della rinascita in tutti i suoi aspetti più profondi.

Donne tenaci, madri e bambine capaci di grande coraggio e dispensatrici della forza rigeneratrice insita nella loro essenza.

Figure femminili che riescono ad allargare lo spazio ristretto e limitato congiungendolo con il sogno, interpretando situazioni reali e dure con il chiarore fatato dall’armonia interiore.

“Strette l’una all’altra, a formare un lunare cerchio magico, intessuto e disegnato di lemmi al femminile.”

Le Dee del miele” è intriso di odori del mare e aromi dei cespugli spontanei.

Con il calore che scalda la roccia e la terra, in sottofondo il ronzio delle api che creano il miele fonte di vita e sinonimo di femminilità.

L’alveare come ventre fecondo, dove il brusio antico e saggio viene raccontato e tramandato per preservare il valore dell’esistenza e la sua continuità.

Il miele come equilibrio tra ragione ed esperienza che con la sua dolcezza aiuta a superare le malvagità dell’esistenza e la durezza della morte.

Il liquido dolce e fluido necessario per la sopravvivenza del genere umano

“come per stillare latte da mammelle di mucche sacre”

Una lettura evocativa e intrisa di poesia che dà forza unendo, con dolcezza e riflessione, gli aspetti profondi del vivere delle donne, riuscendo ad addentrarsi nella parte profonda e segreta, al di là del tempo.

In queste quattro donne, le dee del miele, c’è ognuna di noi.

Donne di oggi unite dal fluido chiaro di sorgente e rosso palpitante nel fiume perenne della vita che fluisce attraverso il passato il presente e il futuro.

Sinossi

“Le Dee del miele” è una storia, ispirata alla realtà, che si snoda attraverso tutto il Novecento, ambientata in una Sardegna intrisa di mito e memoria.

In tale contesto, in cui si fonde un universo parallelo di spiriti, fate e demoni, spetta al mondo muliebre vegliare sulla vita e sulla morte.

Le protagoniste sono, infatti, quattro donne: Caterina e Lisetta, fanciulle che non si conoscono, ma che diverranno consuocere; Marianna, figlia adottiva di Lisetta; e Eva, figlia di Marianna.

Sono creature diverse fra loro, per ceto sociale e vissuto.

Donne legate dai fili del destino fino a divenire parte l’una dell’altra, tramite un cordone ombelicale di sangue, luna, farina, miele, mistero, esoterismo e agnizioni.

Sarà Eva a riannodare il filo rosso di mestruazioni, parti e aborti delle sue antenate e a scoprire il vero segreto del “dono” di famiglia.

Questa è, dunque, una storia di Donne. Donne madri, forti come Dee, capaci di rinascere dopo infinite eclissi. Donne mamme, lune piene, dolci come miele.

Dee del miele.

Titolo: Le Dee del miele
Autore: Emma Fenu
Genere: Narrativa
Editore: Milena Editore
Data edizione: 2016
Pagine: 142
Link d’acquisto: https://www.amazon.it/dee-del-miele-Fenu-Emma-ebook/dp/B01ECMEQ7E/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1496149163&sr=8-1&keywords=le+dee+del+miele

 

 

 

 

 

 

Lina Mazzotti [LiZ]

Ho sempre lavorato con bambini e anziani nell’ambito socio sanitario e nell’insegnamento. Lettrice vorace, amo scrivere poesie, collezionare aforismi, praticare l’handmade. Vivo a contatto con la natura e i miei dolci gatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *