“Il peso dei segreti” di Aki Shimazaki

“Il peso dei segreti” di Aki Shimazaki

Recensione di Maria Cristina Sferra

il peso dei segreti

Si può vivere nascondendo un terribile segreto?

Quanti segreti siamo destinati a nascondere nel corso della nostra esistenza?

E quanti, per caso o perché qualcuno ce li rivelerà, ne scopriremo?

Sono leggeri e sfuggenti come veli, i segreti, oppure sono pesanti e opachi come piombo?

Qual è il peso specifico dei segreti?

Ora confesserò la verità. Non è stata la bomba atomica a uccidere mio padre. Sono stata io. È solo una coincidenza che la bomba atomica sia caduta il giorno della sua morte. A quanto pare, in un modo o nell’altro, sarebbe morto quel giorno.

La verità si rivela a tratti, per nascondersi in altri momenti, come mascherata dall’abile gioco di quinte creato dai shoji, telai scorrevoli rivestiti di carta, tipici delle case tradizionali giapponesi.

In questo romanzo si entra scalzi, in silenzio, come in una stanza vuota sul cui pavimento in legno i passi risuonano, mentre le parole scappano e si dileguano all’aperto fino a perdersi nel vento, tra i fiori, nel bosco, inseguendo gli intrecci dei destini narrati e dei loro misteri.

La natura è sempre presente, come tela sulla quale, a delicate pennellate, l’autrice dipinge il suo quadro.

Le tinte sono pastello, le frasi sono brevissime eppure, in tale sobrietà e pulizia di forma, l’insieme emana una forza possente.

E lieve.

È inverno. Nel bosco, per mano a Yukiko, non ho freddo. Oggi c’è un profondo silenzio. Sentiamo solo il lieve rumore dei nostri passi fra le foglie morte. Nessuno nei paraggi. Yukiko pare assorta nelle sue meditazioni.

Questo libro è composto da cinque romanzi brevi in cui si muovono gli stessi personaggi.

I cinque titoli sono quelli originali, in giapponese: Tsubaki (Camelia), Hamaguri (Vongola gigante), Tsubame (Rondine), Wasurenagusa (Nontscordardimé), Hotaru (Lucciola).

Originali sono anche le raffinate, essenziali copertine a colori che ritraggono i soggetti dei titoli e che suddividono il libro nelle cinque sezioni.

Cambia invece il punto di vista, poiché in ciascuna parte a raccontare è un personaggio differente.

Aki Shimazaki tratteggia le diverse voci narranti mantenendo sempre il tipico, educato e quasi distaccato, minimalismo giapponese.

Ho giurato a me stessa che non avrei raccontato mai a nessuno ciò a cui avevo assistito quella mattina.

Al di fuori delle vicende personali dei protagonisti, ma in simbiosi con esse, la Storia accade, mossa da altri uomini e da calamità naturali imprevedibili.

Ogni evento, un mutamento.

Le vite che scorrono e si intrecciano tra le pagine sono quelle di persone comuni in un Giappone tradizionale.

Ogni essere, un arcano.

Siete pronti ad ascoltare la loro storia e a sentire qual è il vero peso dei segreti?

il peso dei segreti

Sinossi

Per tutta la vita Yukiko ha convissuto con un terribile segreto: la mattina del 9 agosto del 1945, prima che su Nagasaki fosse lanciata la bomba, ha ucciso il padre. In una lettera lasciata alla figlia dopo la morte confessa il crimine e rivela di avere un fratellastro. Ben presto si scoprirà che non è solo Yukiko a custodire segreti inconfessabili. I racconti personali si intrecciano con le vicende storiche: la Seconda guerra mondiale in Giappone, i conflitti con la Corea, il terremoto del 1923. Le generazioni si susseguono ed emerge un ritratto lucido di una società, quella nipponica, piena di contraddizioni e legata alle sue tradizioni. Sullo sfondo, la natura, presenza costante e discreta, delicata ed elegante come la scrittura di Aki Shimazaki: il vento che accarezza una guancia, le nuvole in un cielo afoso d’estate, le lucciole che volano sopra un ruscello, il prato blu dei wasurenagusa, le camelie nel bosco a Nagasaki. Frasi brevi, di raffinata semplicità, ora garbatamente poetiche, ora sensuali, che affrontano drammi privati e universali e anche la storia più cupa finisce per risolversi nella levità che Shimazaki ha saputo infondervi.

Titolo: Il peso dei segreti

Autore: Aki Shimazaki

Genere: Narrativa

Editore: Feltrinelli 2016

Pagine: 400

Link di acquisto: http://www.feltrinellieditore.it/opera/opera/il-peso-dei-segreti/

Maria Cristina Sferra

Maria Cristina Sferra, giornalista professionista e graphic designer. Insaziabile lettrice, scrive per lavoro e per passione. Autrice indipendente, ha pubblicato il romanzo “A mezzogiorno del mondo (una storia d’amore)”, la silloge poetica “Il soffio delle stagioni”, la raccolta di racconti rosa “L’amore è una sorpresa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *