Le regole del tè e dell’amore di Roberta Marasco

Le regole del tè e dell’amore di Roberta Marasco

Recensione di Elisabetta Corti

Le regole del tè

Anche per aggiustare un amore bisogna avere il coraggio di guardarlo.

Seduta qui nel mio piccolo soggiorno assolato, e 15°C all’esterno, mi godo qualche ora di riposo dopo il termine delle vacanze a casa.

Complici le due ore e venti di volo e i 50 minuti di ritardo alla partenza, ho terminato questo libro di Roberta Marasco, “Le regole del tè e dell’amore”.

Mi verso un Assam alla vaniglia, e penso che sicuramente starò sbagliando la temperatura di infusione, probabilmente anche la durata.

Mi comprerò un libro sul tè, è da tempo che lo voglio fare.

Ma prima voglio raccontarvi di Elisa.

Elisa è come le tazze del tè di sua madre, che toglie delicatamente dagli scatoloni.

Sono delicate, vanno maneggiate con cura. Si sente così Elisa, e per questo cerca di tenere lontano qualunque cosa possa di nuovo romperla, o anche solo scalfirla.

Il dolore per la perdita dell’adorata zia scandisce i lenti gesti con cui Elisa tarda a svuotare la casa per metterla in vendita.

Ogni oggetto la riporta indietro nel tempo, specialmente a quell’amore per il tè che le è stato tramandato dalla madre.

Ma Elisa cerca in quella casa qualunque cosa, anche piccola, che possa darle un piccolo indizio su suo padre.

O anche solo una prova della sua esistenza, non avendolo mai conosciuto.

Ed è così che si ritrova tra le mani una scatola di latta in cui è contenuto del tè.

Ma non un tè qualunque: il tè proibito di sua madre.

Sul fondo una etichetta strappata riporta il nome di una località, Roccamori.

Non posso raccontare oltre della trama di un libro che si snoda su più piani temporali.

È una strada insidiosa quella intrapresa da Roberta Marasco per raccontare questa storia di famiglia, eppure non ci si perde tra le sue curve a gomito, tra discese improvvise e salite ripide.

Ed è di certo una strada di profumi orientali, diverse tipologie di tè che scandiscono il tempo del racconto.

L’amore ed il tè che compaiono nel titolo sono i sue ingredienti del libro, che riesce a mantenere un ottimo equilibro tra leggenda e realtà.

Ed il piccolo borgo di Roccamori è così ben delineato che lo si può vedere.

Anzi, ci sono stata, sapete? Con Elisa ho fatto passeggiate per le sue vie e bevuto il tè nel giardino delle camelie con un nutrito gruppo di donne.

E mentre lei scopriva di essere meno fragile di quanto pensasse, io scendevo sotto le nuvole per ritoccare terra.

Il mio Assam ora è tiepido, come piace a me. La vaniglia fa da controcanto al suo sapore amarognolo. Roccamori ha insegnato qualcosa anche a me.

 

Puoi acquistare il libro qui.

 

Titolo: Le regole del tè e dell’amore
Autore: Roberta Marasco
Editore: Tre60

Un commento:

  1. Grazie Elisabetta, sappi che alla frase sul tempo sbagliato di infusione ti ho adorata! Una recensione bellissima, grazie di cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *