“Un secondo lungo una vita” di Lisa Molaro

“Un secondo lungo una vita” di Lisa Molaro

Recensione di Caterina Stile.

A volte basta un istante solo a togliere il senso alla vita.

Un istante sbagliato, fragile e disonesto che si schianta oltre il limite del giusto. Questo è ciò che accade alla protagonista del romanzo “Un secondo lungo una vita” di Lisa Molaro.

Beatrice vive un’esistenza perfetta e normale al tempo stesso, circondata dall’affetto dei suoi cari e dall’abbraccio dell’uomo che ama. In un secondo, però, il destino le porta via quell’uomo e, con lui, ogni speranza. Bea sente scivolare sotto la pelle un’esistenza che non le appartiene più, un’esistenza fatta di cose inutili e intangibili. La vita le passa accanto senza sfiorarla, i giorni si susseguono senza criterio, senza scopo.

Uno stato mentale che tutti abbiamo provato almeno una volta nella vita, quando ciò che sembra il fulcro della nostra esistenza ci viene tolto senza un’apparente ragione.

E a volte ragioni non ce ne sono davvero, quando si gioca con la vita, quando qualche dio decide di tirare i dadi e chiamare a sé la persona che amiamo.

Bea risponde alla vita con una chiusura alla vita, senza accorgersi della sofferenza che semina accanto a sé, senza comprendere quanto possano nascondersi i suoi cari per non disturbare il suo silenzio, il suo diritto al dolore.

…nemmeno volevo etichettarlo il mio problema: non volevo ammetterlo, non volevo associargli un nome che ormai non conoscevo più, un nome che non potevo più pronunciare.

Quando tutto ci crolla addosso, crediamo di avere ogni diritto:

il diritto di piangere, di restare in silenzio, di prendere a pugni il mondo intero, convinti che nessuno sia in grado di aiutarci.

E chi ci resta accanto, corroso dal senso di impotenza, reagisce come può, come crede giusto.

Il silenzio imbarazzato dei genitori di Bea è il soffice cuscino pronto ad assorbire ogni lacrima. L’irruenza improvvisa del fratello è invece incredulità di fronte a un senso di ingiustizia che sembra portare via con sé la gioia di vivere, la serenità, l’equilibrio di un’intera famiglia.

Le emozioni dominano la nostra vita ma chiuderle a chiave in fondo al cuore equivale a bendarsi gli occhi e camminare a tentoni.

A volte la sincerità di un confronto aiuta ad aprire gli occhi, a guardare dentro e fuori di noi, a comprendere che c’è sempre qualcosa di buono ad attenderci al prossimo passo, che ogni istante va vissuto con consapevolezza.

Perché anche quando sembra impossibile, l’amore vola intorno a noi come una silenziosa farfalla bianca pronta a rivelarci la potenza delle cose semplici.

Ho imparato che non devo necessariamente farlo da sola; che si può piangere e farsi vedere deboli anche stringendo le mani che vogliono aiutarci.

SINOSSI

Beatrice vive dentro a una bolla di sapone: ha una famiglia in cui regna l’armonia, un fidanzato che ama e da cui è ricambiata, ha molti amici ed è sempre sorridente.
Beatrice è fortunata, non sa cosa voglia dire “soffrire”: dentro alla sua bolla respira solamente amori totalizzanti; si muove leggera e crede nell’allegria.

Ma cosa può capitare se d’improvviso, in un solo secondo infernale, la punta di un ago sfiora l’evanescenza fragile della bolla di sapone?

Tutto può rompersi, tutto può disperdersi, tutto può smarrirsi!

I colori potrebbero cambiare, tinte pastello potrebbero diventare tonalità talmente accecanti da non poter essere guardate; piedi capaci di camminare solamente su superfici lisce potrebbero essere incapaci di camminare sulla ghiaia.

In un battito di ciglia tutto può capovolgersi. In un secondo si nasce e si muore, ci si può perdere o ritrovare.
Quanto sarà difficile, per Beatrice, ricominciare a ridere? Riuscirà a riguardare in faccia la vita?
Non un romanzo rosa, non un romanzo di solo dolore: un viaggio all’interno delle emozioni.

Titolo: Un secondo lungo una vita
Autrice: Lisa Molaro
Link d’acquisto: https://www.amazon.it/dp/B019YSEZFY/ref=dp-kindle-redirect?_encoding=UTF8&btkr=1

Caterina Stile

Laureata in Scienze Biologiche e sostenitrice della ricerca, nel 2016 ho conciliato le scelte personali e lavorative con la fondazione di Sapere&Potere, il sito web che impone alla ricerca un linguaggio semplice e accessibile a tutti. La passione per la lettura e la scrittura libera, invece, mi ha permesso di immergermi nei libri a tutto tondo: le mie recensioni sono sul mio blog “Emozioni d’inchiostro” e su “Cultura al femminile” e il mio primo romanzo “Temaki” è disponibile su Amazon.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *