“Sorrell. Dodici anni e un giorno” di Monica Portiero

“Sorrell. Dodici anni e un giorno” di Monica Portiero

Recensione di Annalisa Caravante

Sorrell. Dodici anni e un giorno

Sorrell è una donna apparentemente insicura e semplice, senza troppi slanci. Il destino l’ha segnata da piccola, portandola a prendere decisioni avventate.

È sposata con Scott, ha due bambini piccoli e una vita invidiabile. Sorrell, però, non sa che la vita restituisce quanto commesso in passato, sia in bene che in male, e che porta a fare i conti con i nostri errori. Con tanta forza d’animo affronterà ciò che il destino le ha messo davanti per riscattare i suoi sbagli. Dovrà andare contro il suo essere moglie, donna e madre per vincere la battaglia.

Ti meraviglia? Sei stupita? Sei forse anche un po’ triste per la sorte della tua vecchia amica Sorrell? No, non è questo ciò che voglio. C’è solo una persona che va biasimata per tutto questo: sono io.

Di questa brava autrice ho letto già due libri, “Sorrell. Dodici anni e un giorno” è il terzo e ho avuto modo di constatare che riesce a mostrare la sua abilità sia negli storici che nei contemporanei. Forse perché alla base del suo scrivere c’è la passione per la narrazione. Ogni storia diventa per l’autrice un mezzo con cui insegnare sempre qualcosa, ma nel senso buono dei sentimenti più puri.

Monica Portiero, talentuosa penna, ci mostra la storia di questa donna, Sorrell, attraverso il suo cambiamento psicologico, mantenendo abilmente il lettore in una situazione ambigua. “Perché? Cosa vuole fare Sorrell?” questi alcuni degli interrogativi che ci si pone di fronte alla sua vicenda, fino a farsi spesso un’idea sbagliata del personaggio. Il finale è tutta una sorpresa. Anche in questa aureola d’incomprensione, l’autrice ha l’abilità di far affezionare il lettore alla protagonista. Si mischiano sentimenti e suspense.

Scritto in modo scorrevole e semplice, lineare, con qualche piccola imprecisione, ma che non disturba la lettura.

Sinossi

Sorrell è donna fragile, insicura. Apparentemente, dalla vita ha avuto tutto. 

È sposata con Scott che ama più della sua stessa vita, ha due bambini piccoli e una vita “perfetta”.
Eppure, si sa, la perfezione non è di questo mondo; c’è una falla in quel quadretto familiare. Cosa si nasconde dietro la sapiente facciata costruita su tante cose mai dette?

È proprio a causa di una scomoda verità se Sorrell decide di riportare nella vita di suo marito, Laila, la donna della quale era innamorato prima di iniziare a frequentarla.
Per questo motivo, coinvolge nel suo piano la migliore amica e avvocato di fiducia, Vanessa Lane, facendola restare di stucco.
Rintracciarla? E perchè mai? Come le è balzata in mente la folle idea?
“Aiutami Van” supplica Sorrell e lei non può rifiutarsi. L’amicizia è sacra tra loro.
“Ti aiuto, ma non capisco”
E come potrebbe? Non sa che Sorrell ha sulla coscienza un peso enorme: deve confessare una colpa terribile per la quale chissà se esiste redenzione. 

Titolo: Sorrell. Dodici anni e un giorno
Autore: Monica Portiero
Genere: Romanzi rosa
Editore: Self-publishing
Data edizione: 22 luglio 2016
Edizione: digitale
Pagine: 249

https://www.amazon.it/SORRELL-DODICI-ANNI-UN-GIORNO-ebook/dp/B01IYZK8XQ/ref=la_B01MDTPJUT_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1500374701&sr=1-1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *