Intervista a Annarita Faggioni, scrittrice, blogger e copywriter

Intervista a Annarita Faggioni,

scrittrice, blogger e copywriter

di Emma Fenu

FaggioniOspite del salotto di Cultura al Femminile è oggi Annarita Faggioni, giovanissima scrittrice, blogger e copywriter che ha creato, nel 2011, il web journal Il Piacere di Scrivere.it.

Ha già scritto tre libri, di cui l’ultimo, intitolato “L’Ombra di Lyamnay”, sarà a breve in seconda edizione, e collabora come giurata nei concorsi letterari.

Benvenuta Annarita, sono felice di poter confrontarmi con te in merito alla letteratura e all’interazione sui social e sul web, passioni che ci accomunano.

Tu sei scrittrice, copywriter e blogger: ci dai una definizione di queste tue tre anime? Qual è il punto d’incontro fra esse?

Ciao Emma, grazie dell’invito.

Il punto di incontro è la letteratura, perché anche chi è copywriter o blogger fa letteratura, per me.

Ognuno a suo modo, ovviamente. Tutto parte dalla scrittrice, o meglio, dall’autrice che scrive, immagina, crea.

Con il tempo, questo “creare” inizia a confinare con il mondo del web, quindi si diventa blogger e il sito diventa un figlio come il protagonista di un libro.

La copywriter, invece, è un’anima che si sviluppa quando lo “scrivere” diventa una professione.Tutto avviene leggendo, studiando, facendo esperienza, imparando anche dagli errori degli altri. Tutto qui.

Quali sono le caratteristiche dello scrittore emergente dell’ultimo decennio? Ci sono, nelle differenze, degli elementi comuni che hai individuato grazie al tuo progetto, Il piacere di scrivere?

Lo scrittore degli ultimi 6 anni (di prima non posso parlare) è figlio diretto del Novecento.

Ha dai 13 e i 100 anni, vive una vita di lavoro che non c’entra nulla con il mondo classico, parla più inglese che latino e va dove la sua personalissima strada lo porta.

Se prima si poteva richiedere una scrittura “matura” a 50 anni, ora possiamo avere scrittori che iniziano in quel momento della vita.

Oggi, però, la sovraesposizione social ci pone come in un agone eterno, un riflettore che può diventare una lama o un applauso in qualsiasi momento.

Questa spinta propulsiva va utilizzata in modo positivo.

Mai come prima abbiamo l’inedita possibilità di parlare con letterati e scrittori di tutto il mondo e questo deve arricchirci e renderci unici, per quanto possibile.

Come si pongono oggi le donne nel panorama letterario? Esiste una letteratura al femminile, a tuo avviso?

Esiste uno stile di scrittura femminile e non è il solo nello scenario.

Non esistono, però, generi prettamente femminili. Un uomo può scrivere un romance, se ne ha ispirazione e desiderio.

Una donna può scrivere un horror o qualcosa di aprticolarmente cruento, se ne ha ispirazione e desiderio.

Le differenze oggi dipendono dall’esperienza, dai libri letti, dai corsi di scrittura frequentati, non tanto dall’essere una scrittrice o uno scrittore.

Poi, i lettori e le lettrici sono divoratori di testi per natura.

 

Come vedi il futuro della letteratura italiana contemporanea?

Questo potranno dirlo solo gli studiosi che verranno dopo di noi.

Sicuramente, una delle sfide più importanti sarà fare letteratura usando gli strumenti che ci sono senza sminuirla o distruggerla.

Imparare dalle altre culture per scrivere sempre meglio.

Ricordarci sempre che abbiamo perso quel ruolo di “superiori agli altri” del passato, ma che questo ci renda anche umanamente migliori.

Pagina Facebook:

https://www.facebook.com/IlPiacerediScrivere1

Sito web:

Il Piacere di Scrivere

 

Emma Fenu

Nata e cresciuta respirando il profumo del mare di Alghero, ora vivo, felicemente, a Copenhagen, dopo aver trascorso un periodo in Medio Oriente. Sono Laureata in Lettere e Filosofia e ho, in seguito, conseguito un Dottorato in Storia delle Arti. Scrivo per lavoro e per passione. Mi occupo da anni di storia delle Donne, critica, letteratura al femminile e iconografia di genere; tengo un corso di scrittura creativa; recensisco libri, intervisto scrittori; organizzo e partecipo ad eventi culturali; gestisco siti e blog dedicati al mondo della cultura, fra cui "Cultura al Femminile".Ho pubblicato un saggio, "Mito e devozione nella figura di Maria Maddalena", un romanzo - inchiesta, "Vite di Madri. Storie di ordinaria anormalità", sul lato oscuro della maternità, racconti, fiabe e poesie e una saga familiare, "Le dee del miele", che si snoda in una Sardegna intrisa di mito e memoria, dove sono le donne le custodi della vita e della morte. Scrivo fiabe, racconti e collaboro per varie antologie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *