“Chiamatemi Isa ” di Giorgia Coppari

“Chiamatemi Isa” di Giorgia Coppari

Recensione di Tatiana Pagano

La Bellezza di Isa

“Cos’è la Bellezza?”

Se avessero posto questa domanda ad Isa lei, di sicuro, non avrebbe saputo rispondere.

Non si guardava allo specchio da anni nella più profonda convinzione che nemmeno un oggetto inanimato sarebbe riuscito a sopportare, come lei del resto, il riflesso di una donna tanto brutta.

La sua rossa e folta chioma era già stata tagliata durante l’adolescenza, provocando non poco dispiacere alla nonna.

Già, la nonna.

L’unico suo punto di riferimento, l’unica che, secondo Isa, l’amava davvero per quello che era.

I suoi capelli rossicci erano un dono della natura alquanto inutile per Isa, poiché riteneva che nemmeno delle ciocche così belle riuscissero a renderla carina almeno un po’.

Anche il suo vero nome in realtà era stato da lei deturpato. Non Isa, ma Isabella si chiamava. Un aggettivo collegato al concetto di bellezza non poteva neppur esser contenuto nel suo nome, pertanto a chiunque le si presentasse diceva semplicemente “chiamami Isa”.

“Chiamatemi Isa” è  il titolo del romanzo di Giorgia Coppari, pubblicato nel 2016.

La narrazione è incentrata sulla profonda insicurezza della protagonista che, trascorrendo un’intera vita ad autodefinirsi brutta, rischia di rigettare anche il dono più grande: l’amore.

Sin da piccola Isa diventa lo specchio di se stessa.

L’immagine negativa che ha di sé inizia a riflettersi sul suo carattere facendo divenire anch’esso cattivo, come in una profezia che si autoavvera. Rifiuta il bello ed il buono divenendo ossessionata dal suo aspetto fisico.

La protagonista rintraccia in qualsiasi tentativo di avvicinamento da parte degli uomini una motivazione sottesa legata all’acquisizione di potere e di denaro.

L’Isabella adulta è, infatti, una giovane imprenditrice che, grazie allo zio, gestisce un’impresa di famiglia diventando ricca e potente.

La sua ossessione per la bellezza, o meglio per l’assenza di questa, la porta ad allontanarsi non soltanto dagli uomini, con cui riesce talvolta ad intraprendere solo mere relazioni sessuali concedendo loro denaro o privilegi, ma anche dalle figure genitoriali che eviterà del tutto negli anni a venire.

La conoscenza di Renato, operaio della sua azienda, e della moglie Emma le cambia la vita.

Dopo la morte dei figli dei due anziani coniugi, Isa decide di acquistare una casa più grande e di costruirsi una nuova famiglia insieme ad Emma e Renato, diventati il suo punto di riferimento.

Durante le vacanze estive Isa rischia di morire annegata in mare.

Il ritrovarsi a riva sana e salva le fa pensare che la sua vita abbia un senso e che sia finalizzata al raggiungimento di qualcosa di più grande.

Al suo rientro approfondisce, quindi, la conoscenza con Ruggero, suo braccio destro in azienda, che decide presto di sposare e da cui avrà una bellissima figlia, Lora. La vista di cotanta bellezza scatena alla protagonista infinite aspettative sulla futura vita della bambina appena nata, credendo fermamente che sua figlia possa finalmente godere delle possibilità a lei tolte a causa della sua bruttezza.

Lora decide di recarsi presto in America per inseguire il suo sogno di pittrice ed, in seguito a numerose relazioni sessualmente discutibili, confessa alla madre Isabella ormai anziana, di voler diventare suora di clausura.

 Isa vive la sua esistenza nell’eccessiva preoccupazione della propria esteriorità trasformando la bruttezza in una vera e propria malattia ed identificando il “brutto” con la qualità morale della cattiveria.

Lora, differentemente dalla madre, si svincola dall’ossessione per la propria immagine esteriore; vivendo una vita immersa nella gratitudine e nella compassione va alla ricerca di una bellezza invisibile agli occhi.

“Chiamatemi Isa” è un romanzo travolgente che spinge il lettore a porsi una serie infinita di interrogativi su quale sia la vera bellezza e sul senso di questa.

 L’autrice riesce, attraverso una fluente descrizione narrativa, a dimostrare che un animo buono si costruisce nell’amore per se stessi e per gli altri.

D’altronde

“la bellezza esteriore non è più che l’incanto di un istante. L’aspetto del corpo non è sempre il riflesso dell’anima” (G. Sand).

 

 

Sinossi

Isa è ossessionata dal suo aspetto fisico che non le piace e le impedisce di accorgersi di quanto accade nella sua vita.

Tutto è troppo poco per lei, poco per placare l’inquietudine che la accompagna negli anni e nelle scelte importanti.

Trascorre così molto tempo, fino a che accadrà qualcosa che incrinerà la bolla di risentimento nella quale è chiusa da sempre, facendole scorgere un modo nuovo di guardarsi e di guardare tutto.

Saprà cogliere, Isa, questa possibilità? Potrà finalmente essere libera?

 

Nome: Chiamatemi Isa
Autore: Giorgia Coppari
Genere: romanzo
Editore: Itaca
Data edizione: Agosto 2016
Pagine: 245

 

https://www.amazon.it/Chiamatemi-Isa-Giorgia-Coppari/dp/8852604928

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *