“I colori di Juliet” di Cinzia La Commare

“I colori di Juliet” di Cinzia La Commare

recensione di Piera Nascimbene

I colori di Juliet di giulia lacommare
“I colori di Juliet” non sono solo quelli che la protagonista di questo bel romanzo, usa per dipingere, ma nella mia mente sono anche quelli che l’hanno accompagnata per tutta la sua vita… almeno io l’ho pensato leggendo questa storia  di Cinzia La Commare.

Juliet, ha vissuto, fino all’adolescenza, in un paesino sulle coste dell’oceano atlantico per poi trasferirsi, con la famiglia, molto lontano, in una città piena di cemento che le ha tolto anche l’ispirazione per la pittura.

La sua storia con Igor durata sette anni, durante i quali ha girato per il mondo per poi tornare negli Stati Uniti senza avere nulla di ciò che avrebbe desiderato e cioè una famiglia e dei figli, è al capolinea, e Juliet prende una drastica decisione: ritornerà a Wood’s Bridge, nella vecchia casa mai venduta, e cercherà di recuperare dei rapporti amichevoli con conoscenti e amici di un tempo.

Quindici anni di lontananza non sono pochi e le persone sono cambiate… ma lei non si dispera e pian piano riesce a riavvicinarsi alle vecchie compagne di scuola e alle persone che aveva conosciuto e frequentato da bimba.

L’oceano l’ha sempre attratta con i suoi colori, i suoi profumi e la sua profondità e, da una finestra della casa, mentre lo osserva,  vede  sulla spiaggia un uomo, che riconosce come Austin, con una bimbetta per mano.

Juliet e Austin, da ragazzi, avevano una tenera amicizia che si stava trasformando in qualcosa di più profondo. Purtroppo l’allontanarsi della giovane non aveva loro permesso di approfondire il rapporto e ora chissà… si domanda la donna!

Il giorno dopo, mentre esce da un locale dove ha ritrovato una vecchia conoscente dei suoi genitori, i due si incontrano:

“July, sei tu?

C’era una sola persona che mi aveva sempre chiamato July. Non poteva essere nessun’altro, ma per accertarmene davvero mi voltai lentamente in direzione della voce e, ovviamente, vidi lui: Austin!

… ”Austin” sussurrai.

“Sì, sì… sono io”

Quando finalmente i due hanno occasione di parlarsi, Juliet scopre quanto Austin sia cambiato e perché non sembra più possibile nemmeno una semplice amicizia.

Austin è un giovane uomo pieno di rabbia e di dolore che sfoga, bevendo e distruggendo se stesso, e rifuggendo da quanti vorrebbero aiutarlo. Le amiche mettono in guardia Juliet dal frequentarlo ma la ragazza, che conserva la sua infatuazione giovanile, non dà retta a nessuno e pian piano entra nel mondo oscuro di Austin.

Cosa succederà ad entrambi e alla piccola Emma!?

Beh, è un percorso che io mi auguro vorrete seguire con i due protagonisti perché Juliet, ritrovata la voglia di dipingere ed essendo riuscita a esporre una sua opera, ad un gallerista che chiede il nome del quadro di così grande impatto cromatico, risponde:

“Marea rossa” …

“Rosso come l’amore, rosso come il dolore” …

Questa storia è reale, ha personaggi che possono essere i nostri amici o qualcuno che frequentiamo tutti i giorni.

Le reazioni che contrastano il dolore, sono quelle che ognuno di noi potrebbe avere: incapacità di accettare quello che è accaduto, senso di colpa per non aver saputo proteggere la persona amata, rifiuto di andare oltre perché si pensa di tradire chi non c’è più… e anche desiderio di mettersi da parte per offrire una possibilità diversa a chi ci ha aiutato.

Ci sono dei momenti di grande dolcezza descritti dall’autrice con toni talmente vivi che sembra di essere lì con i protagonisti… si riesce a percepire, attraverso le sue descrizioni, il rumore del mare, il silenzio della spiaggia di notte, la bellezza di sedere di fronte alla spiaggia e di annusare l’odore della brezza che sale di sera.

Ho trovato azzeccata la suddivisione in capitoli con i due protagonisti che parlano in prima persona, mentre invece il passato viene narrato impersonalmente come fosse una cronaca che completa e spiega il presente.

È un romanzo la cui lettura mi ha soddisfatta e ho lasciato i due giovani al loro futuro con un poco di dispiacere perché avrei voluto continuare a seguire la nuova avventura d’amore che li sta aspettando!

Valutazione cinque stelle meritate

I colori di Juliet – sinossi

Sono passati quindici anni da quando Juliet Miller ha lasciato Wood’s Bridge, una piccola cittadina costeggiata dall’oceano. Eppure non ne ha mai dimenticato il legame profondo. Così, dopo un’ennesima cocente delusione, decide di farvi ritorno per curare le sue ferite.

Viso a viso con i ricordi della sua adolescenza, si aspetta di ritrovare la serenità perduta. Un nuovo punto di inizio che possa permetterle di pensare, almeno per una volta, solo a se stessa.

Invece, si ritroverà ben presto ad annaspare nell’oceano in tempesta di due profondi occhi azzurri incupiti da un passato che lei non conosce, ma che proverà a combattere cercando di riportare colore nella vita di chi si è rassegnato al grigiore.

  • Romanzo finalista a Il mio esordio 2016”

Scheda

Titolo: I colori di Juliet
Autore: Cinzia La Commare
Genere: romance contemporaneo
Pagine: 330

https://www.amazon.it/colori-di-Juliet-Cinzia-Commare/dp/1520133138/

 

A proposito di Cultura al femminile

 

Un commento:

  1. Cinzia La Commare

    Grazie mille per questa splendida recensione, mi ha commossa! Sono davvero felice di sapere che il romanzo e le emozioni che contiene siano arrivate in modo così chiaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *