“Dream hunters: il ponte illusorio” di Myriam Benothman

“Dream hunters: il ponte illusorio”

di Myriam Benothman

Recensione di Serena Savarelli

 ponte

Finalista del Premio Cittadella 2017 per il miglior Fantasy dell’anno, Il ponte illusorio di Myriam Benothman è il primo volume della trilogia Dream Hunters.

Una favola moderna adatta a tutte le età, che trascina il lettore in un sogno a occhi aperti, riportando a galla le emozioni del primo amore.La vita reale e i sogni.

Una giovane ragazza che vive a Parigi di giorno e di notte nel regno delle favole.

Una vecchia libreria dal profumo di muffa e un libro antico che riflette l’eredità di Sophie.

Una ragazza apparentemente normale che possiede un dono, una missione e un destino, dal quale tutto ha inizio in un divenire fantastico che mescola le più famose fiabe, da tutti noi conosciute.

È possibile discernere la realtà dall’immaginazione, il desiderio dalla routine?

Il lettore accompagna la protagonista, bramando il momento nel quale essa chiude gli  occhi e raggiunge ciò che fa di un sogno la voglia di viverlo.

Non sono una principessa. Sono sbadata e testarda, dico sempre quello che penso, non so ballare.”

Immaginate il finale “…e vissero felici e contenti” e cancellatelo da ogni favola, quando una storia manipolata da incantesimi diventa un presente in atto da costruire di nuovo.

Disegnate un regno così vicino alla Terra degli umani, ma ben celato, ambedue uniti da un ponte illusorio che solo un custode può oltrepassare.

Desiderate un sogno, capace di essere afferrato per riportare la pace dove il male dilaga oltre i confini del reale.

Vivete un amore, intenso, reso possibile al di là dell’inimmaginabile, quello tra due esseri che si appartengono, ma si dividono tra veglia e sonno.

I tuoi sogni sono la chiave, giovane custode. Tale l’energia di cui sono impregnati da provocare una distorsione dello spazio e permettere all’Oscura signora di accedervi.”

Un romanzo fantasy che porta il lettore a smarrirsi con piacere in un’alternanza di fatti reali mescolati al surreale, dove anche la potenza viva del vento pare gridare:

Credici, sempre. E ciò che desideri si avvererà.”

Dove il lettore galoppa a fianco dei personaggi, li guida e li segue, dove aspetta la sentenza dell’Oracolo che sussurra:

Non arrenderti, giovane custode. Le tue spalle portano un grande peso, ma l’unione delle vostre anime impedirà l’avverarsi della profezia.”

Una storia che porta in superficie il valore dei sogni come quella parte profonda dell’essere che si dipana oltre i confini,

là dove lo spazio e il tempo perdono il loro valore abituale e le leggi della logica vengono sormontate da un’infinita libertà espressiva.

Il sogno diventa un vero e proprio prodotto creativo, l’espressione di emozioni e sentimenti, una sorta di “sapere naturale” antico per attuare collegamenti e analogie, per dare vita alla vita.

L’esistenza umana non può essere separata dalla parte onirica dell’essere stesso.

I sogni diventano i sentieri all’interno del cammino e nel sogno ognuno può essere ciò che, talvolta, la vita impedisce di esprimere.

Una trilogia che lascia il lettore con l’immenso desiderio di avere tra le mani la seconda parte della storia;

quel lettore che, prima di addormentarsi, chiede di poter sognare anche lui, per allontanarsi dalla frenesia della vita quotidiana e ritrovarsi in ciò che ha sempre desiderato vivere ed essere.

Link d’acquisto

https://www.amazon.it/Dream-Hunters-illusorio-Myriam-Benothman-ebook/dp/B01N425SE8/ref=sr_1_fkmr0_1?ie=UTF8&qid=1509526749&sr=8-1-fkmr0&keywords=%E2%80%9CDream+hunters%3A+il+ponte+illusorio%E2%80%9D+di+Myriam+Benothman

 

Sinossi

Cosa si prova nell’incontrare Cappuccetto Rosso e Biancaneve, e innamorarsi di un vero principe azzurro?

Tra le vie di Parigi, Sophie si imbatte per caso in un antico libro di favole ed è vittima di un’allucinazione.

Hanno così inizio i suoi sogni vividi e surreali, ambientati nella dimensione parallela popolata da personaggi incantati.

In essi, la ragazza scopre di riuscire a manipolare le fiabe e, così facendo, anche il mondo reale cambia.

Ospite d’onore al ballo per le nozze di Cenerentola, conosce Alexander, principe seducente e inafferrabile.

Il confronto fra i due si dipana tra avventure fatate, finché il sentimento che li unisce non si rivela in tutta la sua forza.

Ma una presenza oscura trama nell’ombra, insinuandosi nella mente di Sophie per usurparne il potere ed estendere il suo dominio sugli esseri umani…
Titolo Il ponte illusorio
Autore Myriam Benothman
Edizione Astro, 2016

 

Emma Fenu

Nata e cresciuta respirando il profumo del mare di Alghero, ora vivo, felicemente, a Copenhagen, dopo aver trascorso un periodo in Medio Oriente.

Sono Laureata in Lettere e Filosofia e ho, in seguito, conseguito un Dottorato in Storia delle Arti.
Scrivo per lavoro e per passione.
Mi occupo da anni di storia delle Donne, critica, letteratura al femminile e iconografia di genere; tengo un corso di scrittura creativa; recensisco libri, intervisto scrittori; organizzo e partecipo ad eventi culturali; gestisco siti e blog dedicati al mondo della cultura, fra cui “Cultura al Femminile”.

Ho pubblicato un saggio, “Mito e devozione nella figura di Maria Maddalena”, un romanzo – inchiesta, “Vite di Madri. Storie di ordinaria anormalità”, sul lato oscuro della maternità, racconti, fiabe e poesie e una saga familiare, “Le dee del miele”, che si snoda in una Sardegna intrisa di mito e memoria, dove sono le donne le custodi della vita e della morte. Scrivo fiabe, racconti e collaboro per varie antologie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *