“Viaggio nella terra dei sogni” di Maurizio Bettini

Pubblicato da Emma Fenu il

“Viaggio nella terra dei sogni” di Maurizio Bettini

Recensione di Emma Fenu

Viaggio nella terra dei sogni di Maurizio Bettini, classicista e scrittore, è un saggio ricco di fotografie, edito da Il Mulino nel 2017.

viaggio sogni

“Stanotte ho fatto un sogno.”

Quante volte abbiamo pronunciato questa frase, apprestandoci a raccontare o a evocare sensazioni riferite alla nostra attività onirica.

Usiamo il verbo fare, lo stesso che compare nelle espressioni legate alle nostre affezioni o bisogni corporali, e sempre al tempo passato, evidenziando l’impossibilità di parlare e, al contempo, sognare, se non ci si muove nel campo della metafora.

Un antico Romano avrebbe detto: “Stanotte ho visto un sogno”, usando il verbo video e usando il costrutto del verbo alla forma passiva, videor, per l’espressione “mi sembrava di…”, che ricorre nei racconti onirici dell’epoca.

Letteralmente videor significa “sono visto”: non è forse il sogno la dimensione fantastica nel quale ciascuno è visto da sé come simulacrum di sé?
sogni viaggio

Henri Rousseau, Zingara addormentata, 1897

Eppure, nonostante i sogni per noi siano nostre creazioni, che facciamo, essi sono imprevedibili e sfuggono al potere di controllo esercitato dalla ragione.

Ed è proprio per questo che sono così affascinanti. Ed è proprio per questo che lo furono e lo saranno.

Attraverso un dettagliato e appassionante excursus fra popoli, epoche e teorie, Maurizio Bettini tiene fede alla promessa contenuta nel titolo del libro e ci conduce in viaggio attraverso la terra dei sogni e della loro interpretazione, strettamente legata alla storia, all’arte, all’antropologia, all’etnografia e alla psicoanalisi.
viaggio sogni

Hypnos, testa in bronzo, I-II sec d. C

Gli antichi, in particolare Mesopotamici, Greci, Romani ed Ebrei, ritenevano che i sogni ci mettessero in comunicazione con il mondo sovrannaturale, trasmettendo, in forma criptica e, pertanto, richiedente una interpretazione, messaggi divini destinati all’uomo.

In epoca moderna, da Freud in poi, non si nega l’esigenza di spiegare le visioni oniriche ma, mentre gli antichi ritenevano che esse potessero predirre il futuro, nella psicoanalisi cambia la prospettiva. I sogni, in tale ottica, forniscono informazioni sul passato, svelando desideri e paure nascoste del soggetto attraverso una collaborazione fra quest’ultimo e l’analista.

Tuttavia, tutt’oggi, la notte diventa occasione per superare i confini della contingenza e per mettersi in comunicazione con l’Oltre, nello specifico con i defunti, per avere combinazioni di numeri da giocare al lotto (il termine Smorfia, che identifica il “dizionario” ermeneutico del giocatore, deriva, infatti, non solo dalla posa del volto del dormiente ma, in primis, dal nome del dio del sonno, Morfeo).

Non mancarono teorie, fra le quali la più significativa e pionieristica fu quella di Roger Callois, nel 1956, che ritengono i sogni privi di alcun significato, in quanto la stessa realtà è enigmatica e incerta, al punto da poter essere essa stessa frutto di una mentale elaborazione.

Fra le due posizioni antitetiche, una assegnante valore interpretativo ai sogni e una negandone il senso, si pone una terza visione molto affascinante, espressa da Fedor Dostoevskij ne L’idiota, secondo la quale l’esperienza onirica lascia un’impressione non esprimibile attraverso le parole.

viaggio sogni

Wang Niandong, Il sogno della farfalla, 2007

Maurizio Bettini, soffermandosi sui sogni “tipici”, evidenzia come ci siano elementi che contraddistinguono epoche e, dunque, culture diverse che si esplicitano nelle elaborazioni notturne: se i greci, per esempio, sognavano metamorfosi, gli occidentali contemporanei, debitori al cristianesimo, sognano di essere nudi e, quindi, molto a disagio.  

Il differente senso del pudore, nel caso specifico, si esplicita e palesa nell’attività della psiche, arrivando a concepire percorsi onirici collettivi.

viaggio sogni

Nicolai Abraham Abildgaard, Incubo, 1800

Di contro, esistono incubi che non hanno tempo, come il non riuscire a muoversi e a scappare.

Entra, così, in scena una parola la quale necessita di spiegazioni che l’etimologia può facilmente fornire: incubo, infatti, deriva da incubare, ossia giacere sopra, e allude ad una creatura che preme sul petto del dormiente.

Se per i Greci e i Romani tale entità malvagia era sempre maschio, in epoca medievale esso era anche femmina, in quanto entrambi i sessi venivano sedotti affinché il diavolo potesse generare i propri figli.

Tale teoria impegno anche San Tommaso nella Summa Theologiae nella quale si fa riferimento a un tipo di essere demoniaco non incubus ma succubus, ossia che, in qualità di femmine, stanno sotto.

 

Il viaggio nella terra dei sogni è più lungo, più complesso, più magico di quanto ho potuto narrarvi in una recensione.

È il viaggio dell’Uomo e di ogni uomo, a cavallo della clessidra del Tempo, alla ricerca del mito collettivo o del desiderio personale, ossia di ciò che c’è e non c’è, di ciò che si vede e non si vede, di ciò che significa, dando a tutto un senso.
Link d’acquisto:

https://www.mulino.it/isbn/9788815273727

Titolo: Viaggio nella terra dei sogni
Autore: Maurizio Bettini
Edizione: Il Mulino, 2017

 

 

 

 

 


Emma Fenu

Nata e cresciuta respirando il profumo del mare di Alghero, ora vivo, felicemente, a Copenhagen, dopo aver trascorso un periodo in Medio Oriente. Sono Laureata in Lettere e Filosofia e ho, in seguito, conseguito un Dottorato in Scienze dei Sistemi Culturali. Scrivo per lavoro e per passione. Mi occupo da anni di storia delle Donne, di letteratura e  iconografia di genere; sono presidente e fondatrice del portale "Cultura al Femminile" e dell'omonima associazione culturale; amministro la pagina facebook "Letteratura al Femminile; scrivo recensioni e articoli per magazine e siti; insegno italiano agli stranieri; tengo corsi di scrittura creativa; organizzo eventi culturali in tutta Italia; sono attiva contro la violenza sulle donne. Ho collaborato come giurata o autrice per varie antologie. Ho pubblicato un romanzo - inchiesta, "Vite di Madri. Storie di ordinaria anormalità", sul lato oscuro della maternità; una saga familiare, "Le dee del miele", che si snoda in una Sardegna intrisa di mito e memoria, dove sono le donne le custodi della vita e della morte; una fiaba contro i pregiudizi sessisti, "Il segreto delle principesse"; una silloge illustrata di filastrocche sul concepimento e sull'adozione, "E' da una fiaba che tutti arriviamo"; un saggio storico antropologico su Maria Maddalena, "Nero e rosso di Donna. L'ambiguità della femminilità".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.