“Creare (e guarire) con il Tao” – di Emanuela Marchesano

Donne. Semplicemente.

Creare (e guarire) con il Tao: Yin e Yang per imparare a essere creativi

Recensione di Lisa Molaro

“Creare (e guarire) con il Tao: Yin e Yang per imparare a essere creativi”, scritto da Emanuela Marchesano e pubblicato a metà maggio di quest’anno da Area51 Publishing Editore, è una guida scorrevole e interessante da leggere sia per i neofiti sia per chi, invece, già è ferrato sull’argomento.

L’autrice collabora con testate giornalistiche a diffusione nazionale per la redazione di testi, principalmente per quanto riguarda le medicine non convenzionali e la fitoterapia. Studia Qi Gong e Tai Chi Chuan stile Yang dal 1994, con diversi approfondimenti presso altre Scuole in Italia e in Francia. Istruttrice di Tai Chi Chuan e Qi Gong dal 2009.

Con competenza leggera, mai ostentata, l’autrice ci parla del sentiero che porta alla centralità assoluta: il Tao e lo fa spiegando percorsi che hanno bisogno di argini e di smottamenti.

Fulcro di questo testo è la Creatività.

Da bambini abbiamo tutti una ricca immaginazione che ci consente di creare continuamente
nuove e fantasiose associazioni, di dedicarci a varie espressione artistiche per il puro piacere di
farlo, ma poi, da adulti, alcuni di noi in qualche modo si bloccano.
Eppure, anche se la definizione stessa di creatività è ancora difficile da afferrare, tutti
concordano sul fatto che creare fa bene alla salute e all’umore, aiuta ad affrontare i passaggi
difficili e a sentirsi più vivi e appagati.
Ma allora perché può sembrare così difficile dare espressione alla propria creatività?

Come percorrere la via del Tao rispondendo a questa domanda? Cosa è andato perso, crescendo? Che disarmonia si è andata calcificando in noi?

L’espressione creativa offre inoltre possibilità rare, come confrontarsi con se stessi senza la
lente deformante rappresentata dai giochi di proiezioni dei rapporti sociali. Senza accorgercene,
spesso proiettiamo sugli altri le parti di noi stessi che ci creano imbarazzo o che non vogliamo
vedere

Sono, da che ne ho un maturo ricordo, da sempre stata affascinata dalla filosofia orientale e quindi le argomentazioni trattate dell’autrice non sono state, per me, nuovo; inusuale è stato vedere il Tao rapportato alla creatività narrativa, al buon scrivere, al dirompere delle dighe capaci di bloccare lo scrittore… questo è stato uno degli argomenti principali del manuale e, devo dire, mi è piaciuto molto.

Spesso, leggendo, ho pensato allo Shodō.

Sapete cos’è? Si tratta dell’arte calligrafica giapponese, un mondo magico… e lento; è la Via della scrittura.

Ci ho pensato spesso perché si tratta di un’arte che ha bisogno di concentrazione, calma e passione viva, in movimento, in fluire.

Emanuela Marchesano non parla di calligrafia ma del modo di vivere i nostri giorni con il fondersi creativo del bianco e del nero, in una mescolanza armonica capace di mantenere in equilibrio il proprio baricentro.

Mi sono particolarmente piaciuti i pezzi in cui parla degli elementi vitali, dello stagnare dell’acqua quando ci troviamo, inermi, davanti a un foglio bianco, quando non riusciamo a concimare in modo adeguato e non riusciamo a “fare la composta” corretta.

Ho trovato impattante il figurarmi cavalcare una tigre lanciata al galoppo.

La tigre, lo saprete, nel suo aspetto positivo rappresenta potenza, vigore e forza ma, come tutto, ha una parte opposta capace di distruggere, una natura salvaggia che va conosciuta.

Anche la tigre che potremmo cavalcare va tenuta a bada, non lasciata correre all’impazzata ma diretta e addomesticata al guado stagnante.

Nella religione induista, La Dea del Vento, Durgā, appare talvolta in mezzo alle nuvole, in sella a un leone o a una tigre, rappresenta  l’energia creativa femminile e ha una potere ambivalente: può creare o distruggere.

Emanuela Marchesano non ci sottolinea l’aspetto distruttivo ma ci indirizza verso la creatività capace di generare il “nuovo”

Nella concezione taoista, la tigre è un animale tipicamente Yang, pieno di significati simbolici positivi. Cavalcare la tigre, in questo caso,
significa cavalcare energie benefiche, ma estremamente potenti.

L’autrice, di capitolo in capitolo, ci fa ammirare la lucentezza del metallo mentre le nostre mani si muovono come nuvole seguendo il ritmo di piedi che percorrono una strada lastricata d’oro.

Cadono i blocchi, precipitano i ponti dietro di noi.

Ritroviamo l’acqua, abbracciamo la tigre e la riportiamo, libera, in montagna.

Un piccolo manuale, un viaggio caratterizzato da colori ora sfumati e ora accesi, quelli che si scorgono chiudendo gli occhi, quelli che si ascoltano aprendo il cuore.

 

Tao… è tenere la Luna e il Sole nel palmo della mano aperta e ammirare, in ascoltato silenzio, il loro roteare lento.

Lisa.

 

Titolo: Creare (e guarire) con il Tao: Yin e Yang per imparare a essere creativi
Autore: Emanuela Marchesano
Editore: Area51 Publishing (16 maggio 2018)
Libro disponibile anche in formato cartaceo.

Sinossi:

Una guida pratica ed essenziale per usare la sapienza taoista ed esprimere al massimo la propria creatività
La creatività è una facoltà che appartiene a tutti. Tuttavia, a volte, sembra così difficile essere creativi ed esprimere il proprio potenziale. Standard troppo alti da raggiungere, paura delle critiche, semplice rassegnazione o energie bloccate?
Secondo le antiche teorie taoiste, un po’ tutto. Poiché tutto è energia in movimento, anche la creatività non fa eccezione. Se non c’è espressione creativa in qualche forma, significa che il normale ciclo energetico è semplicemente bloccato o malfunzionante in qualche punto.
Con questo ebook imparerai a individuare e superare i blocchi alla tua creatività e imparerai a esprimere la tua energia in tutto ciò che fai.

I consigli e le tecniche selezionate in questo libro servono a chi desidera esprimere la propria creatività in qualsiasi forma ma si sente bloccato. Sono utili a chi crea già per lavoro o per passione e vuole imparare a farlo in modo più fluido. A chi sta attraversando esperienze difficili e desidera usare la creatività per trovare beneficio. Sono rivolte anche a chi è semplicemente curioso di approfondire un aspetto del pensiero taoista poco esplorato.

PERCHÉ LEGGERE L’EBOOK
. Per avere strumenti pratici per il miglioramento dell’equilibrio a livello fisico, mentale e spirituale
. Per acquisire una maggiore concentrazione e consapevolezza, che si riflettono positivamente sull’efficienza sul lavoro e sulla salute
. Per guadagnare un miglioramento delle proprie azioni
. Per avere maggiore creatività ed energia positiva per il proprio lavoro e nella vita quotidiana

A CHI SI RIVOLGE L’EBOOK
. A chi vuole una guida semplice e pratica per il proprio benessere
. A chi vuole ritrovare e favorire il benessere di corpo, mente e spirito
. A chi vuole utilizzare in maniera consapevole alcune delle più antiche tecniche e pratiche della tradizione taoista e della Medicina Tradizionale Cinese

 

 

Potrebbe interessarti anche:

“La grazia del perdono”- di Gianella Girotto

 

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.