La parte più debole di me di Nadezhda Slavova

Semplicemente, donne.

La parte più debole di me di Nadezhda Slavova

La parte più debole di me

La parte più debole di me
è la più forte.
È quella che, sotto i colpi del destino, si trasforma
come una sagoma di nebbia che si ricompone,
muta il suo aspetto sotto il peso del dolore,
cambia volto sciogliendosi come la neve
e torna, a mano a mano, che il tempo il battito allevia.
La parte più debole di me
è la più forte.
Si allunga come una goccia di pioggia sui rami,
proiettando immagini cristalline,
illusori specchi del cammino,
e sulle foglie cadute non lascia orme,
cade ma nulla teme.
Temo soltanto i muri costruiti con l’esperienza
che, come una fortezza, proteggono l’anima mia.
Eppure basta, del vento dell’indifferenza,
una sola carezza
perché crolli tutto
lasciandomi nuda.

(Nadezhda Slavova)

2 risposte

  1. helodiefazzalari ha detto:

    Stupendo! ! Ho appena pubblicato la mia prima shortstory, se ti va passa a dare un’occhiata. Si chiama “vent’anni “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.