“Myia e la storia delle storie” di Franca Adelaide Amico

Semplicemente, donne.

“Myia e la storia delle storie” di Franca Adelaide Amico

“Myia e la storia delle storie” di Franca Adelaide Amico

recensione di Emma Fenu

Myia

In anteprima vi annuncio, con emozione, l’uscita di un libro molto interessante e coinvolgente, seconda prova dell’abile penna di Franca Adelaide Amico, scrittrice nissena. Ho avuto l’onore di leggere il testo in fieri e, a conclusione avvenuta, di curarne la prefazione, che riporto a seguire.

“Un sasso lanciato nell’acqua.

I cerchi concentrici che ne conseguono.

Dal più piccolo al più grande, tutti originati dal big bang di un Demiurgo, non tradiscono la propria natura tondeggiante, dove l’inizio e la fine si nutrono della propria osmosi.

Sono microcosmi infiniti, racchiusi dentro l’abbraccio di una epopea universale.

La struttura del romanzo “Myia e la storia delle storie” ricalca quest’immagine, snodandosi fra racconti e favole che conducono lontano, fino al Timeo di Platone e ai miti di civiltà lontane e sommerse, per portaci, infine, nel luogo più recondito: la nostra anima.

“La storia nostra è storia della nostra anima; e storia dell’anima umana è la storia del mondo”.

Benedetto Croce, La storia come pensiero e come azione, 1938.

Ci sono personaggi in cerca di autore.

Li conosciamo quei sei, sui quali abbiamo a lungo fantasticato, nella bramosia di leggere o, perfino, di cimentarci a scrivere.

Ma ci sono anche autori che diventano meri tramiti di “persone” le quali accettano, sua sponte, di essere “personaggio”, per calcare la scena di carta e inchiostro finché vorranno, per poi far rientro nel mondo parallelo dell’immortalità, che a loro appartiene.

Nel romanzo di Franca Adelaide Amico, Xenia, la scrittrice, e Myia, il personaggio-persona, si ritrovano a conversare sui misteri della Vita e della vita, ossia sulle energie che muovono cosmo e memoria e sulle problematiche che si agitano in una quotidianità dove lo specchio del Tutto si frantuma.

Scelgono, per comunicare, la forma arcaica ed arcana del racconto, per svelare, storia dopo storia, la natura di un Destino che non è un libro già scritto, ma una mappa che richiede di intraprendere un viaggio.

Lasciate i bagagli e le zavorre, non vi serviranno.

Leggete, finché, all’improvviso o progressivamente, non capirete che il sasso è stato lanciato nell’acqua amniotica in cui vi cullate, ignari.

Buona avventura”.

Titolo: Myia e la storia delle storie
Autore: Franca Adelaide Amico
Edizione: Segmenti, 2017

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.