Morte a Firenze: Un’indagine del commissario Bordelli – di Marco Vichi

Semplicemente, donne.

Morte a Firenze: Un’indagine del commissario Bordelli – di Marco Vichi

Morte a Firenze:

Un’indagine del commissario Bordelli –

di Marco Vichi

Recensione di Emma Fenu

morte a Firenze

 

Morte a Firenze: Un’indagine del commissario Bordelli è un romanzo poliziesco di Marco Vichi edito da Guanda nel 2010.

Non c’è un tredicenne, perfetto come un Dio, che fa sublimare l’attrazione sessuale di un uomo maturo verso l’ideale platonico di “bello”.

No, questa storia non si intitola Morte a Venezia.

No, questa storia non prevede una catarsi.

Il cadavere di un bambino viene ritrovato e le analisi autoptiche rivelano che, prima di morire, è stato vittima di stupro da parte di almeno tre uomini.

Questa storia si intitola Morte a Firenze e il protagonista è ben noto al folto pubblico di lettori affezionati: è l’umano, terribilmente umano, commissario Bordelli.

Quasi sessantenne, il nostro antieroe, vive il periodo che precede il mitico ’68 e coglie le contraddizioni di un’epoca nella quale gli ideali partigiani, maturati sulle macerie della Seconda Guerra Mondiale, si scontrano con l’individualismo e il materialismo di un’Italia imbrattata dal fango della Storia.

Costruendo un giallo atipico, in cui non mancano teorie, colpi di scena, indizi e rivelazioni, Marco Vichi racconta un percorso di crescita duplice, quello di una nazione e quello di un uomo, entrambi in bilico fra due mondi.

Non a caso, l’indagine si svolge proprio durante i giorni della tristemente famosa alluvione che travolse Firenze, lasciandola sola, inascoltata, isolata e priva di punti di riferimento, come un popolo senza dei e senza altari che annega nella terra promessa.

Il commissario Bordelli, cinico ma idealista, tradizionalista ma non ottuso, alla ricerca di una donna-mamma-ninfetta, secondo lo stereotipo, ma pronto ad innamorarsi con il trasporto di un cuore puro, non è solo un poliziotto che lotta per il trionfo della giustizia.

È un reduce di guerra.

È un testimone della rivoluzione politica e culturale.

È un italiano.

È un uomo.

È un sopravvissuto a mille diluvi universali.

 

Link d’acquisto

https://www.amazon.it/Morte-Firenze-Unindagine-commissario-Bordelli-ebook/dp/B0065NGEHO

Sinossi

Firenze, ottobre 1966.

Non fa che piovere.

Un bambino scompare nel nulla e per lui si teme il peggio, forse un delitto atroce. Il commissario Bordelli indaga disperatamente, e durante le indagini arriva l’alluvione…

La notte del 4 novembre l’Arno cresce, si ingrossa, va a lambire gli archi di Ponte Vecchio, supera gli argini e la città è travolta dalla furia delle acque.

Le vie diventano torrenti impetuosi, la corrente trascina automobili, sfonda portoni e saracinesche, riversando nelle strade cadaveri di animali, alberi, mobili e detriti di ogni genere.

Mentre la città è alle prese con quella inaspettata e inimmaginabile tragedia, il delitto sembra destinato a rimanere impunito, ma la tenacia di Bordelli non vien meno.

Titolo: Morte a Firenze: Un’indagine del commissario Bordelli
Autore: Marco Vichi
Edizione: Guanda, 2010

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.