“Lettera a mia madre”, di Gabriella Raimondi

“Lettera a mia madre”, di Gabriella Raimondi

“Lettera a mia madre”, di Gabriella Raimondi

Contest Lettere al Femminile

Mamma

Mamma, mi hai nutrito nel suo ventre.  Mamma, mi hai dato la luce, mi hai cresciuta con il suo latte. Mamma, mi hai insegnato a parlare, a masticare, a sputare il cibo quando non mi piaceva.

Mamma, hai rinunciato a tante cose per darle a me.  Mamma, mi hai profumata, vestita con fiocchi e merletti e mi hai portato a spasso, orgogliosa. Mamma, hai capito i miei desideri, mi hai detto tanti no, ma anche tanti sì, assecondando i miei capricci.

Mamma, hai fatto tanta strada a piedi per portarmi al mare, mi hai messo la sabbia calda sulle gambe per farle crescere forti,  mi ha raccontato favole e hai messo olio e baci sui miei graffi. Mi hai insegnato a evitare i pericoli.

Mamma, anch’io ti ho cullata, lavata, profumata e accudita come ho potuto. Ti ho nutrita come una bimba, ricambiando, con i tuoi insegnamenti, quello che tu avevi  fatto per me.

Fare la mamma era il tuo mestiere. Io non sono mamma, e tu non hai potuto insegnarmi a farlo.

Mamma, io sono stata la tua bambina e tu eri la mia bambina di 95 anni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − 10 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.