Addio fantasmi  – di Nadia Terranova

Semplicemente, donne.

Addio fantasmi  – di Nadia Terranova

Addio fantasmi  – di Nadia Terranova

recensione di Giovanna Pandolfelli

addio fantasmi

Addio fantasmi è un romanzo di Nadia Terranova, edito da Giulio Einaudi nel 2018.

Ida che è fuggita dalla sua vita, Ida che continua a rotolarsi nel suo dolore, Ida che teme i legami per la paura ossessiva di perderli, Ida che torna a Messina, nella sua casa d’infanzia.

Una settimana per ricomporre le fila del passato, per rabberciarne le lacerazioni, per riabbracciare sua madre perduta nel momento in cui suo padre si ammala di tristezza.

Da allora non era più stata una madre per lei, e Ida si è dovuta assumere responsabilità troppo grandi.

La tristezza è una malattia subdola che lavora dentro non solo a chi la contrae ma anche a chi gli sta vicino.

È contagiosa, la si assorbe respirando la stessa aria che respira il malato, o solamente guardandolo, inerte, incapace di reagire.

La depressione è la vera protagonista del romanzo, abbraccia i personaggi e li ammanta dalla vita. Li accomuna condannandoli ad un senso di pesantezza, di impotenza, una lotta strenua per liberarsi dalla sua morsa. Alcuni ce la fanno altri no.

Il padre di Ida scompare un giorno d’improvviso senza lasciare tracce, se non una lunga e pesante ombra che la moglie e la figlia trascineranno faticosamente nelle loro esistenze.
Ida di mestiere inventa storie, crea vite parallele attingendo a quelle altrui, quelle che non sono la sua, poiché la sua vita è monca, è sospesa.

Non voglio figli perché ho paura che muoiano, che scompaiano, perché ho paura che tra me e Pietro frani l’amore […] mio marito non sarebbe stato padre, non dei miei figli.

Eppure, neanche questo aveva salvato il nostro matrimonio dal trasformarsi in una creatura zoppa.
cambiare quartiere, invece l’affitto è comodo, l’affitto non ci vincola, dicevamo avvitandoci come rampicanti intorno alla casa che non compravamo.

La paura della perdita attanaglia la sua esistenza che Ida costruisce senza vincoli, senza responsabilità.

La sua è un’esistenza costellata di storie interrotte e il ritorno alla casa paterna le offre l’occasione per cercarne una soluzione.

Tornare a casa, ma qual era poi la sua casa? casa: ce n’è una soltanto per ogni vita […]

La mia casa non è nessuna delle due, sta in mezzo a due mari e a due terre.

Il conflitto con la casa paterna, quella su cui il padre ha lasciato la sua ombra incombente, quella con il tetto rotto e l’umidità che entra, quel conflitto rappresenta la lacerazione delle sue radici che troverà risoluzione nel pianto di un dolore diverso, esterno, lontano dal loro, con funzione catartica.

Il dolore altrui sarà l’occasione per le due donne, che sinora avevano vissuto “intorno a una crepa sanguinante” per finalmente dire addio ai propri fantasmi, ognuna a modo suo, e godersi il presente

La vita è ein Augenblick
[…]
La scena si fa al tempo presente, il tempo degli incubi, delle insonnie, delle ossessioni, il
tempo eterno dentro cui stipare il passato.

Il passato di Ida, così come quello di ognuno di noi, custodisce ferite a volte profonde.
L’autrice ci mostra come attraverso il dolore altrui è possibile piangere tutte le lacrime anche
del proprio, fino alla purificazione da esso.

Addio fantasmi è un romanzo intimo, dai toni pacati, capace di sorprendere il lettore con un finale forte e salvifico.

Il mondo narrativo del romanzo è una Messina affacciata sullo stretto di Scilla e Cariddi, una città che oscilla tra ieri e oggi, con il suo lungomare e le sue spiagge, i vecchi locali e i nuovi quartieri.

È anche la città di origine di Nadia Terranova, che ha esordito con un romanzo nel 2015 ed era già autrice affermata di libri per l’infanzia.

Addio fantasmi è entrato nella cinquina finalista al Premio Strega 2019.

Link d’acquisto

https://www.amazon.it/Addio-fantasmi-Nadia-Terranova/dp/8806237454

Sinossi

Ida è appena sbarcata a Messina, la sua città natale: la madre l’ha richiamata in vista della ristrutturazione dell’appartamento di famiglia, che vuole mettere in vendita.

Circondata di nuovo dagli oggetti di sempre, di fronte ai quali deve scegliere cosa tenere e cosa buttare, è costretta a fare i conti con il trauma che l’ha segnata quando era solo una ragazzina.

Ventitré anni prima suo padre è scomparso. Non è morto: semplicemente una mattina è andato via e non è più tornato.

Sulla mancanza di quel padre si sono imperniati i silenzi feroci con la madre, il senso di un’identità fondata sull’anomalia, persino il rapporto con il marito, salvezza e naufragio insieme.

Specchiandosi nell’assenza del corpo paterno, Ida è diventata donna nel dominio della paura e nel sospetto verso ogni forma di desiderio.

Ma ora che la casa d’infanzia la assedia con i suoi fantasmi, lei deve trovare un modo per spezzare il sortilegio e far uscire il padre di scena.

Autore: Nadia Terranova
Titolo: Addio fantasmi
Editore: Giulio Einaudi, 2018

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.