“Corpo di vento” di Ilaria Biondi – Recensione di Ilaria Negrini

“Corpo di vento” di Ilaria Biondi – Recensione di Ilaria Negrini

“Corpo di vento” è la terza opera poetica di Ilaria Biondi, poetessa, scrittrice, traduttrice.

Ilaria ama la Bellezza, che ritrova nelle piccole cose e cerca di far vivere in ciò che ogni giorno fa, prima ancora di esprimerla nei versi.

E ama la Natura, sempre presente nei suoi testi. Nella silloge “In canti di versi” e nella raccolta di Haiku “L’età dell’erba”, la meraviglia nei confronti della natura e la contemplazione di essa sono ciò che accompagna il vivere e il cantare del poeta.

“Corpo di vento” è composto da trenta poesie: sono poesie d’amore di una bellezza che toglie il respiro in una danza di parole che ci avvolge e ci porta lontano.
Immersi in questa danza ci ritroviamo in un azzurro luminoso da cui è difficile scendere.

“Non basta
succhiare il pianto delle comete
con guance minuscole di buio
per spalancare i sussurri i
sussulti i sudori”

La sensualità della natura e la materialità del corpo diventano nuvole e vento che si rincorrono. Significati e significanti si intrecciano creando davanti a noi una tela dipinta di colori, luci e ombre che ci fanno rivivere l’incontro fra l’io e il tu, l’emozione delle anime amanti che si riconoscono.

“Rumore di abbracci
impigliato nella
corolla stupita del desiderio”

Ilaria Biondi riesce ad accostare le parole in modo da farci entrare pienamente nell’emozione che descrive

“Scivolo supplice
sui morfemi della tua pelle
e concedo volo illecito alla
bocca affamata di sete”

Possiamo quasi vedere lo sguardo dell’amato:

“La grazia voluttuosa della tua bocca
spettinata dalle lacrime tiepide
di venti persuasi d’amore”

Sentire le sue carezze:

“il pensiero liquido delle tue mani”

Fino a provare il languore che coglie dopo una notte d’amore:

“A schiuderti
nell’indugio volubile del petto
adagio adagio
la dolcezza pallida di un sonno
raccolto in mazzi di narcisi
sul piede scalzo del mattino”

I fiori, espressione viva della bellezza e della natura, sono sempre presenti e accompagnano i due innamorati vivendo le loro stesse emozioni:

“Grappolo di papaveri
assetati di affanno”

“… seguirei le briciole del nulla azzurro
a spiare l’amplesso ingordo
di petunie senza veli”

Sinossi:

“Si spinge nel blu senza maiuscole il pensiero liquido delle tue mani atollo di doglie insolenti annodate al miele di gelso che mi sbuccia il grembo insazio”

Titolo: Corpo di vento
Autore: Ilaria Biondi
Genere: Poesia
Edizione: Controluna, 2018
Link d’acquisto:

https://www.ibs.it/corpo-di-vento-libro-ilaria-biondi/e/9788885791404

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − dieci =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.