“Mi sei mancata più di tutte le mancanze” di Grazia Fresu

“Mi sei mancata più di tutte le mancanze” di Grazia Fresu

Voglio dirle a te, mamma,
eterna in uno spazio tempo lontano, le parole 
che a tua nipote ha detto la sua bambina,
tutta l’essenza di un legame
nell’abbraccio di un incontro
suggellato con la magia di una frase,
mi sei mancata, mamma,
nei passaggi impervi della vita
dove la tua carezza poteva consolarmi
nei dubbi dove ti saresti seduta
con lucido coraggio a illuminarmi
nell’allegria delle ore felici
nei libri scritti nell’amore imperioso,
mi sei mancata allineando le vecchie foto
dove bellissima coi tuoi occhi marini
circondi del tuo abbraccio
la mia protetta infanzia,
nel porto da fine del mondo
verso cui partii sfidando le distanze
in un teatro di velluti rossi
e scenario dorato dove recitando
ho visto la tua ombra soave
che applaudiva sillabando il mio nome.
Madre, tutte le mancanze non fanno la tua
persistendo nei giorni annidata nelle pieghe
del dolore incastonata nei sorrisi dell’alba,
nella mia carne nel mio spirito
sempre con dolcezza
più di tutte le mancanze mi manchi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.