Storia della nostra scomparsa – di Lee Jing Jing

Semplicemente, donne.

Storia della nostra scomparsa – di Lee Jing Jing

Recensione di Emma Fenu

scomparsa

Storia della nostra scomparsa è un romanzo di Lee Jing Jing edito da Fazi nel 2020.

Donne di conforto, così le chiamavano.

E non provano pena.

E non attribuivano loro rispetto.

Erano colpevoli di essere donne, di essere sole, di essere povere, di essere straniere. E di essere, in qualche modo, sopravvissute.

Donne di conforto, così le chiamavano i soldati giapponesi durante l’invasione di Singapore, ragazzini mandati in guerra come in un gioco, ufficiali che giocavano con le vite umane.

Donne di conforto, così le chiamavano i compaesani, gli uomini che le avevano viste crescere, le amiche d’infanzia, i vicini di casa che abbassavano il tono della voce e sollevavano l’indice verso di loro.

Erano ragazzine rapite dalle famiglie, rinchiuse in case di piacere, scalze e con vestiti con pochi bottoni, costrette a soddisfare 30/ 50 soldati al giorno, esposte alle malattie e alle gravidanze, denutrite, picchiate se osavano ribellarsi, costrette a non parlare fra loro.

Donne di conforto, così le chiamavano per paura e vergogna di dire la verità.

Erano schiave, violate nel corpo e nell’anima, che dovevano solo scomparire dalla memoria collettiva, non essere citate nei libri e nei documentari e non essere ricordate in famiglia.

Private del nome cinese e defraudate dell’identità, erano costrette a non essere nessuno e a cibarsi del silenzio perché la loro storia, intrisa di odio, di brutalità e di disonore, non la voleva conoscere nessuno.

Il disonore era di chi le ha violentate e che, per continuare a vivere, ha addossato loro la colpa, perché la loro scomparsa fosse di conforto come era stata la loro vita, al servizio degli uomini e del potere, senza scelta.

Storia della nostra scomparsa è un romanzo intenso, che rivisita una storia vera e drammatica, ma che non pecca nella tensione narrativa, coinvolgendo il lettore in una vicenda appassionante di agnizione e di ricerca di una verità che da sfumata si fa nitida.

Affrontando la negazione della femminilità e della maternità, Lee Jing Jing riesce davvero a costruire un sistema a scatole cinesi che inizia con tre diverse versioni sulla nascita di una neonata – una fiabesca, una triste e una tragica- e termina con tre diverse versioni, nello stesso climax, sulla sopravvivenza di un neonato.

Quale storia sarà quella vera?
Dovete scegliere di leggere.
E le storie non scompariranno.
Salvatele. Salvatevi.
Link d’acquisto
https://www.amazon.it/Storia-della-nostra-scomparsa-Jing-Jing/dp/889325526X

Sinossi

Wang Di ha soltanto sedici anni quando viene portata via con la forza dal suo villaggio e dalla sua famiglia.

È poco più che una bambina.

Siamo nel 1942 e le truppe giapponesi hanno invaso Singapore: l’unica soluzione per tenere al sicuro le giovani donne è farle sposare il più presto possibile o farle travestire da uomini.

Ma non sempre basta.

Wang Di viene strappata all’abbraccio del padre e condotta insieme ad altre coetanee in una comfort house, dove viene ridotta a schiava sessuale dei militari giapponesi.

Ha inizio così la sua lenta e radicale scomparsa: la disumanizzazione provocata dalle crudeltà subite da parte dei soldati, l’identificazione con il suo nuovo nome giapponese, il senso di vergogna che non l’abbandonerà mai.

Quanto è alto il costo della sopravvivenza?

Sessant’anni più tardi, nella Singapore di oggi, la vita dell’ormai anziana Wang Di s’incrocia con quella di Kevin, un timido tredicenne determinato a scoprire la verità sulla sua famiglia dopo la sconvolgente confessione della nonna sul letto di morte.

È lui l’unico testimone di quell’estremo, disperato grido d’aiuto, e forse Wang Di lo può aiutare a far luce sulle sue origini.

L’incontro fra la donna e il ragazzino è l’incontro fra due solitudini, due segreti inconfessabili, due lunghissimi silenzi che insieme riescono finalmente a trovare una voce.

Jing-Jing Lee attinge alla sua storia familiare raccontando la memoria dolorosa e a lungo taciuta di una generazione di donne delle quali è stata per decenni negata l’esistenza: una pagina di storia che troppo a lungo è stata confinata all’oblio.

Titolo: Storia della nostra scomparsa
Autore: Lee Jing Jing
Edizione: Fazi, 2020

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.