“Canzoni per parlare di donne” a cura di Lina Mazzotti

“Canzoni per parlare di donne” a cura di Lina Mazzotti

“Canzoni per parlare di donne”

a cura di Lina Mazzotti

 

donne

 

 

In questa giornata internazionale dei diritti della donna in cui ogni anno si ricordano le conquiste sociali viene associata anche la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.  L’otto marzo comunemente ricordato come il giorno della Festa della donna è una festa di riflessione.

Mi piace rileggere e risentire le parole di canzoni che sostengono e confortano le donne, per riflettere insieme e arrivare a consapevolezze riuscendo a difendersi da ogni tipo di sopruso.

La musica ha dato e continua a dare un grande contributo per combattere un qualsiasi tipo di abuso o di violenza sulle donne. Tanti gli artisti che hanno scritto canzoni per incoraggiare a dire basta cercando di reagire.
Canzoni come poesia che arriva all’anima, con parole accompagnate da melodie e note che ne sottolineano l’importanza.

Ecco alcuni brani

Oh mother di Christina Aguilera

“Lei pensava che lui fosse un ragazzo meraviglioso
poi improvvisamente, le cose sembrarono cambiare
è stato il momento in cui ha preso il suo nome
ha sfogato la sua rabbia sulla sua faccia
lei ha tenuto il suo dolore nascosto

oh mamma, siamo forti
da tutte le lacrime che hai versato
oh mamma, non guardare indietro
perché lui non ci farà più del male”.

 

donne

 

Mai per amore di Gianna Nannini

“Il tuo silenzio uccide un cuore andato in cenere
quasi mai quasi mai
mi hai guardato più forte negli occhi e mi hai detto chi sei
lo sai che quasi mai
il vero amore lascia i lividi

Mai per amore mai per amore
mi lascerò per te morire
mai per amore mai per amore
guardami cerco la luce di noi nelle lacrime”.

 

Little Black Sandals di SIA

“Questi piccoli sandali neri mi stanno portando via
questi piccoli sandali neri stanno prendendo la via giusta
questi piccoli sandali neri mi stanno portando via
questi picchialo sandali neri mi hanno salvato la vita oggi

così ora sono libera, libera dal gigante cattivo
che mi inseguiva
grazie piedi per avermi guidato
sono contenta che in qualche modo sia riuscita almeno ad uscirne”.

 

La signora del quinto piano di Carmen Consoli

 

“La signora del quinto piano
ha un pitone in salotto
un guardiano fidato.
Il suo ex è ogni sera davanti al portone
con un martello in mano.
Non v’è ragione alcuna
di aver paura
di aver paura
questa è una conclusione
dei funzionari della questura”.

 

donne

 

 

Til It Happens to you di Lady Gaga

 

“Fino a quando non accade a te, tu non sai
come ci si sente,
come ci si sente.
fino capita anche a te, non lo sai
non sarà reale
no, non sarà reale
non sai come ci si sente

mi dici di tenere alta la testa
tenere alta la testa ed essere forte
prima di cadere devi alzarti
devi alzarti e andare avanti”.

 

Gesù Cristo sono io di Levante

 

“Gesù cristo sono io
per le menzogne che ti ho perdonato
e le preghiere fuori dalla porta
per il mio sacro tempio abbandonato
confessa che sei il demonio nella testa
che mi trascina sempre giù

confessa
che il paradiso non mi spetta
che non mi sono genuflessa
che non mi sono genuflessa
che, che da te risorgo anch’io”.

 

Donna di Mia Martini

 

“Donne piccole come stelle
c’è qualcuno le vuole belle
donna solo per qualche giorno
poi ti trattano come un porno.
Donne piccole e violentate
molte quelle delle borgate
ma quegli uomini sono duri
quelli godono come muli”.

donne

 

Ballata triste di Nada

 

“Era una giornata
nata per andare
come sempre a lavorare
ma poi una parola tira l’altra e la storia
si macchia di qualcosa che era da venire
e una parola tira l’altra e diventano pietre
che saltano sui muri e si mettono di traverso

è così che comincia la discussione
la discussione precipita in un disastro
e il tavolo vola e poi si rompe un piatto
lei grida e i denti mordono i santi
e il sangue corre alla testa non si può fermare
i figli sono a scuola, nessuno può sentire”.

 

Nessuna conseguenza di Fiorella Mannoia

 

“A te che mi dicevi “ma tu dov’è vuoi andare che non conosci il mondo
e ti puoi fare solo male ancora hai troppe cose da imparare
devi solamente stare zitta e ringraziare”
parlando mi dicevi tutto questo e molto altro
guardandomi ogni volta dall’alto verso il basso
perché non pensavi che avrei avuto un giorno il coraggio
mi sembrava di restare ferma al punto di partenza
di non essere capace di bastare mai a me stessa, di non avere una certezza
di non essere all’altezza”.

 

 

donne

 

 

Finisco questa breve carrellata di canzoni dedicate alle donne con “Vuoto a perdere” cantata da Noemi ma firmata da due figure storiche della musica italiana: Vasco Rossi per il testo e Gaetano Curreri degli Stadio per la musica.

Una canzone che racconta l’attimo in cui la donna prende consapevolezza del tempo che scorre e dei cambiamenti emotivi, personali e anche fisici. Lo fa con stupore e un pochino di malinconia ma non con compatimento, con la volontà di guardarsi nel presente per poi rimboccarsi le maniche e costruire ponti per il futuro. Una donna che vuole vivere in modo sereno senza rimpianti, con maturità e amore per se stessaNon mi fermo più

 

 

Vuoto a perdere di Noemi

Sono un peso per me stessa
sono un vuoto a perdere
Sono diventata grande senza neanche accorgermene
e ora sono qui che guardo
che mi guardo crescere
la mia cellulite le mie nuove
consapevolezze

Quanto tempo che è passato
senza che me ne accorgessi
quanti giorni sono stati
sono stati quasi eterni
quanta vita che ho vissuto inconsapevolmente
quanta vita che ho buttato
che ho buttato via per niente

Sai ti dirò come mai
giro ancora per strada
vado a fare la spesa
ma non mi fermo più
a cercare qualcosa
qualche cosa di più
che alla fine poi ti tocca di pagare

Sono un’altra da me stessa
sono un vuoto a perdere
sono diventata questa
senza neanche accorgermene
ora sono qui che guardo
che mi guardo crescere la mia cellulite le mie nuove consapevolezze

Sai ti dirò come mai
giro ancora per strada
vado a fare la spesa
ma non mi fermo più
mentre vado a cercare quello che non c’è più
perché il tempo ha cambiato le persone
ma non mi fermo più
mentre vado a cercare quello che non c’è più
perché il tempo ha cambiato le persone

Sono un’altra da me stessa
sono un vuoto a perdere
sono diventata questa
senza neanche accorgermene.

Auguri a tutte le Donne

donne

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.